19mag 2018
INSEGUENDO DONNAFUGATA | MOSTRA A MILANO
Articolo di: CityLightsNews

Aggiornamento 16 maggio 2018

Siamo stati all’anteprima stampa dedicata alla mostra. I disegni sono esposti all’interno di Villa Necchi Campiglio, sede della FAI.

 

Entrando nella villa, al piano terra si trova l’illustrazione originale per etichetta raffigurante Pantelleria con i suoi terrazzamenti, dove nasce Ben Ryé, dall’arabo figlio del vento il Passito di Pantelleria di Donnafugata. Dedicata a Fragore l’illustrazione originale dell’Etna, il vulcano simbolo della Sicilia. Sono inoltre esposte le illustrazioni originali per i CD di Donnafugata Music&Wine, un progetto di degustazione in cui José Rallo, patronne di Donnafugata, canta i suoi vini.

 

Al primo piano i colori di Stefano Vitale (fig. 4), piccola retrospettiva dell’artista.

 

Nell’attico gli 8 capitoli che compongono l’opera che dà nome alla mostra Inseguendo Donnafugata, le illustrazioni di Stefano Vitale: il vino e la Sicilia, attraverso scritti e i disegni da cui sono state tratte le etichette. Tra questi Lumera ( foto 5), Sherazade (foto 6), Sedara (Foto 7).

 

 

 

 

 

Il FAI - Fondo Ambiente Italiano e Donnafugata presentano a Villa Necchi Campiglio, dal 16 maggio al 22 luglio 2018, la mostra INSEGUENDO DONNAFUGATA. Le illustrazioni di Stefano Vitale, il vino e la Sicilia: un dialogo tra arte, musica, vino e letteratura, che prende forma in un percorso multisensoriale attraverso gli ambienti della Villa e che guida il pubblico, tra colori, profumi e sapori della terra e del mare della Sicilia, dalle pendici dell’Etna fino alle scogliere a picco di Pantelleria, nel cuore di Milano.

 

In mostra i disegni e le illustrazioni originali dell’artista Stefano Vitale: piccoli tesori coloratissimi, dal forte potere espressivo ed evocativo, vere e proprie “visioni”, che hanno dato vita alle etichette Donnafugata e che raccontano il vino e la Sicilia attraverso un linguaggio fantastico e femminile straordinariamente identitario. Bozzetti e illustrazioni dell’artista, di cui sono in mostra anche i materiali di lavoro e una piccola retrospettiva, sono affiancati a fotografie, video e documenti, che raccontano le sue fonti d’ispirazione, i protagonisti e i paesaggi che hanno dato vita e corpo alle sue vivacissime storie a colori. Dalle illustrazioni nascono le etichette per alcune delle più famose bottiglie, anch’esse in mostra: qui, e ancor più all’assaggio del vino, ultima ma fondamentale tappa della mostra, si coglie la perfetta sintonia tra illustrazione e oggetto, tra contenitore e contenuto, tra artista e produttore, tanto che l’opera di Stefano Vitale per Donnafugata può dirsi uno dei più riusciti e fortunati casi di perfetta identificazione tra brand e prodotto.

 

Il progetto espositivo, curato da Lorenzo Damiani, ha la struttura di un racconto che, dal semplice segno e dal puro colore, ambisce a disvelare temi universali quali il coraggio, l’amicizia, l’innovazione, l’amore per la propria terra d’origine: il carattere e i valori, che sono alla base di questa esperienza artistica e artigianale. Attraverso differenti capitoli e tappe, la mostra svela aneddoti, protagonisti e piccole grandi storie di vita e di lavoro. Quella che va in scena è la storia di una famiglia che, con capacità e passione, ha saputo valorizzare la coltivazione della vite nel rispetto dell’ambiente e del territorio, nobilitando la produzione del vino.

 

Come in un film corale, i protagonisti si alternano nelle foto di Guido Taroni e nelle video interviste di Virginia Taroni che integrano il percorso espositivo. Si parte da Gabriella e Giacomo Rallo, fondatori di Donnafugata e di questo nome, che deriva dal più siciliano dei romanzi, Il Gattopardo, e che evoca la fuga e il rifugio della regina Maria Carolina di Borbone nelle terre dove oggi sorgono i vigneti: un sogno, tradotto in un progetto d’impresa. Fin da subito si lega al progetto Stefano Vitale che, ispirato dall’amicizia con Giacomo e Gabriella, diventa interprete appassionato dell’iconico universo simbolico di questa donna-in-fuga, e dei suoi tanti volti. Arrivano poi José e Antonio - quinta generazione di questa famiglia -, con José che, attraverso la musica jazz, sperimenta modi nuovi per comunicare il vino, e Antonio, winemaker, custode di un fare sartoriale che, con la viticoltura eroica di Pantelleria, raggiunge vette di eccellenza riconosciute in tutto il mondo: sono loro che guidano i nuovi progetti di una vicenda in moto perpetuo e, per questo, sempre da inseguire.

 

A chiudere la mostra, un tributo al legame che unisce il FAI e Donnafugata: l’ultima illustrazione realizzata da Vitale raffigurante il Giardino Pantesco che nel 2008 Giacomo Rallo ha donato alla Fondazione, simbolo del comune impegno per l’educazione alla bellezza e all’armonia tra l’uomo e la natura.

La mostra rappresenta anche l’occasione per conoscere il vino attraverso un’esperienza fatta di musica – alcuni brani del Donnafugata Music&Wine, come una colonna sonora, accompagnano il visitatore lungo il percorso della mostra – e di vino, che si potrà degustare nel giardino di Villa Necchi Campiglio.

La mostra sarà, infine, accompagnata da un catalogo edito dal FAI, il racconto di un viaggio inseguendo questa donna-fugata ora “innamorata”, ora “innovatrice”, ora “in musica”, ora “isolana”, ora “in moto perpetuo”.

 

Il video Donnafugata (foto 3)

1

2

3

4

5

6

7

Indirizzo : via Mozart 14 Milano
Articoli Simili
I più letti del mese
APERITIVO IN CONCERTO AL TEATRO MANZONI IL 15 GENNAIO
Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la trentaduesima edizione della rassegna musicale “Aperitivo in Concerto” 2016-2017 ospitata al Teatro Manzon... Leggi di più
EAST LOMBARDY ATTERRA NELL’ISOLA DI ITALY LOVES FOOD
L’Aeroporto di Milano Bergamo, terzo scalo italiano con un movimento di oltre 11 milioni di passeggeri nel 2016 e un trend costantemente positivo, continua a migliorare la qualità dell’offerta retail & food. A meno di u... Leggi di più
MOSNEL IMBANDISCE I VIGNETI: SABATO 10 GIUGNO E DOMENICA 11 GIUGNO 2017!
Mosnel è circondata da 39 ettari di vigneti condotti con agricoltura biologica: un parco incontaminato dove è possibile passeggiare, andare in bicicletta, fare nordic walking e anche… picnic. In particolare sabat... Leggi di più
Corti Abbadesse: la campagna a Milano
LeCorti Abbadesse non è solo un negozio, e neppure soltanto un luogo di ristoro, ma uno spazio che racchiude entrambe le dimensioni. Ogni giorno alle Corti Abbadesse arrivano prodotti freschi creati e raccolti nelle und... Leggi di più
GAGGIA MILANO PARTNER DI PRÉT-À-PARLER
Gaggia Milano partner di Prét-à-Parler: quando le petit déjeuner  incontra il classico espresso italiano. Prét-à-Parler è ben più di una scuola di lingue: è un insieme di iniziative volte a coinvolgere le persone che de... Leggi di più
BELVEDERE VODKA ‘VODKA PRODUCER OF THE YEAR’ PER IL SECONDO ANNO
Belvedere Vodka ‘Vodka Producer of the Year’ per il secondo anno all’International Spirits Challenge 2016   Belvedere Vodka, prima luxury vodka al mondo, ha vinto il titolo di ‘Vodka Producer of the Year’ per il seco... Leggi di più
PUNTATA DEDICATA ALLA RICERCA DELLE RADICI ATTRAVERSO L'ARTE
La dodicesima puntata di ArtBox, in onda mercoledì 14 giugno alle 20.45 su Sky Arte HD, è dedicata alla ricerca delle origini e delle radici attraverso l'arte. Una ricerca che portò Kandinskij tra le popolazioni indigen... Leggi di più
AMMASSO 2013 BARONE MONTALTO ROSSO TERRE SICILIANE IGT
Barone Montalto è un’azienda nata nel 2000 in provincia di Trapani con l’ obiettivo di far conoscere l’inconfondibile autenticità dei vini siciliani ricorrendo anche alla tecnologia in cantina, ma per valorizzarne l’anim... Leggi di più
VITAE 2019, LA GUIDA VINI CON LA V MAIUSCOLA
L’Associazione Italiana Sommelier ( AIS ), ha presentato in anteprima a Milano la sua Guida Vini 2019: Vitae (ne abbiamo parlato qui).   All’hotel Westin Palace la giornata è iniziata in fermento: presente ... Leggi di più
CANALETTO E BELLOTTO | DUE ARTISTI A CONFRONTO
Al genio pittorico e all’intelligenza creativa di due grandi artisti del Settecento europeo: Antonio Canal, detto “il Canaletto” (Venezia 1697-1768) e suo nipote Bernardo Bellotto (Venezia 1722-Varsavia 1780) le Gallerie... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.