01lug 2019
SINE, RISTORANTE DI CUCINA GASTROCRATICA
Articolo di: Fabiano Guatteri

A fondo pagina aggiornamento luglio 2019

 

In genere quando parliamo di un ristorante iniziamo dai piatti. Nel caso di Sine preferiamo partire dal cuoco, ossia Roberto Di Pinto. Ciò perché Di Pinto ha vissuto esperienze secondo noi molto formative che ampliano notevolmente gli orizzonti gastronomici. E’ nato a Napoli e lo precisiamo non per una curiosità anagrafica, ma perché è qui che comincia il suo percorso professionale. E’ passato da Nobu, considerato un maestro della cucina giapponese, e da Yannick Alleno, uno dei cuochi più rappresentativi di Francia, tre stelle Michelin. Ha inoltre praticato le cucine di Vittorio Beltramelli a Parigi, allievo di Gualtiero Marchesi e di Ferran Adrià, e non è tutto, ma a noi basta.

 

Giappone, Francia sono due capisaldi della cucina mondiale, Marchesi e Adrià, due innovatori epocali. Per cui Di Pinto con questo patrimonio culturale, dopo la recentissima esperienza da Bulgari, qualche mese fa apre Sine che non vuole essere un altro ristorante gourmet, bensì gastrocratico, capace di rivolgersi ai giovani dedicando agli U25 un tavolo il martedì con menu a 35 euro e mettendo in carta un business lunch con piatti dettati dal mercato. E c’è pure un tavolo in cucina, per chi volesse vivere un’esperienza totalizzante lasciando carta bianca allo chef. Il locale è ampio, cucina a vista (nella foto 2 uno scorcio), arredo essenziale, pulito.

 

Veniamo alle portate.

 

I carciofi alla giudia, piatto poco frequente a Milano, qui è preparato con stracciatella, gamberi e mela verde (foto 3): le sfumature amarognole del carciofo sono compensate dalla dolcezza della stracciatella e dei gamberi.

 

Mescafrancesca, patate e astice (foto 4) è il piatto da non perdere, nasce povero e si nobilita nella cucina di Sine. La mnesca o mesca francesca è un piatto povero della tradizione partenopea. Gli avanzi dei vari tipi di pasta che rimanevano nella madia erano tradizionalmente cotti insieme in una minestra preparata con svariati ingredienti, in genere ortaggi compresi i legumi. La Mescafrancesca di Di Pinto si arricchisce dell’astice, della maionese di crostacei (ottenuta dalle teste dei crostacei trattate a temperature negative, passate al pacojet e montate con olio extravergine d’oliva) e delle foglie di basilico thai. Non è solo l’astice a fare la differenza, ma anche gli altri ingredienti: la ricca polpa del crostaceo bene si lascia accompagnare dalla neutralità della pasta, e compendiare dalla trama dei sapori. Ciò che ci è piaciuto di questa portata è la sensazione di morbidezza che comunica; è un piatto rassicurante e la mescolanza di vari formati di pasta, e pertanto di tante diverse consistenze, alimenta le sfumature gustative.

 

In merito alle consistenze, un piatto di grande soddisfazione masticatoria è il diaframma, cipolla caramellata, ravioli di guanciale e wasabi partenopeo (foto 5). La carne ha la centralità del piatto, ma gli altri elementi non vogliono cederle il ruolo di unica protagonista perché non si sentono per nulla comparse. Il raviolo ha la piccantezza del friarello, la cima di rapa campana, quando comincia a ingiallire e assume  sapore penetrante, quasi pungente che ricorda vagamente il rafano ed è il wasabi napoletano. Preparazione con cui trastullarsi in un intessersi di diversi sapori, succulenta e sapida.

 

Notiamo come la cucina di Di Pinto sappia nobilitare la povertà di un piatto non solo unendo un ingrediente pregiato, ma anche utilizzando un procedimento, una tecnica culinaria capace di cambiarne la percezione. Prendiamo lo sgombro, pesce che ormai si trova raramente al mercato come tanti altri pesci azzurri. E’ un pesce povero e trovarlo elencato nella carta di un ristorante gastrocratico... il pesce sfilettato è marinato a secco come vuole la tradizione giapponese, tra alga kombu, sale e zucchero con l’aggiunta di un trito di erbe aromatiche mediterranee. Lo sgombro è poi impiattato su una crema di pane, completato con alghe wakame, gaspacho alla pizzaiola ed estratto di mozzarella (foto 1).

 

Non occorre aggiungere commenti o analizzare orgalonetticamente  il piatto come facevano i sommelier con i vini negli anni ottanta. E’ una portata nippomediterranea ben calibrata, fortemente personalizzata dalla mano dello chef e dello chef lascia trasparire il sapere; è la semplicità a dettare il ritmo e ogni preparazione che qui si mescola è frutto di un’elaborazione netta, pulita, senza ridondanze o divagazioni. Va ancora detto che la cantina (foto 6) custodisce etichette di pregio nazionali ed estere.

 

In conclusione la cucina di Sine, per riprendere in parte quanto già detto, è pulita, senza ridondanze, cosmopolita, sintesi di significative culture culinarie.

 

Aggiornamento luglio 2019
Sine è un ristorante dinamico. Oltre al costante lavoro di ricerca in cucina, sta lavorando sulla carta dei vini e più in generale degli alcolici. Nasce così una nuova proposta  Sine che riguarderà la cena del lunedì. Infatti ogni mese protagonista della prima serata della settimana sarà un cantina vinicola in rappresentanza di una regione. Il percorso degustativo enologico verrà abbinato ai piatti elaborati appositamente dallo chef Roberto Di Pinto.
Si comincerà stasera primo luglio con una cena dedicata alla Sicilia che sarà replicata i prossimi lunedì, ossia 8-15-22-29 luglio.

 

Il menu
Pane di tumminia e olio di tonda iblea
Carpaccio di tonno, gelato al cappero e dressing agli agrumi
Risotto alla norma
Tagliolini al nero e ricci di mare
Filetto di spada, zucchine in fiore
Dolcezze siciliane

con i vini della cantina siciliana Tasca d’Almerita (foto 7).

 

In pieno stile gastrocratico il menu, accompagnato da 4 calici da degustazione, è proposto a un prezzo di 65 euro.

 

1

2

3

4

5

6

7

Indirizzo : Viale Umbria 126 Milano
Telefono : 02.36594613
Articoli Simili
I più letti del mese
PASQUA E PASQUETTA 2018: LE PROPOSTE DELLA RISTORAZIONE IN ITALIA
Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi, così recita il famoso detto, ma quali sono le proposte della ristorazione per ingolosire i clienti durante le festività in arrivo? Se lo è chiesto TheFork, sito e app per Android ... Leggi di più
AL MUDEC JEAN-MICHEL BASQUIAT, L’ARTISTA AMERICANO SCOMPARSO A 27 ANNI
In mostra al Mudec  (Museo delle Culture dal 28 ottobre al 26 febbraio quasi cento opere di Jean-Michel Basquiat che ne descrivono la breve ma intensa carriera. Le opere del writer e pittore statunitense, scomparso il 1... Leggi di più
RUMBLE: IL GRANDE SPIRITO DEL ROCK
La grande storia del rock e delle sue radici nativo americane è protagonista al cinema con le I Wonder Stories. Presenta il film in sala Andrea Morandi. In anteprima a Sala Biografilm  in versione originale sottotitolata... Leggi di più
THE FOODIES BROS. E SIMONE RUGIATI: L’ARTE CULINARIA ITALIANA
THE FOODIES BROS. e Simone Rugiati reinterpretano la tradizionale arte culinaria italiana.   Dall’amore per il cibo e le buone tradizioni nasce un marchio che è garanzia di qualità, frutto dell’incontro tra gli esperti... Leggi di più
METTI UNA CENA CON ANGELA VELENOSI SORSEGGIANDO IL SUO “VERSO SERA”
E, improvvisamente, una donna bella, brillante, dinamica, di successo, blocca il racconto della sua impetuosa cavalcata nel mondo del vino perché il ricordo di un messaggio del padre nella segreteria telefonica gli togli... Leggi di più
AL TEATRO7 CON PASSIONE CUCINA 2 SERATE DEDICATE ALLA SEMPLICITÀ
Teatro7: Passione Cucina due serate dedicate alla semplicità della cucina regionale.   La cucina semplice è quella più immediata, sincera, e proprio per la sua semplicità, non ammette errori, correzioni con salse copre... Leggi di più
I DOLCI NATALIZI 2015: MARCELLO MARTINANGELI PROPONE I TRONCHETTI

Per il Natale 2015, Marcello Martinangeli delle Dolci Tradizioni propone 3 versioni di tronchetti, o "buche" in francese, dolci tipicamente natalizi: Marrons glacé Base di frolla, mousse ai marroni, cuore di mousse al... Leggi di più
REALTÀ IMPRENDITORIALI DI SUCCESSO: MONDODELVINO SPA A PRIOCCA (CN)
L’azienda è una delle più certificate in Italia, probabilmente la prima per attestati nel settore vinicolo, che non si ottengono per caso, ma sono il frutto di un percorso fortemente voluto e perseguito con impegno... Leggi di più
LA MOUSSE DI KNAM AL TRIS DAY | UNA STORIA TRENTENNALE
Chissà se in quel lontano 1987 il giovane Ernst Knam mentre realizzava la sua prima mousse ai tre cioccolati al Terrace del Dorchester di Londra intuì che sarebbe divenuta il suo dolce simbolo. Era diversa da quella che ... Leggi di più
LE NOVITA’ DEL NATALE 2019: LA PRALINA AL PANETTONE DI DAVIDE COMASCHI
La nuova pralina in edizione limitata di Davide Comaschi, il panettone racchiuso in uno scrigno di cioccolato è la novità del Natale 2019 che si aggiunge alle altre 10 praline della Galaxy Collection (foto 1).   Si chi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.