25ott 2019
STORIE DI VENDEMMIA 2019 | DALL’UVA AL VINO
Articolo di: Stefania Turato

La raccolta dell’uva per il vino viene definita dal termine Vendemmia.

Di vendemmia abbiamo parlato già qui

L’Italia unita da una Vendemmia unica.

Storie, tanti racconti in vigna 

Il vino ha il suo momento della rinascita, a ogni vendemmia. 

La cronaca di Vendemmia 2019 raccontata dal sentimento di alcuni vignaioli, a nord, a sud d’Italia e isole, che ci parla ancora di estate mentre noi si sta facendo il cambio dell’armadio. Almeno per noi, non c’è il cattivo tempo ma il vestito sbagliato.

Il clima invece per il vignaiolo è il suo alleato o il suo nemico.

Poi c’è assieme al terreno, al sottosuolo, il suo pensiero sul suo vino.

Il vino porta con sé, alla stessa stregua, certezze e incertezze. L’amore del vignaiolo (per il vino) è: non sapere mai abbastanza.

 

Cecchetto 

Siamo ormai giunti alla conclusione di questa vendemmia 2019, iniziata con 10-15 giorni di ritardo a causa di un altalenante andamento climatico rispetto al 2018.

Dopo un inizio anno contraddistinto dai primi 3 mesi scarsamente piovosi con un clima mite che ha fatto pensare ad un anticipo di inizio germogliamento,  nei mesi di aprile e maggio si sono verificate abbondanti piogge e si sono registrate temperature ben al di sotto della media stagionale che hanno comportato un notevole rallentamento della fase di sviluppo dei germogli. Giugno è iniziato con un caldo siccitoso e pochi eventi temporaleschi di modesta intensità che nel corso dell’estate si sono intensificati,  pur mantenendo elevate le temperature che solo nel mese di settembre hanno iniziato a diminuire pur mantenendosi sopra la media del periodo.

Mediamente la raccolta delle uve precoci (Pinot Grigio e Chardonnay) è iniziata in Veneto nei primi di settembre, seguita poi da Glera e successivamente dalle varietà a bacca rossa che si sono protratte anche a fine settembre ed inizio ottobre (Merlot, Cabernet). Complessivamente si è registrata una diminuzione delle quantità rispetto al 2018 con punte anche del 20%-30% per alcune varietà. La qualità sembra essere buona con un buon tenore alcolico e acidità, non sempre raggiungibile con questi equilibri.  Per il Raboso del Piave invece, bisognerà attendere la fine di ottobre con le prime brine come vuole la tradizione.  Marco Cecchetto

 

Gualberto Ricci Curbastro & Figli 

Ad un inverno siccitoso e non freddo è seguita una primavera calda ad aprile e molto fredda e piovosa a maggio. Questo andamento climatico ha stressato la vite già in fase pre-vegetativa consumando molte delle riserve accumulate nel legno e provocando germogliamenti disomogenei. L'11 Maggio una grandinata piuttosto violenta e inattesa stante il clima freddo, ha provocato danni quantitativi di circa il 45% su una vasta superficie aziendale.,

Dopo un periodo piuttosto caldo fatto registrare nella seconda metà del mese di aprile, nel mese di maggio diversi giorni molto piovosi accompagnati da temperature piuttosto basse hanno causato un'importante percentuale di aborti floreali e conseguente riduzione della dimensione dei grappoli.

I mesi di giugno e di luglio hanno invece fatto registrare scarse precipitazioni che hanno obbligato  ad interventi di irrigazione di soccorso. 

L'epoca di raccolta a causa del  freddo primaverile è stata ritardata mediamente dai 7 ai 15 giorni. La vendemmia iniziata nella terza settimana di agosto (25 Agosto). 

Le rese in mosto sono state inferiori alla media a causa della conformazione dei grappoli. Da un punto di vista qualitativo i livelli risultano molto buoni con diverse punte di ottimo, per i nostri Franciacorta sarà un'annata di grandi millesimati.

Un momento di passaggio. L'uva diventa vino, l'esperienza passa da padre 

in figlio. Riccardo e Gualberto Ricci Curbastro. L'attesa per la 

svinatura del Pinot Nero, in Franciacorta (foto 1).

 

Ozieri vitigno Alvarega o Bianca Greca

Parliamo del recupero e valorizzazione di un vitigno minore autoctono della Sardegna centro-settentrionale

Si è svolta sabato 12 ottobre la vendemmia dell' Alvarega per la produzione del vino "Procurade"; alle 8:30 ci siamo avviati, un bel gruppo di circa 20 persone, soci, amici e volontari - come ogni anno d'altronde.

Il tempo è quello solito di metà ottobre, poca brina e freddo che però ci accompagnano per meno di un'ora, lasciando spazio ad una bella giornata quasi estiva.

La vendemmia si svolge come al solito con due persone che si accompagnano per ciascun filare, raccogliendo e chiacchierando; c'è anche della musica in sottofondo.

Si raccoglie manualmente e ogni singola cassetta avrà un peso finale di circa 16 o 17 kg; ogni coppia avrà raccolto circa 6 filari alla fine della mattinata.

Alle 11:30, cascasse il mondo, merenda; quest'anno abbiamo quasi finito, ce la prendiamo con comodo e passiamo una buona mezz'ora a discutere della resa o di quante bottiglie sarà la produzione di quest'anno.

Concludiamo in bellezza all'ora di pranzo, carichiamo l'uva destinata alla cantina, e ci dirigiamo verso casa di un amico per festeggiare come ogni anno.

Per dovere di cronaca: 31 Qli raccolti, circa 190 cassette.

Senza irrigazione e in biologico in circa 7000 mq di vigneto.

Tra una settimana abbiamo programmato la raccolta del Retagliato Bianco per la produzione del REdà, il nostro frizzante metodo ancestrale.

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
KISEN EXPERIENCE, VIAGGIO FUSION IN ESTREMO ORIENTE
Kisen di via Gian Giacono Mora, a Milano, è un ristorante fusion, il primo nato dei 3 Kisen, dei quali uno in via Moscova di cui abbiamo detto qui, e uno a Busto Arsizio.   Dire fusion è corretto, ma non esaustivo in q... Leggi di più
OLIO OFFICINA FESTIVAL - CONDIMENTI PER IL PALATO & LA MENTE
In merito alle proprietà nutrizionali dell’olio extra vergine d’oliva non ci sono dubbi. E’ considerato un alimento nutraceutico, ossia un cibo medicina per le sue proprietà che giovano al benessere fis... Leggi di più
FISH&CHEF CELEBRA IL DECENNALE ATTRAVERSO LA CUCINA D’AUTORE
Dal 6 al 13 maggio 2019 riflettori accesi per la 10a edizione di Fish&Chef, il lago di Garda ci conquista. Dieci anni di Fish&Chef, grandi festeggiamenti per onorare la kermesse volta a raccontare il territorio del lago... Leggi di più
I SETTANT’ANNI DELLA CANTINA RUGGERI
La Cantina Ruggeri è nota per la qualità dei suoi Valdobbiadene Prosecco. L’azienda ha compiuto ora 70 anni, ma è tesa al futuro, più che al passato.   E questa tensione si concretizza attraverso la realizzazione... Leggi di più
CALAMARI RIPIENI SFUMATI CON LUGANA
Diciotto Magnum di vini bianchi e rossi per San Valentino
Facciamo seguito all’articolo Sedici Magnum di Bollicine per San Valentino (cliccare qui),  per passare dalle bollicine ai formati magnum per bianchi e rossi.     Alto Adige pinot nero riserva doc Praepositus 20... Leggi di più
DIVINO FESTIVAL, L’EVENTO ENOGASTRONOMICO SICILIANO PIÙ COOL
Sono 13 anni che i buongustai – locali e non, visto che arrivano anche i turisti che visitano la Sicilia – si danno appuntamento a Castelbuono per il DiVino Festival, quest’anno in programma dal 2 al 4 ... Leggi di più
BELVEDERE CAMPOLI È LA NUOVA TENUTA CONTE GUICCIARDINI: I VINI
Conte Guiccardini è una realtà vitivinicola toscana in provincia di Firenze, di proprietà dell’omonima famiglia, dal 1199 proprietaria del Castello di Poppiano la cui tenuta attualmente si sviluppa su 265 ettari 14... Leggi di più
“SAFARI NIGHT”: MIRO OSTERIA DEL CINEMA INCONTRA IL 1930 COCKTAIL BAR
Il 21 luglio arriva Safari Vol 1, il primo appuntamento nato dalla collaborazione tra il ristorante con il giardino nascosto nel cuore di Brera e il secret bar più famoso di Milano Cos’hanno in comune MIRO, osteri... Leggi di più
DONNE DEL VINO DELLA LOMBARDIA: MAGIA ED ELEGANZA DEL PINOT NERO
Milano sempre in movimento, Milano che non si ferma mai così come le Donne del Vino della Lombardia che in occasione della 5ª edizione della Milano Wine Week, la settimana milanese del vino, ripropone una degustazione a ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.