17mar 2022
19 MARZO: UNO, ANZI DUE REGALI, PER UN PAPÀ FIGO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Se il tuo papà non è tutto poltrona e ciabatte, se ama tenersi in forma e non disdegna una giusta mondanità, allora ti suggeriamo due regali pensati proprio per lui: un distillato e un profumo (foto 2).
Sono due prodotti apparentemente senza alcuna vincolo di parentela, ma in realtà chi ama mettere il naso nel bicchiere per cogliere sentori fruttati e floreali, sicuramente sa apprezzare un grande profumo, quando questo è garbato e armonico. Pertanto non ti consigliamo due prodotti così, come dire, qualsiasi.

 

 

Hennessy XO 

 

Per distillato ti proponiamo un Cognac (foto 3), una scelta di classe. E’ sicuramente in controtendenza rispetto ai distillati vocati alla mixology. Bere Cognac è uno stile di vita. Si può sicuramente miscelare, ma sorseggiarlo in purezza in un ballon, non è per tutti. In particolare ti consigliamo l’etichetta di una grande Maison, l’Hennessy. Fondata 1765 da Richard Hennessy, nobile irlandese che militò nell’esercito francese, nella Charente fondò la sua distilleria. La fama del distillato qui prodotto varcò negli anni i confini così da raggiungere tutte le corti d’Europa.

 

L’etichetta in questione è l’ XO, ,creata nel 1870 da Maurice Hennessy per la sua cerchia di amici. La denominazione XO, Extra Old, definisce i Cognac lungamente invecchiati. Le botti di rovere dove il distillato matura per anni, ne ammorbidiscono la ruvidezza giovanile, e ne nobilitano il corpo. Alla commercializzazione, in un’elegante bottiglia da collezione il distillato svela un colore ambrato profondo. Odorandolo è un effluvio di sentori di frutta matura, candita, essiccata, secca, una polifonia di note dolci, carezzevoli, suadenti. In bocca l’impatto è caldo, pieno, avvolgente. La morbidezza fa sì che la componente alcolica faccia da sfondo, garbata e mai invadente, al gusto intenso del distillato. Alle note di frutta candita già percepite odorandolo si uniscono sensazioni speziate e nuance boisée comunicate dal rovere.

 

Poi il papy potrà miscelarlo in cocktail, degustarlo con ghiaccio o assaporarlo in totale purezza in un ballon, inseguendo ricordi che quel distillato gli suggerisce.

 

 

Creed Erolfa

 

Veniamo al profumo (foto 4). Le origini del marchio Creed, risalgono a metà Settecento a Londra. Nell’Ottocento i profumi Creed ,non solo erano destinati a Sua Maestà Britannica e alla sua corte, ma anche alle famiglie regali di Francia, Austria e Ungheria, e anche di Spagna. Nel 1854
per volere dell'Imperatrice Eugenia di Francia, moglie di Napoleone III, Henry Creed II si stabilì a Parigi sotto la protezione della regnante.

 

E nei secoli ciascuna generazione Creed diede il proprio apporto dando vita a nuove fragranze anche grazie alla collaborazione di grandi “nasi”. Nella collezione Creed abbiano scelto Erolfa perché bene si adatta a un uomo raffinato che sa cogliere la classe di un altrettanto raffinato profumo. Le note discrete, penetranti, ma non pungenti, sottili e non ostentate, di Erolfa ricorderanno al papy qualche suo viaggio dall’Asia al Sud America, ma anche il profumo del mare della Normandia e della Bretagna quando si mescolava a quello dell’erica. Apprezzerà le note agrumate di bergamotto, così come quelle erbacee e speziate. Tutte queste sfumature olfattive si integrano per dar vita a un’elegante tessitura.

 

 

Epilogo


E mentre il papy sorseggerà il suo XO e tu avvertirai  la fragranza dell'Erolfa, apprezzando il suo stile di vita potrai capire meglio perché un uomo così piace, e non solo alla mamma.



1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
IL FESTIVAL DOVE IL CIBO È PROTAGONISTA: PARMA LE 4 P DEL FOOD&PEOPLE
Il festival fa cultura dove il cibo è protagonista,  a Parma le 4 P del “Food&People”   P come : Parmigiano, Pasta, Pomodoro, Prosciutto. E come Parma, naturalmente. È stata presentata la seconda edizione di Gola Gola... Leggi di più
SAN VALENTINO È: IO, TE E DUBL
Una cena romantica, una sorpresa scintillante, un brindisi con il Metodo Classico Dubl. DUBL è la linea di Metodo Classico firmata da Feudi Di San Gregorio e nata per interpretare i vitigni tipici irpini attraverso la pi... Leggi di più
QUANDO IL RUM È MADE IN ITALY
Sino al secolo scorso l’Italia era nota quasi esclusivamente per le grappe, oltre a piccolissime oltre alla liquoristica di ispirazione casalinga cui vanno aggiunte piccole e meno note produzioni di distillati di f... Leggi di più
CENA BENEFICA AL MORO DI MONZA CON TRE CHEF OSPITI AI FORNELLI
Gli chef Carlo Andrea Pantaleo del Milano 37 di Gorgonzola, Michele Mauri de La Piazzetta di Origgio Varese, Fabio Silva del Derby Grill di Monza, e i padroni di casa Salvatore e Vincenzo Butticè del Ristorante Il Moro d... Leggi di più
DEGUSTAZIONE DI SAKE PREGIATI DELLA SAKE COMPANY AL WAGAMAMA
Si è recentemente tenuta una degustazione di sake della Sake Company abbinati ai piatti di Wagamama (foto 2) ristorante di cucina asiatica ispirata ai sapori del Giappone.   Ha condotto in modo esauriente la degustazio... Leggi di più
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.