30set 2017
QUANDO ANCHE GLI UOMINI DICONO NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Alla terrazza di Ammu Café e Carlyle si è svolta l’iniziativa benefica di #Roar di cui abbiamo detto qui. Un evento significativo in cui è emersa la drammaticità della violenza ai danni della donna. Per l’occasione è stata presentata la maglietta che riporta la scritta #Roar nata dall’idea di due giovani designer, Raffaele e Mohamed che una sera, alla notizia dell’ennesimo femminicidio, decisero di far sapere alle donne che anche tra gli uomini c’è chi dice no. Da qui la maglietta per sostenere, con parte del ricavato, un centro antiviolenza, Cerchi d’acqua, che da 17 anni lotta per la difesa della donna. Durante l’incontro Raffaele e Mohamed hanno sottolineato come sia importante fare informazione pensando soprattutto ai giovani, ossia a chi può essere ancora educato. Nacque così il progetto che i due amici proposero Valeria Benatti, autrice di Gocce di Veleno, romanzo incentrato sulla violenza psicologica ai danni delle donne, conosciuta proprio a una presentazione del libro. Grazie a lei sono arrivati a Cerchi d’acqua. All’evento Valeria Benatti ha voluto ribadire la positività che rappresentano gli uomini che combattono la violenza, anche se a dichiararsi sono ancora in pochi. Ma soprattutto l’autrice ha voluto indirizzare un appello alle donne perché si rivolgano ai centri antiviolenza per dare fine a un incubo, senza esitazione e in piena fiducia come spiega nel suo libro.

Per Cerchi d’acqua sono intervenute, la Presidente Graziella Mazzoli e la Vicepresidente Marilù Soldi portando dati drammatici dai quali si evince che la quasi totalità di violenze, stupri e femminicidi è perpetrata dalle persone dell’ambito familiare e conoscenti, mentre solo una piccolissima percentuale è imputabile a estranei. Né va trascurato il numeri di orfani che il femminicidio comporta: bambini testimoni di episodi che li segnerà indelebilmente per tutta la vita. La buona notizia è che nel Codice Antimafia recentemente approvato dalla Camera, agli stalker saranno sequestrati beni come ai mafiosi e questo, sottolinea Cerchi d’acqua, può rappresentare un deterrente.

Al termine dell’incontro si sono potute acquistare le magliette #Roar a sostegno di Cerchi d’acqua che si possono comprare anche on-line cliccando qui. Ciò che però preoccupa è che spesso lo stalker diventa l’assassino o comunque il violentatore perché in Italia le denunce di violenza delle donne non trovano pronta risposta, non bastano a fernarlo. Fa riflettere quanto è accaduto in seguito a un episodio avvenuto nell’Udinese in cui un uomo, più volte denunciato dal 2012 per lesioni e maltrattamenti, assassinò il figlio e ferì gravemente la moglie. Per questo episodio quest’anno la Corte Europea ha condannato l’Italia perché ha violato la Convenzione dei diritti umani per il mancato tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria dopo la denuncia della donna contro l’uomo. Da vergognarsi.

 

1

2

Photo Credits

Photo 2 : http://www.roar.love/
Articoli Simili
I più letti del mese
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
BADIA DI MORRONA, I SODI DEL PARETAIO 2017
La famiglia Alberti produce vini Chianti dal 1939 e dispone di circa 110 ettari dei quali la metà sono coltivati a sangiovese. Tra i Chianti prodotti uno giovane, che si avvicina di più al vino quotidiano beverino e fres... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
AL MERCATINO "IL BUONO IN TAVOLA" PER SCOPRIRE I PRODUTTORI (1/2)
Aggiornamento 1 aprile 2019 Questo mese Il Buono in Tavola sarà presente per 5 martedì: il 2, il 9, il 16, il 23 e il 30 Aprile dalle 8:30 alle 14:30. Tra i jolly che caratterizzano l’edizione 2019, martedì fa il ... Leggi di più
SETTEMBRE GASTRONOMICO DI PARMA 2021
Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, la filiera del latte e quella del pomodoro possiamo dire che sono dominanti e non può essere diversamente, siamo a Parma, anzi nella Città Creativa della Gastronomia Unesco. Ma q... Leggi di più
SPAGHETTI AL LARDO CON CALAMARI, POLPO E COLATURA DI ALICI
ASPARAGI ALLE UOVA IN CEREGHIN E FORMAGGIO GRANA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.