01gen 2020
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Articolo di: Laura Biffi

Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il pranzo del 1 gennaio e la chiusura con il pranzo dell’Epifania. Anche quest’anno la scelta degli Italiani per festeggiare è caduta sui pranzi e le cene con parenti e amici. L’attenzione oltre alla qualità cibo è sempre più puntata anche sui vini e i loro abbinamenti, ecco la nostra selezione di bianchi e rossi italiani e bollicine francesi.

 

Rossi

 

Dogliani Superiore DOCG Vigna Tecc 2017 Poderi Luigi Einaudi: frutto dei migliori vitigni di Dolcetto della storica azienda piemontese, è un vino versatile che si presta bene per la tavola delle feste, dei bei sentori di frutta rossa matura e note speziate accompagnano una beva ricca, con una freschezza e dei tannini che ne delineano piacevolmente i contorni. E’ ottimo con paste ripiene di carne, i ragù, selvaggina da piuma e carni in umido.

 

Tinata 2014, Monteverro: un vino di confine e di mare, la tenuta Monteverro sorge infatti tra la Toscana e il Lazio sulla Costa d’Argento. A base di uve Syrah e Grenache è un vino sensuale, dagli aromi mediterranei e speziati come mirto, pepe e cioccolato avvolti dalla nota fruttata della mora. Si abbina bene con selvaggina da piuma e carni rosse con salse elaborate.

 

Amarone della Valpolicella Marne 180, Tedeschi: un nome che richiama la terra, per questo Amarone che è l’essenza di vigneti con 20 anni di età, affinato per 30 mesi in botti di Rovere di Slavonia. E’ un vino suadente, con un bellissimo bouquet di mirtillo, ribes e ciliegia, il tutto avvolto nella morbidezza del sentore di confettura di mora, al palato è molto avvolgente e conferma il bouquet di profumi. Si abbina molto bene con carni rosse, selvaggina da pelo e ragù di carne importanti. ( Foto 2 )
S.A. Edizione Cinque Autoctoni Limited Edition VDT 17, Farnese Vini: dalle uve di cinque vitigni autoctoni, un vino elegante e raffinato perfetto per la tavola delle feste e delle grandi ricorrenze, dai profumi di more e prugne si arriva fino alla frutta secca e ai chiodi di garofano, al palato è avvolgente con dei tannini mordibi, setosi e un bellissimo finale speziato. Si abbina con carni rosse, in particolare con arrosti e selvaggina. ( Foto 3 )

 

Bianchi

 

Quarz Alto Adige – Sudtirol Sauvignon DOC 2017 Kellerei Terlan – Cantina Terlano: uno dei vini di punta della Cantina di Terlano, ha una gamma aromatica che ne denota la qualità del fuoriclasse, frutta esotica, pesca e pompelmo, finissima la sapidità e un lungo retrogusto agrumato degno di nota. Si abbina molto bene con i risotti e paste elaborati con formaggi e creme, anche con il gorgonzola. ( Foto 4 )

 

Kellerei Cantina Kaltern: 2017 Quintessenz Alto Adige – Sudtirol Pinot Bianco DOC: una delle migliori espressioni di Pinot Bianco dell’Alto Adige, con un incipit minerale che lascia spazio poi a note di pesca, mandarino e fiori d’arancio, al palato stupisce per freschezza, mineralità e un piacevolissimo retrogusto agrumato. Si abbina molto bene ai primi con formaggi vaccini di malga, ai canederli al burro fuso, alle paste dai ripieni delicati di formaggi e verdure. ( Foto 5 )

 

Kellerei St. Michael-Eppan: Appius 2015: l’eccellenza, l’eleganza e la genialità, il capolavoro di Hans Terzer. Con una bottiglia che è un’opera d’arte, il contenuto non poteva essere da meno, al naso è un bouquet molto complesso di vaniglia, cannella, noce moscata, pesca e frutta esotica, seguono la cremosità del burro, cioccolato bianco e nocciole. Al palato è avvolgente e sontuoso. Si abbina con pesci al forno, capesante gratinate, astici e aragoste. ( Foto 6 )

 

Champagne
Come aperitivo o anche a tutto pasto da abbinare ai salumi, pesci, crostacei, carni bianche e dessert ai frutti rossi.

 

Nicolas Feuillatte, Palmes d’Or rosé Intense 2008: per gli amanti del rosé ecco lo champagne come opera d’arte, millesimato e cuvée prestige. E’ sottile, cremoso, elegantissmo e perfetto per la gastronomia. Una bellissima bottiglia in nero opaco goffrato è già da sola un invito alla festa. Lo champagne è un capolavoro di struttura con un perlage fine, sobrio e veloce e un delizioso bouquet floreale e fruttato. Si abbina perfettamente con i salumi, i formaggi di montagna di latte vaccino, astici ed aragoste, filetto di manzo in crosta e con i dessert ai frutti rossi e al cioccolato fondente. ( Foto 7 )

 

Bollinger Grande Année 2008: custodito in un’ importante riproduzione di un’antica bottiglia del XIX secolo per favorirne l’evoluzione è una meravigliosa espressione della profondità del Pinot Nero della maison è elaborato unicamente a partire dalle uve coltivate nei terreni classificati Grand Cru o Premier Cru. Il colore è di un magnifico Oro Versailles, una struttura di notevole ricchezza, si presenta fruttato con un elegante tocco setoso. Si abbina con Culatello di Zibello, astice blu della Bretagna, dessert alle fragole. ( Foto 8 )

 

Pol Roger Brut Vintage 2012: una bella espressione della maison, più di 8 anni sui lieviti, eleganza e delicatezza rendono raffinata una complessità già intensa, sentori freschi di agrumi e altri più dolci di albicocca e pesca, per poi lasciare emergere note di frutta secca e mela cotogna. E’ suadente e cremoso al sorso mantenendo un’ottima freschezza. L’abbinamento è con la rana pescatrice e in generale con il pesce al forno. ( Foto 9 )

 

Dom Perignon 2008 Vintage Lenny Kravitz Limited Edition: un vintage speciale in edizione limitata per uno Champagne mitico, l’etichetta in una texture in metallo martellato disegnata dal famoso cantante. L’abbinamento lo vede sposarsi con una terrina di salmone, astice e caviale e con la catalana di King Crab ( Foto 10 )
Jacquesson 2008 Extra Brut Champ Cain: una chicca nel panorama degli Champagne, è la quintessenza dello Chardonnay, ben 10 anni sui lieviti ne garantiscono una notevole struttura e complessità con dei meravigliosi sentori di frutta secca, finissimo il perlage. Abbinamento: risotto con i gamberi ( Foto 11 )

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

Photo Credits

Photo 1 : Foto di engin akyurt da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.