26nov 2022
PANCAKE GIAPPONESI: LA RICETTA ORIGINALE
Articolo di: CityLightsNews

Soffici e irresistibili, i pancake giapponesi sono delle morbidissime mini-tortine, incredibilmente popolari in patria, e hanno tutte le carte in regola per trovare un posto anche sulle nostre tavole.

Se amate preparare i dolci per la prima colazione o la merenda, sappiate che la ricetta per cucinare degli ottimi pancake  è molto simile a quella di questi golosi e simpatici dolcetti. La differenza tra i pancake americani e quelli giapponesi è dovuta al fatto che, durante la preparazione, i tuorli e gli albumi sono impastati separatamente e poi uniti.

È proprio per questo che il risultato finale è un dolcetto alto e soffice, che si può anche tagliare a metà e farcire con crema al cioccolato o marmellata. La ricetta che proponiamo oggi è perfetta per iniziare la giornata con allegria e tanto gusto.

 

Cosa serve

 

Gli ingredienti necessari per 4 persone sono:
80 g di farina
50 g di zucchero
4 uova
40 ml di latte
lievito per dolci
aroma alla vaniglia
burro

 

Preparazione


Separare i tuorli dagli albumi e in una ciotola montare a neve questi ultimi insieme a metà dello zucchero. In un’altra, mettere i tuorli, la farina, il latte, il lievito e l’altra metà dello zucchero. Lavorare il composto con la frusta fino a che non è diventato omogeneo e senza grumi. A questo punto si può aggiungere l’aroma alla vaniglia. Successivamente, unire delicatamente i due composti, avendo cura di mescolare dal basso verso l’alto, fino a farli ben amalgamare.

 

Riscaldare un po’ di burro in una padella e poi versate un cucchiaio di composto. Se si possiede un cucchiaio per gelato, è ancora meglio, perché corrisponde alla quantità giusta per ottenere un pancake giapponese di corrette dimensioni. Mettere il fuoco al minimo e far cuocere per qualche minuto, avendo cura di coprire la padella con un coperchio.

 

Alzare quindi il coperchio e voltare – molto delicatamente – il pancake. A fine cottura, adagiare il pancake su un piatto e procedere con la cottura del resto del composto.

 

Si possono preparare anche i pancake giapponesi senza lievito, aggiungendo un paio di cucchiai di yogurt greco, un po’ di latte e bicarbonato.

 

 

Le farciture e la presentazione


Una volta pronti, cospargere i pancake con abbondante zucchero a velo. Date le loro dimensioni, questi pancake si prestano a essere farciti con crema al cioccolato e alla nocciola. Si possono accompagnare con frutta fresca, yogurt, frutta secca o anche una pallina di gelato. Se si desidera rimanere fedeli alla tradizione giapponese, si può utilizzare la marmellata di azuki, un composto dolce ricavato dai fagioli rossi. Questi dolcetti sono ottimi se consumati ancora caldi. Nella (remota) possibilità che dovesse avanzarne qualcuno, bisogna conservarli in un contenitore con il tappo ermetico.

 

Il giro del mondo… con un pancake


Come molte ricette buone e semplici, anche quella dei pancake ha origini antichissime. Le prime versioni documentate erano già apprezzate all’epoca dell’Antica Grecia. Da lì, questo dolce si è diffuso in tutta Europa, fino ad arrivare nel lontano Oriente e in America. È proprio negli Stati Uniti che la ricetta si modifica, con l’aggiunta del lievito. Anche la sua denominazione deriva dalla lingua inglese, a dimostrazione del successo della versione statunitense di questo dolce per la prima colazione.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.