07gen 2022
TIMORASSO DERTHONA GRUE POMODOLCE 2016
Articolo di: Fabiano Guatteri

Il Piemonte, per certi versi anche la Toscana, evoca grandi vini rossi. I bianchi però non mancano e oltre a quelli famosi come l’Asti o l’Alta Langa, ve ne sono altri noti ai wine lover, ma non ai più.

 

Timorasso
E’ il caso del Timorasso, formidabile vino che se fosse nato in Francia lo conoscerebbe tutto il mondo. Invece è ri-nato nei Colli Tortonesi, zona vinicola meno nota di Langhe e di Monferrato, dialogante con l’Oltrepò Pavese.


Pomodolce
E di questa zona enologica abbiamo degustato il Timorasso Derthona Grue Pomodolce. La casa produttrice si trova a Montemarzino, in provincia di Alessandria ed è una piccola azienda con 4 ettari di vigneto e una produzione inferiore alle 20 mila bottiglie annue, delle quali circa 2000 di Grue. La politica della casa è lavorare sulla qualità senza mediazioni, per cui piccoli numeri di alto profilo qualitativo.


Timorasso Derthona Grue 2016
Le uve timorasso utilizzate per produrre di Grue, che è il nome di una delle quattro valli dei Colli, radicano in collina a 380 metri di altitudine in terreno argilloso calcareo. Sull’etichetta riporta la denominazione Derthona, ossia il nome della Tortona degli antichi Romani, che dal 2020 designa una sottozona dei Colli, istituita per la valorizzazione del Timorasso (il quale dal prossimo marzo diventerà Derthona adottando un nuovo disciplinare). Il vino nasce da un’uva bianca unica in quanto genera un vino longevo, strutturato, di salda alcolicità tant’è che in Piemonte è chiamato anche Barolo bianco.

 

Vinificazione
Dopo la raccolta delle uve timorasso ha luogo la pressatura soffice e in pressa si svolge una macerazione di circa 24 ore, quindi il solo mosto fermenta a temperatura controllata. Il vino successivamente matura sur lie in acciaio per dieci mesi. E’ infine imbottigliato.

 

Note Gustative
Abbiamo degustato l’annata 2016 notando un’evoluzione decisamente marcata che caratterizza ulteriormente il vino.

Come si evidenzia nella foto 2 il colore è segnatamente più intenso del giallo paglierino dorato che definisce il Timorasso alla commercializzazione, ed è così profondo da assomigliare a un orange wine.
Al naso si riconoscono note floreali di acacia, di ginestra, e fruttate di pesca, di prugna Reine Claude, oltre a sentori agrumati, cui si uniscono ricordi di timo, minerali con sottili sfumature di idrocarburo.
In bocca è asciutto, strutturato, complesso, pieno, affilato da piacevole freschezza, con note minerali, saline e sfumature umami date dall’evoluzione.

 

Servizio: 12-14 °C

Abbinamenti: storione in umido bianco, petto di faraona in salsa al vino bianco,

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
IL CANZONIERE DI BATTISTI A MARE CULTURALE URBANO
Mercoledì 13 settembre alle ore 21.30 a ingresso libero nel cortile di mare culturale urbano il progetto musicale Lato B porta sul palco il Canzoniere di Lucio Battisti, con la voce, la chitarra acustica e il piano di Le... Leggi di più
QUATTRO TENDENZE COCKTAIL RIVOLUZIONERANNO IL MODO DI BERE NEL 2018
La mixology che verrà: Diageo reserve world class individua quattro tendenze cocktail. Dai migliori bartender del mondo che rivoluzioneranno il modo di bere nel 2018. La cocktail culture è all’apice a livello inter... Leggi di più
NOVITA’ AL DON LISANDER: UNA CUCINA INNOVATIVA CON ECHI STORICI
Il Ristorante Don Lisander a Milano è da sempre considerato un’istituzione per i suoi squisiti piatti di cucina milanese. Il nome, va da sé, è l’essenza della massima espressione letteraria meneghina, Don Lis... Leggi di più
ACCADE A NATALE | IL PANETTONE IN TRE RACCONTI
Questo periodo prevede che il Panettone sfili nelle Hit Parade di Re Panettone e a Panettoni d’Italia, portato con i guanti (di lattice, che brutto) con punteggi che vanno tra i 75 e i 90 dando indicazioni sui Pane... Leggi di più
BACCALÀ IN UMIDO BIANCO A REGOLA D’ARTE
LA RETE DELLA RISTORAZIONE ITALIANA CRESCE E RINNOVA LE RICHIESTE AL GOVERNO: 8 LE MISURE ESSENZIALI
La ristorazione e uno tra i settori più colpiti ed è in grave sofferenza. Non vi sono certezze se non i costi sempre più  insostenibili di una chiusura prolungata Ma i ristoratori cosa dicono?Dopo il primo aèpello sottos... Leggi di più
IL MENU DEI VINI. QUANDO SONO I VINI A SCEGLIERE I PIATTI
I vini, come i piatti, non vanno serviti casualmente
. Ciò perché un buon banchetto richiede altrettanto buoni vini.
 Il menu dei vini.C’è chi dice che il vino vale metà pasto e pertanto se non è presente, o se n... Leggi di più
IL MENU CON VISTA DELLA TERRAZZA TRIENNALE
Gualtiero Marchesi spiegava che l’antipasto svolge un ruolo importante perché, per usare le sue parole, “dà il timbro” all’intero menu. In qualche modo se piace sveglia l’interesse gastronom... Leggi di più
I CALICI DI SAN VALENTINO: 40 VINI PIÙ 4 CONFEZIONI REGALO
Resta sempre un appuntamento importante la ricorrenza di San Valentino e, a volte, con risvolti sociali davvero rilevanti, per le iniziative che può stuzzicare un simile evento. Un aspetto, quello sociale che, secondo no... Leggi di più
LA GENISIA TORREVILLA: PARTIAMO DALLE BASI | UNA NUOVA LINEA PRODUTTIVA
E’ sicuramente un’esperienza non comune degustare le basi di un vino ancor prima di assaggiarlo. Ma cosa sono le basi? Alla produzione di alcuni spumanti, ma non solo, possono concorrere più vini con caratter... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.