05nov 2019
VIA MONTENAPOLEONE : DA SALOTTO STORICO DI MILANO AL LUSSO CONTEMPORANEO
Articolo di: Laura Biffi

Via Montenapoleone, è da sempre considerata il salotto di Milano, nata come Contrada Sant’Andrea, prende il nome attuale durante la dominazione francese. I suoi palazzi in passato hanno ospitato alcune delle grandi famiglie milanesi e molti personaggi illustri come Carlo Porta, Tommaso Grossi e Giuseppe Verdi che sembra avere scritto il Nabucco proprio in una dimora aristocratica della famosa via.

 

Alla fine del 1800, via Montenapoleone iniziò ad essere chiamata “ El Quartier de Riverissi”, in riferimento all’usanza dei signori milanesi di togliersi il cappello in segno di riverenza, per salutare le signore che vi risiedevano. Proprio a quell’epoca il lusso inizia ad affacciarsi con l’apertura di numerosi negozi importanti: antiquari, gioiellieri, come Buccellati, Faraone o Cusi il fornitore di Casa Savoia tuttora presente al civico 21, e alcune botteghe storiche come la Coltelleria Lorenzi, che ha da poco chiuso i battenti ma si è riservata una preziosa nicchia nella boutique di Larusmiani in cui è presente con il suo alto di gamma.

 

Dal 1960 diventa poi il punto di riferimento della moda italiana e come ricordava Franca Valeri in un famoso video dell’epoca: “Bisogna saperla lunga per capire questa strada, lo so io che sono milanese che lì, al primo piano, si nascondono le cure estetiche di mezza Milano bene e lì i più bei cappellini per bambini e lì le migliori calze per signora e non tutti sanno che quei due cosini lì in vetrina costano qualche milione, questa stradina di razza vien su trasandata come una principessa”.

 

Negli anni ’80, gli anni della “Milano da bere” e degli yuppies, la città diventa la capitale del lusso italiano, via Montenapoleone è all’apice del suo splendore, costellata dalle migliori boutique degli stilisti nazionali diventa il simbolo di uno stile di vita glamour che unisce moda, finanza, arte e design, ben narrato nel famoso e omonimo film di Carlo Vanzina del 1986.

 

Chi la frequentava ricorda che durante la settimana, all’arrivo delle signore dell’alta borghesia italiana le boutique chiudevano le porte a qualunque altro avventore mettendo il negozio a totale disposizione degli importanti e numerosi desiderata della cliente. Il sabato, la giornata dello shopping, si assisteva a una vera e propria sfilata dei visoni delle signore della Milano bene che la mattina si potevano incontrare a fare la spesa da Il Salumaio, storica gastronomia di lusso, con i migliori prodotti enogastronomici sul mercato e che è tutt’ora esistente, poco distante, nel bellissimo cortile di Palazzo Bagatti Valsecchi con la stessa indiscussa qualità ( ne abbiamo parlato qui) (foto 2 e 3).

 

Nel pomeriggio invece alla famosa Pasticceria Cova, rimasta nella sua sede storica grazie a un’oculata operazione finanziaria del gruppo LVMH, le signore dell’élite milanese, con un’educatissima prole al seguito, si ritrovavano per il rito del tè o della cioccolata. (Foto 4 e 5).

 

Negli anni ‘90 e 2000 sono poi arrivati i brand del lusso internazionale che a suon di rialzi si sono contesi le boutique con i brand italiani, i quali nonostante svariati traslochi lungo la via, hanno in larga parte resistito. Attualmente via Montenapoleone, è il simbolo del lusso italiano contemporaneo, nel cuore del quadrilatero della moda è meta prediletta per lo shopping di alta gamma soprattutto da turisti asiatici e russi, ma non mancano italiani ed europei. Con i suoi soli 359 mt di lunghezza e uno scontrino medio di 1.800 Euro è la via più cara d’Europa, riesce a tenere testa alle High Street Internazionali e produce il 12% del PIL di Milano.

1

2

3

4

5

Photo Credits

Photo 3 : Il Salumatio
Photo 4 : Cova
Photo 5 : Cova
Articoli Simili
I più letti del mese
QUATTRO TENDENZE COCKTAIL RIVOLUZIONERANNO IL MODO DI BERE NEL 2018
La mixology che verrà: Diageo reserve world class individua quattro tendenze cocktail. Dai migliori bartender del mondo che rivoluzioneranno il modo di bere nel 2018. La cocktail culture è all’apice a livello inter... Leggi di più
ACCADE A NATALE | IL PANETTONE IN TRE RACCONTI
Questo periodo prevede che il Panettone sfili nelle Hit Parade di Re Panettone e a Panettoni d’Italia, portato con i guanti (di lattice, che brutto) con punteggi che vanno tra i 75 e i 90 dando indicazioni sui Pane... Leggi di più
BACCALÀ IN UMIDO BIANCO A REGOLA D’ARTE
IL MENU DEI VINI. QUANDO SONO I VINI A SCEGLIERE I PIATTI
I vini, come i piatti, non vanno serviti casualmente
. Ciò perché un buon banchetto richiede altrettanto buoni vini.
 Il menu dei vini.C’è chi dice che il vino vale metà pasto e pertanto se non è presente, o se n... Leggi di più
LA RETE DELLA RISTORAZIONE ITALIANA CRESCE E RINNOVA LE RICHIESTE AL GOVERNO: 8 LE MISURE ESSENZIALI
La ristorazione e uno tra i settori più colpiti ed è in grave sofferenza. Non vi sono certezze se non i costi sempre più  insostenibili di una chiusura prolungata Ma i ristoratori cosa dicono?Dopo il primo aèpello sottos... Leggi di più
IL MENU CON VISTA DELLA TERRAZZA TRIENNALE
Gualtiero Marchesi spiegava che l’antipasto svolge un ruolo importante perché, per usare le sue parole, “dà il timbro” all’intero menu. In qualche modo se piace sveglia l’interesse gastronom... Leggi di più
I CALICI DI SAN VALENTINO: 40 VINI PIÙ 4 CONFEZIONI REGALO
Resta sempre un appuntamento importante la ricorrenza di San Valentino e, a volte, con risvolti sociali davvero rilevanti, per le iniziative che può stuzzicare un simile evento. Un aspetto, quello sociale che, secondo no... Leggi di più
DOSSIER NUTRIZIONE E GELATO. IL GELATO È ALIMENTO SANO? FACCIAMO CHIAREZZA
L’IGI – Istituto del Gelato Italiano  è nato nel 1991 voluto dalle industrie gelatiere più intraprendenti ed attente al prodotto, con lo scopo di far conoscere e promuovere il gelato italiano. Nel 1993 l&rsqu... Leggi di più
LA GENISIA TORREVILLA: PARTIAMO DALLE BASI | UNA NUOVA LINEA PRODUTTIVA
E’ sicuramente un’esperienza non comune degustare le basi di un vino ancor prima di assaggiarlo. Ma cosa sono le basi? Alla produzione di alcuni spumanti, ma non solo, possono concorrere più vini con caratter... Leggi di più
SCUOLA LA ZOLLA, MILANO: CROWDFUNDING PER BLOG E BIBLIOTECA DIGITALE
Scuola La Zolla, Milano: Crowdfunding per Zolleggiamo, blog e biblioteca digitale. E’ partita sulla piattaforma Eppela – e terminerà il 18 marzo- la campagna di crowdfunding, lanciata dalla Scuola Cooperativa La Zolla d... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.