01feb 2020
ACADÉMIE DU CHAMPAGNE – LA FERMENTAZIONE MALOLATTICA – DEGUSTAZIONE
Académie du Champagne - Masterclass sulla fermentazione malolattica – Le scelte dello Chef de cave -La degustazione
Articolo di: Fabiano Guatteri

Masterclass: le scelte dello Chef de cave – La fermentazione malolattica dello Champagne - L'acido malico.

Introducendo le tre masterclass tenute dall’Académie du Champagne lo scorso anno a Milano all’Hotel Principe di Savoia sulle scelte dello chef de cave, abbiamo accennato qui  al ruolo di promozione e divulgazione del Bureau du Champagne che rappresenta in Italia il CIVC ossia il Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne con sede a Epernay in Francia.

 

La prima Masterclass ha avuto per tema i vini di riserva.

 

La seconda Masterclass ha avuto per tema la fermentazione malolattica, ed è stata tenuta da Benoît Villedey, enologo dei Servizi Tecnici del Comité Champagne.

 

Dopo la fermentazione alcolica e prima dell’assemblaggio e della fermentazione in bottiglia lo chef de cave può decidere di sottoporre il vino alla fermentazione malolattica. Compierla o no è una decisione che lo chef de cave assume prendendo in considerazione le uve, valutando vari fattori a cominciare dall’acidità. La tipicità è un criterio di scelta.

 

La fermentazione malolattica è una scelta tecnica; ha cominciato a essere eseguita a partire dagli anni sessanta del secolo scorso. Durante la fermentazione l’acido malico viene trasformato nel più morbido acido lattico e nel corso di questo processo è prodotta CO₂. E’ una fermentazione moto difficile che si effettua quando il vino ha una spiccata acidità (da acido malico, non tartarico). Può avvenire in modo naturale se l’acido malico è presente con almeno 2 g per litro e ph attorno a 3 e si verifica in primavera quando il la temperatura comincia a salire e raggiunge 18-20 °C.

 

Attualmente si esegue in autunno e si effettua per tre motivi:


ridurre l’acidità e aumentare il ph;

 

completare il profilo aromatico con la formazione di nuovi composti;


stabilizzare il vino in quanto l’acido malico è instabile come lo zucchero, mentre l’acido lattico è più stabile e non dà vita a nuove fermentazioni indesiderate.

 

L’acido malico è presente nell’acino con concentrazioni più forti durante l’invaiatura, poi con la maturazione dell’uva comincia a degradarsi sino alla vendemmia. Lo chef de cave, in base anche alla concentrazione dell’acido malico decide quando è il momento più adatto per vendemmiare. In linea di massima più l’annata è calda e minore è la concentrazione di acido malico.

 

Dopo la fermentazione malolattica il vino è più burroso, ha ricordi di brioche, di panna, mentre se non viene effettuata il vino è più fruttato, floreale, con persistenza acida. L’85% degli Champagne ha completato la fermentazione malolattica, il 12 % l’ha svolta solo parzialmente e il 3% non l’ha effettuata

 

Champagne in degustazione

 

Collard-Picard Cuvée Prestige (foto 2)

E’ prodotto con uve chardonnay 50%, pinot nero 25% e meunier provenienti quasi esclusivamente da Grand Cru e Premier Cru. Non è millesimato, la fermentazione alcolica si svolge in botte di legno di rovere così come l’invecchiamento che si protrae per 12-15 mesi in grandi botti di quercia. Non svolge la fermentazione malolattica. La lunga permanenza in legno è una scelta azzardata in quanto la presenza importante di acido malico può innescare fermentazioni indesiderate. Il profilo organolettico è fruttato con sentori di frutta candita grazie all’affinamento, e acidità ben espressa.


Duval-Leroy Femme de Champagne Grand Cru (foto 3)

Da uve chardonnay 80%, pinot nero 20% è uno Champagne non millesimato. Il 15% dell’assemblaggio è vinificato in botti di rovere; l’affinamento sui lieviti ha una durata di 13 anni e un invecchiamento complessivo di 15 anni. Ha svolto una malolattica lunga, senza controllo della temperatura. Alla degustazione svela sentori di brioche, caramello oltre a note burrose, agrumate di limone e mandarino e boisé. Dosaggio 5 g per litro.

 

Lanson Gold Label 2008 (foto 4)
Nasce da pinot nero 53%, chardonnay 47% con fermentazione in botti di rovere; il vino matura da 12 a 15 mesi sempre in botti di rovere. Non effettua la malolattica. Il 2008 è stata un’annata fresca con uve ricche di acido malico. Come nel caso di Collard-Picard Cuvée Prestige, la scelta è stata rischiosa proprio perché la presenza rilevante di acido malico avrebbe potuto generare fermentazioni indesiderate. E’ uno Champagne floreale e fruttato con note di frutta candita, di confettura; in bocca è pieno, complesso, piacevolmente fresco.


Tattinger Millésimé 2013 (foto 5)
E’ prodotto con uve pinot nero 50%, chardonnay 50%, e matura in cantina di 5 anni. Ha eseguito la fermentazione malolattica. La 2013 è stata un’annata particolare con concentrazioni importanti di acido malico, ammorbidito in questo millesimato dalla malolattica. Degustazione: impatto di frutti a polpa banca e sentori agrumati cui si uniscono note floreali, di brioche comunicate dalla malolattica, oltre a riprodurre sensazioni speziate e tostate. In bocca è morbido, intenso, di grande piacevolezza.

1

2

3

4

5

Photo Credits

Photo 1 : Foto di SplitShire da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
Botticino Noventa: i grandi vini di un piccolo territorio
Noventa è un’ azienda vitivinicola a conduzione famigliare di Botticino Mattino, borgo nel cuore della zona DOC bresciana Botticino.   Fondata nel 1970, la cantina dispone di 11 ettari vitati di proprietà disposti... Leggi di più
EAST MARKET, L’EVENTO VINTAGE MILANESE TORNA DOMENICA 22 MAGGIO 
Nuovo appuntamento con East Market, l’evento del vintage milanese dedicato a privati e professionisti, dove tutti possono comprare, vendere e scambiare. 300 selezionati espositori da tutta Italia tornano con miglia... Leggi di più
Intelligenza artificiale e turismo. La parola a Febo Leondini
In attesa del BTO - Be Travel Onlife, che si svolgerà a Firenze il 22 e il 23 novembre che tratterà anche il tema Intelligenza Artificiale e Turismo, abbiamo chiesto a un esperto del settore di darci una chiave di lettur... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.