10lug 2020
RISTORANTE 21.9 FLAVIO COSTA, CHEF SAUCIER E TANTO ALTRO
Articolo di: Michela Brivio

Si sa che i papà hanno un debole per le figlie femmine. E anche questo papà lo dimostra dedicando alle sue gemelle il nome del ristorante, 21.9 (Ristorante & Albergo di Charme 21.9), la loro data di nascita.
La prima apertura è in Liguria ad Albissola Marina e dal 2016 all’interno della Tenuta Carretta a Piobesi d’Alba, nel cuore del Roero (foto 2). Prima ovviamente altro ma non mi piace parlare del passato, anche perché non lo conosco personalmente. Preferisco hic et nunc. Cito solo l’Arco antico di Savona perché è iniziata lì l’avventura con un locale tutto suo.

 

Girare il Piemonte è come volare in un cielo stellato. Devi solo scegliere dove e con chi fermarti.

 

Suggestivo e rilassante atterrare in questa splendida tenuta. Attorno solo verde e vigneti. All’interno si accede al ristorante passando da un bellissimo salotto, classico, con angolo bar dov’è d’obbligo una sosta per le presentazioni, con un bicchiere di Champagne Perrier-Jouet (partner) e tagliere di chicche norcine davvero di livello. Come piace a me. (foto 3)

 

Quindi a tavola, in una sala molto curata che nella stagione estiva si sposta all’esterno, spogliandosi dalle mura e immergendosi nella natura, con la stessa eleganza e distanziamento (foto 4 e 5). Uno dei pochi posti dove poter aggiungere tavoli e non toglierne. Qui rimane tutto uguale, perché la qualità viene prima di tutto, anche in questi dettagli, oltre che in cucina.

 

Flavio Costa (foto 1) è un cuoco con il sorriso sulle labbra, spontaneo e coinvolgente. Ama il suo lavoro e lo si sente, dai piatti e nella sua presenza costante, anche solo con uno sguardo dalla porta della cucina per accertarsi che vada tutto bene (foto 6). L’ho definito nel titolo chef saucier. Spero non me ne voglia ma ci tengo a soffermarmi su questo tratto distintivo perché credo sia una sua gran firma. In più occasioni a tavola mi è capitato di assaggiare le sue salse e pensare che potevano bastare a fare il piatto, tanto sono perfette e di grande concentrazione gustativa. Vale lo stesso per i fondi. Sento ancora il sapore della lepre, che ha dipinto il riso, e del sugo di acqua di pomodoro e ricci di mare alla base degli gnocchetti di patate e alghe.

 

4 i menù degustazione, di mare, di terra, della tradizione e gastronomica. Pochi fronzoli nei titoli e nei nomi dei piatti, perché conta la sostanza. Il cuore di tutto sono le eccellenti materie prime, selezionate e valorizzate al meglio. Mai più di tre ingredienti principali nel piatto. I sapori sono sempre netti e immediati, tanto da rendere comprensibile a tutti una grande cucina d’autore.

 

Non esiste una carta vera e propria ma è possibile scegliere i singoli piatti dai diversi menù, creandosene uno su misura. Formula assai diffusa in zona. Tre posti su tre visitati direi che è un buon dato per affermalo. Mi piace!

 

Non posso che iniziare con il suo piatto icona, la crema di zucchette trombette, seppie al nero e scorzette candite di limone. Un attimo d’estasi quel cucchiaio che affonda in una delicatissima “maionese” vegetale (rapporto 1 a 1 tra olio e verdura) e raccoglie il resto, in un gioco agrodolce che avvolge il palato.
Mare, Liguria, la sua origine. Terra, Piemonte, la sua adozione. E’ tutto nei piatti, in un racconto davvero raffinato ma nello stesso tempo molto incisivo.
Tatin di acciughe, pomodoro confit ed emulsione di mare, tonno scottato su pietra di ardesia, melanzane e agrumi e morone con asparagi, champagne e caviale. Quest’ultimo porta anche un po’ in Francia con la mente.
Nella pagina terra leggiamo soprattutto quinto quarto e selvaggina. Ha piovuto. Il che significa anche i primi funghi. Leggendo il nostro desiderio arrivano in due preparazioni: animelle rosticciate con porcini al verde e spugnole con ricci e aglio nuovo, dove serve ancora un cucchiaio per mangiarlo, un’ altro cucchiaio goloso.
Bella e profonda la carta dei vini, anche al bicchiere. Due le opzioni. Perdere tempo in solitaria con il qr code o condividere il tempo confrontandosi insieme cosa bere, tra preferiti e miglior abbinamento ai piatti. Ormai mi conoscete quindi sapete già la scelta, soprattutto quando so con chi sto parlando. E qui è ancora Flavio l’interlocutore (tra i pochi cuochi a intendersi così bene anche di vino), circondato da collaboratori giovani e gentili.

 

Si respira un’atmosfera davvero rilassata a tavola e si ha la sensazione di essere invitati a casa. Leggo lo stesso dagli altri ospiti, che osservo in un attimo di solitudine, notando un’età media davvero bassa. Bellissimo l’approccio enogastronomico piemontese, direi unico. E tutto me lo dimostra sempre.
Flavio Costa. Tanto altro.

1

2

3

4

5

6

Indirizzo : Loc. Carretta 4 Piobesi d'Alba
Telefono : 0173.3872 00
Articoli Simili
I più letti del mese
PECK –UOVA DI PASQUA 2018 | LE NUOVE CREAZIONI DI GALILEO REPOSO
Una Pasqua luminosa e colorata quella firmata Peck per il 2018.
 Galileo Reposo, pastry-chef della maison, quest’anno ha lavorato il cioccolato giocando su luce e colori, dando vita a tre raffinati e golosi capolav... Leggi di più
LIVE WINE 2018 | IL SALONE INTERNAZIONALE DEL VINO ARTIGIANALE
LIVE WINE. Il Salone Internazionale del Vino Artigianale alla sua quarta edizione. Sabato 3, Domenica 4 e Lunedì 5 Marzo torna l’evento più importante dell’anno dedicato alle produzioni vitivinicole artigiana... Leggi di più
SI È CHIUSA LA VENTESIMA EDIZIONE DI SUMMA
Domenica 9 aprile circa 1.400 visitatori internazionali hanno preso parte al ventennale di Summa, la kermesse organizzata da Alois Lageder a Casòn Hirshprunn e Tòr Loewengang (Magrè, BZ)   Presenti oltre 500 ospiti al ... Leggi di più
PIER52, RISTORANTE PER OGNI STAGIONE
Aggiornamento 12 febbraio 2016 San Valentino “Sapore di sale, sapore di mare” cantava Gino Paoli e chissà quante storie d'amore sono nate sulle note della sua canzone! Del resto anche a tavola - stando alle cronache di... Leggi di più
AL VIA I NUOVI CORSI DELL’ACCADEMIA GUALTIERO MARCHESI
Ritornano anche per il nuovo anno scolastico i corsi dell’Accademia milanese  del Maestro Gualtiero Marchesi, con un ricco calendario e tante novità.  I corsi per gourmet, una proposta unica per appassionati e ama... Leggi di più
“PIZZA IN BRERA” DA BIOESSERÌ CON LELLO RAVAGNAN DEL GRIGORIS
Una imperdibile degustazione del piatto più emblematico della cucina italiana. Bioesserì Brera, ristorante biologico nel centro di Milano, ospita lunedì 11 dicembre Lello Ravagnan del Grigoris di Mestre (Ve). Alla prima ... Leggi di più
A SAN VALENTINO DILLO CON UN VINO... O CON UN DRINK
I vini di San Valentino: Moscato di Trani Di Filippo Una cena romantica conclusa con un vino altrettanto romantico per il suo colore dorato, la freschezza del bouquet e la dolcezza del gusto?. E’ quanto di meglio... Leggi di più
AUTOCHTONA 2017 14° FORUM DEI VINI AUTOCTONI: I TRE LAGREIN
Tasting Lagrein 2017: tre i premi assegnati: uno per ognuna delle tipologie più tipiche del Lagrein di Alto Adige. Fresco quando rosato, scuro e corposo adatto a buon invecchiamento oppure fruttato e pieno: il Lagrein ha... Leggi di più
HA APERTO IL CAFFÈ PASTICCERIA ROSCIOLI IN PIAZZA BENEDETTO CAIROLI A ROMA
Il distretto gourmet nel cuore di Roma si allarga e spazia nella pasticceria e nella caffetteria. Alessandro e Pierluigi Roscioli hanno rilevato la storica Pasticceria Bernasconi e hanno creato la loro personale versione... Leggi di più
I RISTORANTI ADERENTI AL PROGETTO LOL CONTRO LO SPRECO... I PRIMI 10
Il progetto LoL- “LeftOver Lovers” voluto e promosso da De-Lab, di cui abbiamo scritto qui e qui, si sta avvicinando alla fase operativa. I ristoranti salentini che hanno aderito al progetto di sensibilizzazi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.