05giu 2018
RISTORANTE FLORA A BUSTO ARSIZIO: LA CUCINA NATURALE ABITA QUI
Articolo di: Clara Mennella

“Nella mia cucina il frigorifero è di norma praticamente vuoto e faccio un uso quasi zero delle tecnologie” il cuoco che mi parla così non è un anziano professionista d’altri tempi che non si è voluto adeguare al progresso di questi anni ma è un giovane ristoratore, Riccardo Escalante classe 1986, che insieme al fratello Gabriele, giovanissimo classe 1994, ha aperto un ristorante a Busto Arsizio da circa un anno e mezzo con l’intento di non essere uguali a nessuno, di non inseguire modelli di successo ma di avere come unica fonte d’ispirazione la natura, i suoi cicli, la sue stagioni, i suoi profumi, colori e sapori.

 

Giovani, abbiamo detto, belli, curati e per niente figli e nemmeno nipoti dei fiori, gli Escalante semmai si stanno facendo promotori di un nuovo filone new-age in cucina che respinge le scorciatoie e le lusinghe di un’industria alimentare che offre sempre più soluzioni fast e spettacolari.

 

Riccardo, che nel curriculum ha ristoranti stellati e di livello in Italia, Stati Uniti, Argentina e Australia, ha scelto di trovare la sua dimensione vicino a casa, a Busto Arsizio, rilevando un locale luminoso sulla via di passaggio e, insieme a Gabriele di inventare un modo di fare ristorazione che esaltasse ai massimi termini la semplicità.

 

Sembra un controsenso? Al Flora va proprio così; intanto non esiste personale di sala né di cucina, i fratelli fanno tutto da soli, dalla spesa in una serie di aziende agricole del circondario, alla ricerca dei vini da mettere in carta che, manco a dirlo, sono esclusivamente prodotti in maniera naturale, bio e biodinamica e provengono da aziende piccole con piccole produzioni.
Riccardo lavora tutto a mano, ma il minimo indispensabile, non segue ricettari ma “guarda in faccia” i prodotti freschi di giornata e li mette insieme seguendo il suo estro. Attenzione, non in maniera casuale né minimal, oltre al gusto, presta attenzione ai profumi e ancor di più ai colori e all’estetica, così delle semplici verdurine diventano piatti di tutto rispetto, belli, gustosi e sostanziosi, perché al Flora la cucina non è dietetica, i condimenti ci sono e si sente, e nemmeno vegetariana, visto che carne, uova, burro e formaggi fanno parte del menù.
Gabriele invece lavora in sala in autonomia, anche le sue esperienze precedenti sono importanti e vanno dal Villa Crespi al Seta del Mandarin a Milano, ma lui ha scelto di fare la professione in maniera non scontata, oltre ai vini sorprendenti, non filtrati e non “sboccati”, sta creando una carta di birre e ha una bella lista di tisane naturali che propone a tutto pasto oppure al termine del pranzo o della cena.

 

Il menù degustazione costa 40 euro senza vini, si possono scegliere dalla carta più o meno le stesse cose spendendo la stessa cifra per 3 portate, oppure scegliere la proposta veramente competitiva del pranzo, con un menù a 15 euro.
La sera, dicevamo, il frigo non contiene più nulla, quindi venite tranquillamente due giorni di seguito che non troverete le stesse cose.

 

1

2

3

4

Photo Credits

Photo 1 : Clara Mennella
Photo 2 : Clara Mennella
Photo 3 : Clara Mennella
Photo 4 : Clara Mennella
Indirizzo : Via Gioacchino Rossini 29 Busto Arsizio
Telefono : 348.0738215
Articoli Simili
I più letti del mese
APERITIVO IN CONCERTO AL TEATRO MANZONI IL 15 GENNAIO
Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la trentaduesima edizione della rassegna musicale “Aperitivo in Concerto” 2016-2017 ospitata al Teatro Manzon... Leggi di più
EAST LOMBARDY ATTERRA NELL’ISOLA DI ITALY LOVES FOOD
L’Aeroporto di Milano Bergamo, terzo scalo italiano con un movimento di oltre 11 milioni di passeggeri nel 2016 e un trend costantemente positivo, continua a migliorare la qualità dell’offerta retail & food. A meno di u... Leggi di più
MOSNEL IMBANDISCE I VIGNETI: SABATO 10 GIUGNO E DOMENICA 11 GIUGNO 2017!
Mosnel è circondata da 39 ettari di vigneti condotti con agricoltura biologica: un parco incontaminato dove è possibile passeggiare, andare in bicicletta, fare nordic walking e anche… picnic. In particolare sabat... Leggi di più
Corti Abbadesse: la campagna a Milano
LeCorti Abbadesse non è solo un negozio, e neppure soltanto un luogo di ristoro, ma uno spazio che racchiude entrambe le dimensioni. Ogni giorno alle Corti Abbadesse arrivano prodotti freschi creati e raccolti nelle und... Leggi di più
GAGGIA MILANO PARTNER DI PRÉT-À-PARLER
Gaggia Milano partner di Prét-à-Parler: quando le petit déjeuner  incontra il classico espresso italiano. Prét-à-Parler è ben più di una scuola di lingue: è un insieme di iniziative volte a coinvolgere le persone che de... Leggi di più
BELVEDERE VODKA ‘VODKA PRODUCER OF THE YEAR’ PER IL SECONDO ANNO
Belvedere Vodka ‘Vodka Producer of the Year’ per il secondo anno all’International Spirits Challenge 2016   Belvedere Vodka, prima luxury vodka al mondo, ha vinto il titolo di ‘Vodka Producer of the Year’ per il seco... Leggi di più
PUNTATA DEDICATA ALLA RICERCA DELLE RADICI ATTRAVERSO L'ARTE
La dodicesima puntata di ArtBox, in onda mercoledì 14 giugno alle 20.45 su Sky Arte HD, è dedicata alla ricerca delle origini e delle radici attraverso l'arte. Una ricerca che portò Kandinskij tra le popolazioni indigen... Leggi di più
AMMASSO 2013 BARONE MONTALTO ROSSO TERRE SICILIANE IGT
Barone Montalto è un’azienda nata nel 2000 in provincia di Trapani con l’ obiettivo di far conoscere l’inconfondibile autenticità dei vini siciliani ricorrendo anche alla tecnologia in cantina, ma per valorizzarne l’anim... Leggi di più
VITAE 2019, LA GUIDA VINI CON LA V MAIUSCOLA
L’Associazione Italiana Sommelier ( AIS ), ha presentato in anteprima a Milano la sua Guida Vini 2019: Vitae (ne abbiamo parlato qui).   All’hotel Westin Palace la giornata è iniziata in fermento: presente ... Leggi di più
CANALETTO E BELLOTTO | DUE ARTISTI A CONFRONTO
Al genio pittorico e all’intelligenza creativa di due grandi artisti del Settecento europeo: Antonio Canal, detto “il Canaletto” (Venezia 1697-1768) e suo nipote Bernardo Bellotto (Venezia 1722-Varsavia 1780) le Gallerie... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.