13lug 2020
DEGUSTAZIONE CON SILVIA CIRRI PODERE CONCA: ELLEBORO E AGAPANTO
Articolo di: Fabiano Guatteri

L’Azienda Podere Conca Bolgheri nasce tra il 2014 e il 2015, ma la sua storia è più lunga ed articolata. Ce la racconta Silvia Cirri, la proprietaria, in un incontro su piattaforma Zoom organizzato dall’Agenzia di Comunicazione Maddalena Mazzeschi.

 

Silvia Cirri, medico e vitivinicoltore, ci ha presentato i due vini del Podere, Elleboro e Agapanto (foto 1).
La sua famiglia arriva nella plaga di Bolgheri negli anni settanta. La madre era molto amica della suocera di Nicolò Incisa della Rocchetta e, andata a trovarla, si innamora di questa terra. Fu così che nel 1982 acquista l’attuale casa che diventa il centro di tutta la famiglia oltre a essere il cuore del podere annesso con circa 800 ulivi di cultivar leccino e moraiolo, già all’epoca a conduzione biologica. La madre dà il via alla produzione di olio, inizialmente per uso della famiglia, poi comincia a commercializzarlo.

 

Il coinvolgimento di Silvia Cirri nel mondo del vino non è immediato. Anzi. Risale a qualche anno fa, periodo in cui segue tutti i corsi di sommelier dell’AIS serali, perché nell’esercitare la propria attività di medico non dispone di altro tempo. Solo allora rimane affascinata dal mondo del vino, colpita dalla scientificità, dalla possibilità di sperimentazione, dalla precisione di alcuni processi per cui avendo la terra a Bolgheri, che è notoriamente un luogo enologicamente vocato, decide di provare a vinificare.

 

Così mette a dimora un piccolo vigneto. Nel frattempo le vinificazioni sono realizzate utilizzando uve di Bolgheri selezionate, mentre ora per la produzione vinicola utilizza unicamente uve di proprietà. E la vinificazione da quest’anno avverrà nella propria cantina. E’ stata un’impresa faticosa; la cantina è in un capannone però visitandola si può notare una cura sui materiali, sulle barrique, sulla barricaia.

 

Silvia Cirri, in altre parole, ha creato un ambiente in cui fare bene il proprio vino. Particolare, o meglio, aspetto sostanziale, al Podere opera un team di sole donne: Laura Zuddas enologa senior, Lidia Franceschi agronoma ed enologa; Paola Cioni trattorista; 2 donne seguono la parte commerciale...
Podere Conca Bolgheri dal 2019 è certificato bio, certificazione che oggi ha un senso più compiuto considerato che si produce anche vino.

 

I vini
Attualmente il Podere produce due vini che hanno mutato il nome da altrettante piante qui coltivate dalla madre della proprietaria: Elleboro, “rosa di Natale”, e Agapanto, “pianta e amore”. Al momento di dare nome ai vini, Silvia Cirri, dopo aver preso in considerazione toponimi e altre possibili denominazioni, ha l’idea di dare il nome di alcune delle piante volute dalla madre, e in questo modo renderle omaggio. Oggi le vigne si sviluppano su cinque ettari e hanno 5-6 anni di età; il podere comprende inoltre gli 800 ulivi già ricordati. La vigna è divisa in 2 terreni: uno vicino alla casa dotato di uno scheletro che comprende ferro, circa a sei chilometri dal mare, coltivato a cabernet franc (nel 2021 esordirà la terza etichetta aziendale che sarà un cabernet franc in purezza, ossia un Bolgheri Superiore affinato 8 mesi di barrique); l’altro, a 4 chilometri dal mare, con terreno sabbioso argilloso.
I tappi delle bottiglie sono Diam, conglomerati con cera d’api in piena coerenza con la scelta bio; sono Diam 10 ossia tappi che hanno una vita di 10 anni.

 

Elleboro Toscana IGT Bianco 2019 (foto 2- 3)
Elleboro è prodotto con uve viognier, che rappresentano circa il 50 per cento dell’uvaggio, chardonnay e sauvignon; le percentuali possono variare secondo l’annata con viognier vitigno principale. Le vinificazioni sono separate e alla fine dell’affinamento viene formata la cuvée. E’ interessante notare la scelta delle uve; sono vitigni nobili che generano un vino bianco molto diverso, per caratteristiche organolettiche, a quelli della tradizione locale prodotti con vermentino, l’uva bianca del territorio. Dopo la pressatura soffice il mosto fermenta in vasche di acciaio e anche l’affinamento avviene in acciaio e non viene svolta la fermentazione malolattica. Possiede 13 gradi alcolici, e la produzione è di 5 mila bottiglie.

 

Note gustative
Nel calice riflette colore giallo paglierino.

 

Al naso profumi fruttati, garbati ma decisi, frutta gialla matura come pesca, albicocca, con una nota meno espressa di frutta tropicale, in particolare di mango.

 

In bocca vi è corrispondenza con quanto avvertito in fase olfattiva, acidità vibrante, ripulente, rinfrescante. Notiamo e apprezziamo la pulizia olfattiva e gustativa: è un vino molto equilibrato ed elegante.

 

 

Agapanto DOC Bolgheri Rosso 2018 (foto 4 - 5)
E’ prodotto con uve cabernet sauvignon 50%, cabernet franc 30%, e ciliegiolo 20%, quest’ultimo vitigno voluto da Silvia Cirri perché conferisce al vino freschezza e profumo fruttato. Le uve sono vinificate separatamente, non svolgono la fermentazione malolattica e affinano 12-14 mesi in barrique e sei mesi in vetro dopo la formazione della cuvée. Possiede 14 gradi alcolici e la produzione è circa di 15 mila bottiglie..

 

Note gustative

 

Colore rosso rubino.

 

Al naso frutta matura, frutta rossa estiva come prugna, ciliegia, macchia mediterranea e fondo delicatamente speziato.

 

In  bocca è scorrevole, con tannini ben intessuti, dotato di piacevole freschezza che invita al calice successivo. E’ un vino versatile, aperto a tutte le circostanze, dove il legno completa e leviga senza diventare protagonista. Agapanto sa coniugare la gradevolezza di un rosso esuberante, agile, non troppo concentrato, a una promettente longevità. Elegante e piacevole riproduce un grande equilibrio tra acidità, alcolicità e tannini. 

 

Conclusione
Sono entrambi vini che si staccano dal contesto territoriale per le uve utilizzate e che rivelano un proprio stile, un proprio brand. Entrambi sono armonici, eleganti, raffinati, dotati di forte personalità. Ed è forse da queste caratteristiche che emerge la mano femminile segnatamente volitiva capace di conferire a queste etichette un allure seducente.

 

(Nella foto 6 un momento della degustazione; in alto a sinistra Silvia Cirri)

1

2

3

4

5

6

Indirizzo : Strada Provinciale Bolgherese 197 Castagneto Carducci
Telefono : +39 324 0957941 +39 389 6077754
Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.