27mar 2020
ACADÉMIE DU CHAMPAGNE – IL DOSAGGIO – DEGUSTAZIONE
Académie du Champagne - Masterclass sul Dosaggio – Le scelte dello Chef de cave -La degustazione
Articolo di: Fabiano Guatteri

Introducendo le tre masterclass tenute dall’Académie du Champagne lo scorso anno a Milano all’Hotel Principe di Savoia sulle scelte dello chef de cave, abbiamo accennato qui al ruolo di promozione e divulgazione del Bureau du Champagne che rappresenta in Italia il CIVC ossia il Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne con sede a Epernay in Francia.

Siamo giunti alla terza e ultima Masterclass (nella foto 1 gli Champagne degustati nelle tre Masterclass)

 

La prima Masterclass ha avuto per tema i vini di riserva (vedi qui), la seconda la fermentazione malolattica dello Champagne - L'acido malico (vedi qui)

 

Terza Masterclass: le scelte dello Chef de caveil dosaggio, tenuta da Nicola Roni Ambasciatore dello Champagne per l’Italia 2007

La maggior parte degli Champagne, dopo la sboccatura la bottiglia viene colmata con lo sciroppo di dosaggio, o liqueur d'expedition, ossia una miscela di vini di riserva con l’aggiunta di zucchero di canna raffinato o candito, nella proporzione di 75 kg di zucchero per 53 litri di vino. La liqueur è conservata in acciaio, in legno oppure in magnum.

 

Perché si dosa lo Champagne

I vini riserva danno stabilità allo Champagne mentre lo zucchero, contenuto nello sciroppo di dosaggio, che ha un’ottima solubilità, ne arricchisce il panorama aromatico. L’aggiunta della liqueur va a completare, a compensare il sapore completamente secco dovuto alla seconda fermentazione in bottiglia, conferendo rotondità a vini che hanno estinto gli zuccheri e che sono un po’ ruvidi.

 

Cosa comunica la liqueur allo Champagne

La liqueur conferisce allo Champagne complessità aromatica-degustativa, morbidezza, freschezza, dolcezza, volume, personalizzazione e valorizzazione. La liqueur, inoltre si utilizza in base al ph, all’acido tartarico, alla carbonica alle caratteristiche del vino e alle necessità del mercato.
Prima del 1830 lo sciroppo di dosaggio era utilizzato in dosi consistenti al fine di mascherare note acerbe e vegetali, per rendere cioè piacevole un vino spigoloso e lo zucchero lo rendeva dolce come i vini da dessert attuali. Si consideri che all’epoca a fronte degli attuali più di 50 g di zucchero a litro utilizzato per gli Champagne doux, il dosaggio in Francia era parti a150-200 g per litro, mentre in Russia raggiungeva i 300 g per litro. In Inghilterra, invece, si beveva più secco, gusto che alla fine prevalse. Lo Champagne divenne sempre più secco: il brut nasce nel 1950

 

Quantità di zucchero utilizzata per il dosaggio

doux, più di 50 g per litro
demi-sec, da 32 a 50 g per litro
sec, da 17 a 32 g per litro
extra-dry da 12 a 17 g per litro
brut, meno di 12 g per litro
extra-brut da 0 a 6 g per litro
brut nature, pas dosé o dosage zéro con una concentrazione inferiore a 3 g per litro non ottenuto mediante l’aggiunta di zucchero

 

Champagne in Degustazione

 

A. Berger Cuvée Vignes de Nuits (foto 2)
Prodotto con uve di una singola parcella di chardonnay unicamente nelle annate di eccezionale qualità. La fermentazione è avvenuta in acciaio dove ha avuto luogo anche la malolattica, quindi è seguito l’affinamento in legno. In bocca l’ingresso è verde di freschezza con bollicine veloci. L’olfatto è netto, con note boisé, agrumate e leggermente caramellate; sentori aromatici anche mentolati ed è lungo e persistente finale.

 

Deutz Amour de Deutz 2009 (foto 3)
Chardonnay 100 per cento, permane 8 anni sui lieviti. Ha colore dorato con bollicine finissime; si colgono mineralità, fiori leggermente appassiti e poi ananas, frutta sciroppata, erbe aromatiche. Il terreno gessoso in cui radicano le viti conferisce mineralità. E’ un vino rotondo e verticale.

 

Laurent-Perrier Blanc de Blancs (foto 4)
Chardonnay 100%; il vino affina in vasche di acciaio inox; dopo la sosta sui lieviti in bottiglia, alla sboccatura non viene dosato. Nel calice possiede luminosità con bollicine fini che salgono in linea retta; i riflessi verdi preannunciano freschezza. E’ minerale, con sentori agrumati. Il gusto è molto secco con un buon equilibrio tra salinità e sentori agrumati. Deterge compiutamente la bocca.

 

Moët & Chandon Grand Vintage Rosé 2012 (foto 5)
Pinot nero 42% (di cui il 13 per cento di vino rosso), chardonnay 35% e meunier 23%. Il vino ha maturato in cantina circa 5 anni; la sboccatura è stata effettuata nel febbraio del 2018. In bocca l’ingresso è un colpo di freschezza, lo zucchero si perde nel vino e si evidenziano note di lampone, di fragole di bosco; buona acidità, gusto pulito, netto.

 

Pommery Grand Cru Royal Millésimé 2008 (foto 6)
Prodotto utilizzando 50 per cento di uve pinot nero e 50 per cento di chardonnay da cru Côte del Blancs e della Montagne de Reims. Permane 10 anni sui lieviti. Ha colore dorato, ed è uno Champagne dotato di grande longevità che si percepisce già dalla freschezza si coglie odorandolo. In bocca è verticale, note saline, nessuna sfumatura dolce e si avverte un’assoluta pulizia.

 

Vielle France Blanc de Blancs (foto 7)
Da uve chardonnay al 100 per cento, rimane 8 anni sui lieviti. Ha colore giallo paglierino che vira al dorato dotato di effervescenza veloce. Odorandolo si colgono sentori di fungo, tartufo, bosco, note di miele di castagno, intensità notevole con nuance di caramello e fumé. In bocca si coglie la maturità ed è uno Champagne che si presta benissimo agli abbinamenti: come si suole dire è uno Champagne gastronomico.

1

2

3

4

5

6

7

8

Articoli Simili
I più letti del mese
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
Botticino Noventa: i grandi vini di un piccolo territorio
Noventa è un’ azienda vitivinicola a conduzione famigliare di Botticino Mattino, borgo nel cuore della zona DOC bresciana Botticino.   Fondata nel 1970, la cantina dispone di 11 ettari vitati di proprietà disposti... Leggi di più
EAST MARKET, L’EVENTO VINTAGE MILANESE TORNA DOMENICA 22 MAGGIO 
Nuovo appuntamento con East Market, l’evento del vintage milanese dedicato a privati e professionisti, dove tutti possono comprare, vendere e scambiare. 300 selezionati espositori da tutta Italia tornano con miglia... Leggi di più
Intelligenza artificiale e turismo. La parola a Febo Leondini
In attesa del BTO - Be Travel Onlife, che si svolgerà a Firenze il 22 e il 23 novembre che tratterà anche il tema Intelligenza Artificiale e Turismo, abbiamo chiesto a un esperto del settore di darci una chiave di lettur... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.