31ott 2020
RISTORANTE SPICA, L’ATLANTE DEI SAPORI | CUCINE E COCKTAIL DAL MONDO
Nove cuochi di diverse nazionalità per una cucina multietnica e conviviale con piatti anche da condividere e una drink list dal spore esotico
Articolo di: Fabiano Guatteri

Aggiornamento 3 ottobre 2020 a fine pagina

-----------------------------------------------------

 

 

13 luglio 2019

Siamo stati all’inaugurazione di Spica, un nuovo locale a Milano molto caratterizzato. Spica è ristorante e cocktail bar aperto dalle 12 alle 24 e propone  le cucine del mondo così da comporre un atlante dei sapori.

 

Il locale è ampio, arredato con molta semplicità; tavoli apparecchiati senza tovaglie, strisce color pastello vivacizzano pareti e soffitte, un mix tra suggestioni delle culture asiatiche e design milanese del XX secolo (foto 2, 3, 4).

 

La cucina non si lascia catalogare in quanto riproduce quella di paesi orientali e occidentali. E’ pertanto multietnica, propone tante cucine del mondo, ricordi di viaggi in paesi lontani. A darle vita è Ritu Dalmia cuoca indiana che ha aperto più ristoranti in India e che in gioventù viaggiò spesso in Italia tanto da appassionarsi alla cucina italiana che ha fatto conoscere in India. A Milano, prima dell’inaugurazione odierna di Spica, aprì nel 2017 Cittamani, ristorante di cucina indiana. E’ amica di Viviana Varese, la chef stellata del ristorante Alice presso Eataly Smeraldo, e dai loro incontri è nato questo progetto. In cucina vi sono nove cuochi di diverse nazionalità da loro selezionati.

 

Spica vuole essere una tavola conviviale e in tal senso nel menu oltre ai piatti individuali ve ne sono alcuni da condividere. L’ispirazione viene dai viaggi delle due amiche , dai soggiorni in paesi lontani per cui vi sono piatti diversa origine. 

 

Alcuni sono dell’ Est Asiatico come dim sum e bao cinesi, zuppe birmane e ramen giapponesi. 

 

Vi sono piatti del del subcontinente indiano con samosa del Rajasthan, dosa del Sud dell’India e paratha di Nuova Delhi

 

Dalle Americhe tortilla, tostada, nachos, ceviche, guacamole (foto 1) dall’America Latina e bbq ribs dagli States.

 

Per quanto riguarda l’Europa cocas mallorquina dalle Baleari e la pizza fritta napoletana.

 

Pasteggiare da Spica è anche un po’ viaggiare, sfogliare un  atlante, ritrovare o scoprire sapori. Ad accompagnare le portate la drink list con quindici cocktail di Mattia Bescapè dove distillati e liquori di tutto il mondo si miscelano con sciroppi, spezie riproducendo profumi e sapori adatti ad accompagnare le variopinte portate. Inoltre una sera a settimana sarà presente un dj set ( foto 5 la sera dell’inaugurazione) .

 

Un luogo quindi di cultura multietnica fondata su inclusicità, accoglienza e condivisione e dove quindi la convivialità è di casa. 

 

--------------------------------------

Aggiornamento 31 ottobre 2020

 

In questa fase così difficile per la ristorazione siamo tornati da Spica. Lo stile internazionale è stato mantenuto, con piatti dell’Oriente e dell’Occidente sempre eseguiti in modo ineccepibile. Abbiamo scelto portate di diverse provenienze in formula sharing ossia da condividere che è il modo più conviviale che un tavolo di amici possa adottare, fermi restando gli attuali numeri massimi di commensali e le distanze da tenere.
Il piatto che abbiamo preferito viene dalle Americhe ed è il ceviche di ricciola (foto 6 a sinistra) con tostada (foto 6 sullo sfondo). Eseguito magistralmente in stile nikkei, per cui senza marinature esasperate così che il pesce riproduce il sapore originario; la ricciola è tagliata a dadini sufficientemente grandi da poterne apprezzare la consistenza; il tutto condito con sapori delicati ed è un piatto di piacevole freschezza.

 

I Bao sono ormai onnipresenti in tutti i locali fusion o cinesi e forse ci hanno un po’ stancato, ma qui vale la pena provarli. Sono proposti con cotolette di vitello impanate (foto 7 in secondo piano), croccanti al punto giusto con una maionese di wasabi che le completa al meglio: impeccabile il pane. La versione vegetariana sostituisce il vitello con melanzane fritte ed è anch’essa moto golosa.

 

Ma se si parla di golosità, il piatto riservato ai più gaudenti è la pancia di maiale in salsa BBQ (foto 6 a destra). Va detto della morbidezza fondente, che presuppone una cottura pressoché perfetta, dell’equilibrio di sapori.

 

Un piatto più tradizionale sono i dim sum con pasta cristallo ripieni di carne di maiale (foto 7 in primo piano), presenti in carta anche in versione vegetariana. Cotti al vapore nel cestello di bambu e qui serviti sono eseguiti correttamente, ma forse è il piatto, tra quelli provati, che esprime meno originalità. Da dire anche della buona selezione di vini, pochi calici, ma ben scelti. Non va trascurato il cocktail bar un punto di forza del locale che anima un food pairing con cocktail ad hoc.

 

Gli orari, dopo l’ultimo Dcpm, sono da martedì a domenica dalle 12 alle 18, Delivery dalle 12 alle 22

 

1

2

3

4

5

6

7

Indirizzo : Via Melzo, 9 Milano
Telefono : 02.84572974
Articoli Simili
I più letti del mese
PICASSO, DE CHIRICO, MORANDI | 100 CAPOLAVORI DEL XIX E XX SECOLO
Il 20 gennaio scorso è stata inaugurata a Palazzo Martinengo a Brescia la mostra Picasso, De Chirico, Morandi: 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane, un viaggio nell’arte nella stori... Leggi di più
PROVATI PER VOI: ALTOC A MAGENTA | MARKET E RISTORANTE CON UNA MARCIA IN PIÙ
Siamo tornati alToc (di cui abbiamo scritto qui). La posizione è strategica, veramente comoda da raggiungere e impossibile da non notare, affacciato sulla rotonda della Boffalora Malpensa all’incrocio fra le dirett... Leggi di più
Harry Brompton’s London Alcoholic Ice Tea
Chi ama le bevande moderatamente alcoliche, deve prima o poi provare Harry Brompton’s London Alcoholic Ice Tea non solo perché un tè di 4 gradi alcolici è una novità assoluta, ma anche per la qualità degli ingredienti ch... Leggi di più
IL SEGRETO DEI VINI DELLA TENUTA DI GHIZZANO? LA PIGIATURA CON I PIEDI
I vini in breve Tenuta di GhizzanoIl Ghizzano Bianco 2019Cuvée di uve uve vermentino 50%, trebbiano 35% malvasia 15%, vinificazione in acciaio e affinamento in vasche di cemento. Il 30% dell’uvaggio macera per 4 m... Leggi di più
IL PREMIO FRANCESCO ARRIGONI ALLA FONDAZIONE ONLUS FRANCESCA PECORARI
Il Premio Arrigoni alla Fondazione Onlus friulana Pecorari, la solidarietà dell'enogastronomia per progetti di valore!   La consegna il 4 maggio a Sotto il Monte Giovanni XXIII (Bg) con anche una importante cena di ben... Leggi di più
A SLICE OF UNUSUAL – IL 2018 FIRMATO HENDRICK’S GIN
Hendrick’s Gin  il brand scozzese, che da sempre si distingue per originalità, invita ad approcciarsi al nuovo anno in modo inusuale, a partire dalla data d’inizio, con vari appuntamenti in calendario e un&rs... Leggi di più
PORTA IN TAVOLA IL PIACERE DEI PIATTI PREPARATI A REGOLA D’ARTE
Mancano ormai pochi giorni a Pasqua e, come da tradizione, organizzerete a casa vostra il classico pranzo pasquale. Quest’anno però, oltre che ai vostri parenti, avete deciso di invitare anche alcuni dei vostri amici più... Leggi di più
MILANO WHISKY FESTIVAL AND FINE SPIRITS
Milano Whisky Festival and Fine Spirits: nuova identità e nuovi spazi per celebrare insieme gli spirits più amati. L'11 e 12 novembre 2017, in occasione della 12° edizione, gli organizzatori del Milano Whisky Festival ha... Leggi di più
RISTORANTI. SI RIAPRE: CHI HA GIÀ APERTO, CHI APRIRÀ E QUANDO
Dopo la quarantena imposta da Coronavirus è cominciata una nuova fase, la riapertura . Alcuni ristoranti hanno già alzato la saracinesca, altri riapriranno a breve. Eccone alcuni non solo a Milano   MilanoAperti Chate... Leggi di più
PERCEBES CROSTACEI DALLA GALIZIA… PURCHÉ DE SOL
E’ il caso di parlare dei percebes, perché sono sempre più reperibili anche se, considerati i prezzi, non potranno avere una grande diffusione in Italia e rimarranno un prodotto di nicchia. Sono crostacei cirripedi, il ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.