02gen 2022
MURALIA, VINI MAREMMANI DALL’ACCENTO INTERNAZIONALE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Abbiamo incontrato Stefano Casali (foto 1), in rappresentanza della Società Agricola Muralia, a un press lunch organizzato dall’Agenzia di Comunicazione PR Comunicare il Vino al ristorante il liberty di Miano. E’ stata l’occasione per degustare quattro vini, un bianco e tre rossi. Introduciamo la degustazione con una breve storia dell’azienda.

 

Una breve storia

 

Agli inizi degli anni cinquanta, un medico piemontese acquista un podere di 130 ettari con casolare del Settecento in località Poggiarello a Roccastrada nel Grossetano.

 

Nel 1997, più di quarant’anni dopo, la nipote Chiara D’Amelio e il compagno Stefano Casali, capitati quasi casualmente sul posto, se ne innamorano e decidono di abbandonare la città, cambiando così il proprio stile di vita, per dare il via a un’avventura nel settore agricolo. Sia il casolare e annessi, sia il terreno che in origine era destinato al pascolo sono in stato di abbandono. Così Stefano e Chiara si rimboccano le maniche per fare rinascere l’intera tenuta, inizialmente quasi per hobby, successivamente con impegno professionale. Il progetto parte da zero, dalla zonazione del terreno.

 

Nel 2003 si trasferiscono a Poggiarello e fondano la Società Agricola Muralia. Nel 2006 acquistano una piccola azienda in collina con vigneto di viognier.

 

La produzione vinicola di Muralia incomincia di fatto nel 2008.

 

Attualmente le bottiglie prodotte sono circa 60-85 mila delle quali il 90% viene esportato. Il vigneto è composto prevalentemente da sangiovese e syrah e in minor misura merlot, cabernet, viognier e un piccolissimo appezzamento di teroldego, un vitigno che in maremma si è rivelato una sorpresa.

 

Muralia è tutt’ora a conduzione familiare e tale vuole rimanere. La tenuta, biologica certificata dal 2018, è isolata, così che non vi sono rischi di contaminazioni da altre proprietà, e si sviluppa su diverse altezze. La parte più bassa si trova a 100-150 s.l.m., mentre quella alta va da 350 a 450 metri di altitudine. Gli ettari vitati sono 14 dei quali 10 ettari in un corpo unico nella parte più bassa e 4 in quella più alta sul versante orientale del Sassoforte che è un vulcano spento; di questi un ettaro è una sola vigna di sangiovese, mentre gli altri sono di viogner. Tutti i terreni sono definiti da un’elevata presenza di ferro e di minerali: i suoli ad altitudine meno elevata sono caratterizzati da argille con grande presenza di scheletro, mentre i più elevati sono molto sciolti e profondi, con una forte presenza di gesso puro.

 

I vini degustati

 

Chiaraluna Viognier Toscana Igp (foto 2)

 

Prodotto unicamente con uve viognier allevate nell’Alta Maremma toscana in un terreno a forte pendenza.
Alla raccolta segue la diraspatura quindi le uve sono pressate sofficemente.
La fermentazione si svolge in barrique per 14 giorni, il vino è quindi elevato in barrique e affina in bottiglia per 3 mesi.

 

Note di degustazione
Di colore giallo paglierino, al naso è fruttato con ricordi di pesca, albicocca, papaya e note speziate. In bocca la morbidezza è ben bilanciata dalle note fresche, di piacevole mineralità.

 

Abbinamento
Focaccia a lievito madre con paleta di pata negra e patata croccante (foto 3)

 

 

Manolibera Toscana Igp (foto 4)


Da uve sangiovese (50%), cabernet sauvignon e merlot equamente rappresentate, raccolte la seconda e la terza settimana di settembre. Dopo la diraspatura ha luogo la pigiatura soffice. Il vino ottenuto matura in acciaio e affina 3 mesi in bottiglia.

 

Note di degustazione

Colore rosso rubino, al naso è fruttato con ricordi di ciliegia, di amarena, floreali e di macchia mediterranea. In bocca è morbido, di piacevole impatto e si riconosce nuovamente la ciliegia. Tannini levigati e buona acidità che allunga il sorso e conferisce grande bevibilità.

 

Abbinamento
Risotto alla parmigiana, ristretto di Marsala e fave di cacao. (foto 5)

 

Babone Maremma Toscana Rosso Doc (foto 6)

 

E’ prodotto con prevalenza di uve sangiovese completate da una quota pari al 35% di Syrah. Le uve sono raccolte in settembre. La fermentazione ha luogo in acciaio quindi il vino matura parte in acciaio, parte in botte di legno, e successivamente affina 10 mesi in bottiglia.

 

Note di degustazione

Possiede colore rosso rubino intenso. Al naso si riconoscono frutti estivi maturi come prugna, ciliegia, ribes rosso, e si evidenziano note balsamiche.
In bocca è ampio, ben strutturato, con acidità matura che armonizza con tannini e alcolicità.

 

Abbinamento
Guancia di vitello glassata al sangiovese con purea di castagne. (foto 7)

 


Muralia Toscana IGT (foto 8)
Nasce da uve syrah 50%, cabernet sauvignon 30%, sangiovese 20% raccolte nel mese di settembre. Le uve diraspate, pigiate sofficemente, fermentano in acciaio; il vino matura in barrique quindi affina 12 mesi in bottiglia.

 

Note di degustazione
Il colore è rosso rubino con note porpora. Al naso frutta rossa con ricordi di coccole di ginepro e di mirto che arricchiscono le note balsamiche. In bocca mostra struttura; tannino presente, ma domato, note boisé non interferenti; acidità ben espressa e persistenza intensa.

 

Abbinamento
Tarte Tatin con scalogno al vino rosso, gorgonzola naturale, noci, maggiorana e pere marinate al Cognac. (foto 9)


I vini degustati costituiscono il quadro eloquente di un’azienda “artigianale” senza mire espansionistiche, con la manualità che definisce ogni fase della vinificazione, a cominciare dalla raccolta delle uve. Il sangiovese è il vitigno prevalente e si mescola armoniosamente con uve internazionali privilegiando ora l’acciaio, ora il legno, senza cedere alla concentrazione. Vini di dichiarata bevibilità, ma mai banali e per certi versi insoliti.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

Indirizzo : via del Sughereto, Il Poggiarello snc Roccastrada
Telefono : +39 0564.577223
Articoli Simili
I più letti del mese
I TAKOYAKI DI TAKOCHU: UN SAPORE INSOLITO DAL GIAPPONE SUI NAVIGLI
Sempre più città dell'appetito, si perché dopo moda e design, Milano continua ad essere la meta preferita dove assaggiare cibo proveniente da qualunque latitudine e a qualunque ora.Ieri c'è stato l'assaggio-anteprima al ... Leggi di più
LE ECCELLENZE AGRO-ALIMENTARI PARTENOPEE A MILANO
Dall’1 al 6 dicembre Milano sarà conquistata dalle eccellenze tipiche agro-alimentari della provincia di Napoli, grazie all'iniziativa promossa dalla Camera di Commercio di Napoli presieduta da Ciro Fiola e da S.I.... Leggi di più
FRITTATA IN STILE GIAPPONESE TAMAGOYAKI FARCITA AL BRIE E SCALOGNO
IL FESTIVAL: IL MONDO DEL RAVIOLO A EATALY SMERALDO
A Eataly Smeraldo torna il Festival più "cosmopolita" di sempre! L'ultimo weekend di gennaio, il festival "Il mondo in un raviolo" Quando si parla di pasta ripiena e, più nello specifico, di raviolo, si pensa subito alle... Leggi di più
GLI ULTIMI ACQUISTI PER SAN VALENTINO
SAN VALENTINO E' QUI   FIVE ROSES 74° ANNIVERSARIO ROSATO IGT 2017 Per San Valentino non può mancare il primo vino rosato imbottigliato in Italia. E, cioè, il famoso Five Roses – già romantico per il nome con c... Leggi di più
IL NUOVO APPUNTAMENTO ALLA FIERA DI BOLZANO CON LAGREIN EXPERIENCE
Alla Fiera di Bolzano  gli appuntamenti enologici si infittiscono. Dopo Autocthona, 14-16 ottobre (foto 1)  e Vinea Tirolensis, 17 ottobre,  il 18 ottobre esordirà Lagrein Experience. Si tratta di una rassegna dedicata a... Leggi di più
PAROSÉ 2012 LE BOLLICINE CHE FANNO PENDANT CON I COLORI DELL'AUTUNNO
Mosnel Parosé 2012 Ecco le bollicine che fanno pendant con i colori dell'autunno. Note purissime di ribes e fiori di montagna, accese dalla freschezza del mandarino e della melagrana, con una vena speziata a far da sfond... Leggi di più
GOUMARTE2018 IL TRITTICO DA NON PERDERE; GLI APPUNTAMENTI CON GLI CHEF
A GourmArte2018, il trittico da non perdere.   Maestro del Gusto - Barone Pizzini Ha visto lontano  Barone Pizzini, cantina in Franciacorta. Il merito di avere creduto nella produzione bio (20 anni quest’anno) è ... Leggi di più
SODA, CARNOSA, CROCCANTE: LUCREZIA LA NUOVA OSTRICA ITALIANA
È nata “Lucrezia” un’ostrica tutta italiana, più precisamente emiliano-romagnola. L’esordio milanese ha avuto luogo presso il ristorante A’Riccione Terrazza 12 dove la nuova ostrica è stata ... Leggi di più
IL PALIO DELL’AGNOLOTTO: QUAL È L’AGNOLOTTO PIÙ BUONO DELL’OLTREPÒ?
Torna Il Palio dell’Agnolotto  la sfida benefica per incoronare il migliore agnolotto dell’Oltrepò Pavese: il 28 aprile alla Tenuta Calcababbio (località Calcababbio, Pietra Dé Giorgi, Pavia) 13 Ristoranti pa... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.