31gen 2024
Il Nobile di Montepulciano Riserva di Fattoria della Talosa

La storia contemporanea di Fattoria della Talosa, azienda vitivinicola a Montepulciano, e della famiglia Jacorossi, inizia dall’acquisto della proprietà nel 1972 da parte di quest’ultimi. Tutto ha inizio da un’intuizione di Angelo, imprenditore romano, allora alla ricerca di un buen ritiro dove stemperare la frenesia della vita cittadina. Dopo aver trovato a Montepulciano una piccola cantina con un angolo di terra l’acquista e stabilisce con il luogo un legame tutt’ora indissolubile per la sua famiglia. Negli anni la piccola cantina è cresciuta arrivando ad avere oggi 33 ettari di vigneti

 

 

Edoardo Mottini Jacorossi, CEO di Talosa ci presenta il loro contesto in cui, negli ultimi decenni ha, con la partecipazione della famiglia, ridisegnato le proprie strutture, ridefinito la produzione vinicola

 

Negli ultimi anni abbiamo sostenuto numerosi investimenti con l’obiettivo di portare il nostro marchio ai vertici dell’enologia italiana. Abbiamo lavorato tanto per dare un nuovo volto all’azienda, tenendo sempre ben chiari all’orizzonte i nostri traguardi: produrre vini di alta qualità e promuovere un’offerta esperienziale legata al vino che potesse portare gli appassionati e i visitatori a godere delle bellezze di un territorio unico, immergendosi nella cultura e nel nostro stile di vita.

Talosa quindi è cresciuta e continua a crescere molto ogni giorno. Già da tempo ormai abbiamo rinnovato alcuni ambienti, ad esempio il nuovo centro aziendale e la ristrutturazione della Cantina Storica, e abbiamo apportato innovazioni in vigna con diversi impianti nei vigneti. Più recentemente invece abbiamo inaugurato una nuova sala degustazione adiacente alla cantina, uno spazio un tempo utilizzato come rifugio contro i bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, che oggi abbiamo riportato alla luce”.

 

 

In questo approfondimento vi vogliamo raccontare di due annate del loro Vino Nobile di Montepulciano Riserva. Un’etichetta che nasce dai terreni più argillosi presenti sia in due vigne di quasi 50 anni (Vigna Camponi Vecchia e Vigna Costa Vecchia) così come in una di 20 anni (Vigna Camponi) che conferiscono grande eleganza e territorialità a un vino che profuma di Sangiovese e della terra sui cui le sue uve sono cresciute.

 

Nel processo della vinificazione, uguale per entrambi i millesimi, dopo una accurata selezione delle uve, la fermentazione alcolica dura dai 20 ai 25 giorni in serbatoi tronco conici di acciaio. La successiva malolattica viene completata in vasche di acciaio, con una parte in legno. In seguito il vino matura per un anno in tonneaux di rovere francese nuovi e di secondo passaggio, a cui segue l’assemblaggio e la maturazione per altri due anni in botti grandi di rovere di Slavonia. Infine, l’affinamento in bottiglia dura per almeno altri sei mesi.

 

Vino Nobile di Montepulciano Riserva DOCG 2017 (foto 1)

 

Da solo Sangiovese appare nel calice con una veste di colore rubino intenso. Il naso di buona complessità apre su piccoli frutti rossi tra cui ciliegia, more, mirtillo, a tratti un po’ sotto spirito, sfuma poi su un tocco di arancia rossa, per poi passare al pepe verde, seguito da noce moscata, da ginepro, un tocco balsamico a chiudere. Al palato ha struttura, con tannini presenti, setosi equilibrati da freschezza, poi è sapido, in un sorso equilibrato, senza dubbio persistente, con un buon equilibrio e un retrogusto sui piccoli frutti e sul balsamico.

 

 

Vino Nobile di Montepulciano Riserva DOCG 2018 

 

Da solo Sangiovese appare nel calice con una veste di colore rubino intenso, dai riflessi violacei. I profumi di buona complessità esordiscono con piccoli frutti come per l’annata precedente, poi ha un tocco agrumato di arancia rossa, seguito da spezie tra noce moscata e vaniglia. All’assaggio è leggermente più agile, con tannini presenti stemperati da freschezza, seguiti da una sensazione sapida, un buon equilibrio nel complesso, per poi essere di buona lunghezza dal retrogusto giocato sui piccoli frutti e su sensazioni speziate.

 

 

Troviamo nell’interpretazione di entrambe le annate un’ottima interpretazione del Sangiovese, sia sul piano agronomico che nell’interpretazione in cantina, così come una lettura corrispondente del contesto territoriale del Nobile di Montepulciano.

 

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.