05apr 2022
PRÜNENT, ESPRIT DELLE VALLI OSSOLANE, RACCONTATO DA CANTINE GARRONE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Matteo e Marco Garrone, in rappresentanza della Cantine Garrone di Domodossola hanno presentato, in un press lunch organizzato dall’Agenzia di Comunicazione PR Comunicare il Vino una selezione di vini rossi della propria collezione (foto 1)
 
Il territorio

 

La Doc di riferimento, ossia la Valli Ossolane, istituita nel 2009, è la denominazione più nordica del Piemonte. Il vitigno maggiormente rappresentativo è il nebbiolo, o meglio il prünent, un clone antico del reputato vitigno, allevato quantomeno dal 1309, come attestano le prime testimonianze. In passato la superficie vitata locale era più che apprezzabile in quanto si attestava attorno a 800 ettari. Di fatto però, nel corso dei secoli, considerate le difficoltà lavorative che si accentuano dove si inerpica la montagna, e costretti ai percorsi obbligati dettati dai terrazzamenti, i vigneti furono man mano abbandonati sino ad arrivare agli anni 90 quando si sviluppavano su soli 30 di ettari. Il nonno e il padre di Matteo e Marco Garrone, l’attuale generazione proprietaria, ebbero l’intuizione di commercializzare il vino prodotto che per tradizione era destinato al consumo locale. La superficie vitata dell’azienda di famiglia era modesta e pertanto decisero di acquistare uve dai viticoltori della zona, pratica all’epoca per nulla scontata per cui non facile da realizzare. Da lì ha preso il via un circolo virtuoso di recupero della viticoltura del territorio che permette oggi ai Garrone di disporre di 14 ettari di vigneto, 3 dei quali aziendali, e gli altri gestiti da un gruppo di viticoltori aderenti all’Associazione Produttori Agricoli Ossolani – APAO per un totale di 40 mila bottiglie, posti a un’altitudine compresa tra 450 e 500 metri. La cantina alleva nebbiolo e altri vitigni complementari oltre a produrre un Merlot vinificato in purezza. I vini della Cantina nascono da uve di viti segnatamente vecchie, talvolta ancora a piede franco, per cui con oltre un secolo di età.
 
 
I vini in degustazione
 
Munaloss Vino Rosso 2020 (foto 2)
Prodotto con 70% nebbiolo e 30% croatina, è il blend della tradizione tant’è che nei vecchi impianti sono allevate le uve rispettando queste percentuali per facilitarne la vinificazione, mentre ora nei vigneti è messo a dimora il solo nebbiolo. È il vino più simile a quello che bevevano i nonni ossolani. Sono prodotte 20 mila bottiglie utilizzando uve di ogni età a partire dai 5 anni. Negli ultimi anni la malolattica si svolge subito dopo la fermentazione a causa del cambio climatico, mentre storicamente avveniva in primavera. Il vino nasce da un’unica vinificazione e matura un anno in acciaio prima dell’imbottigliamento.

 

Note gustative
È un vino che nel calice vibra giovinezza, nonostante un anno di maturazione in acciaio. E giovane è l’impatto gustativo per freschezza ben espressa, per bevibilità. È piacevole grazie alle note fruttate che ricordano piccoli frutti, oltre a note floreali di rosa.

 

Abbinamenti
Salumi nobili, tartare di manzo, trota in salsa al vino rosso.
 

 

Prünent Valli Ossolane Nebbiolo Superiore 2019 (foto 3)

 

Da uve nebbiolo molte delle quali da piante centenarie a piede franco e in ogni caso da vecchie vigne con età media 80 anni, matura 10 mesi in acciaio e un anno in botte grande di 2000 litri. È il vino più rappresentativo dell’azienda: esprime territorialità e bene rappresenta la più qualificata cultura vitivinicola ossolana. 8000 bottiglie prodotte.

 

Note gustative
In bocca pretende attenzione, grazie alla propria complessità, alla salda struttura, ma al tempo stesso l’acidità rende snello il sorso non rallentato dai tannini soffici, lo vivacizza. Fanno da sfondo le note fruttate, frutta rossa estiva matura, ricordi balsamici e di macchia mediterranea.

 

Abbinamenti
Tagliatelle al sugo di cinghiale, brasato di manzo, formaggi lungamente affinati
 
 
 
Prünent Diecibrente Valli Ossolane Nebbiolo Superiore 2019

 

È un’anteprima del 2019 e pertanto è senza etichetta. Prodotto con le uve di un singolo vigneto, è elevato 2 anni in botte grande. Il primo anno di produzione e il 2015 quando era stata utilizzata solo una parte del vigneto così da produrre 500 litri vale a dieci brente, e da qui il nome. Oggi che viene impiegato l’intero impianto si producono 2600 bottiglie. È prodotto con sole uve nebbiolo, e il vino subito dopo la vinificazione va in botte grande, quindi affina circa 10 mesi di bottiglia: il vino degustato sarà commercializzato nel novembre 2022.

 

Note gustative
Note floreali di viola, ricordi di ciliegia, sfumature agrumate anticipano il sorso che non esprime opulenza, ma piace perché succoso, dinamico, con acidità ben integrata, e dotato di buona persistenza.

 

Abbinamenti
Ravioli di carne, arrosti, formaggi maturi.
 

 

Ca’ d’Maté Valli Ossolane DOC Rosso 2017 (foto 4)

 

Attualmente è in vendita la vendemmia 2019. Nasce dal mix 80% nebbiolo 20% croatina, solo di vigne vecchie. La vinificazione prevede 2 settimane di macerazione nel corso delle quali non si effettua follatura, non si spacca mai il cappello, ma solo rimontaggi per evitare estrazioni troppo spinte. Il vino matura un anno in acciaio, poi è elevato altrettanto tempo in botte grande e affina 5-6 mesi di bottiglia. 8000 le bottiglie prodotte

 

Note gustative
Profumo di ciliegia, di lampone, di fragola, sensazioni di agrume, di liquirizia, di note balsamiche. In bocca è pieno, avvolgente, dotato di buona mineralità, con tannino ben intessuto.

 

Abbinamenti
Lasagne al forno, costolette di castrato alla brace, anguilla al forno.
 

 

Tarlàp Valli Ossolane DOC Rosso 2020 (foto 5)

 

Tarlap in dialetto ossolano significa un goccio ed è prodotto con merlot vinificato in purezza di vigne di 30 - 40 anni; finita la vinificazione è elevato in botte sino a un anno e sei mesi in bottiglia. 6-8 mila le bottiglie prodotte.

 

Note gustative
L’impatto gustativo è morbido, suadente, con tannini levigati, piacevole freschezza; è un vino piacevole, un calice invita a quello successivo, ricco di profumi di mirtillo nero, di ribes nero, di mora, di eucalipto.

 

Abbinamenti
Pâté maison, tagliatelle al ragoût di coniglio, faraona in casseruola.

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
I TAKOYAKI DI TAKOCHU: UN SAPORE INSOLITO DAL GIAPPONE SUI NAVIGLI
Sempre più città dell'appetito, si perché dopo moda e design, Milano continua ad essere la meta preferita dove assaggiare cibo proveniente da qualunque latitudine e a qualunque ora.Ieri c'è stato l'assaggio-anteprima al ... Leggi di più
LE ECCELLENZE AGRO-ALIMENTARI PARTENOPEE A MILANO
Dall’1 al 6 dicembre Milano sarà conquistata dalle eccellenze tipiche agro-alimentari della provincia di Napoli, grazie all'iniziativa promossa dalla Camera di Commercio di Napoli presieduta da Ciro Fiola e da S.I.... Leggi di più
FRITTATA IN STILE GIAPPONESE TAMAGOYAKI FARCITA AL BRIE E SCALOGNO
IL FESTIVAL: IL MONDO DEL RAVIOLO A EATALY SMERALDO
A Eataly Smeraldo torna il Festival più "cosmopolita" di sempre! L'ultimo weekend di gennaio, il festival "Il mondo in un raviolo" Quando si parla di pasta ripiena e, più nello specifico, di raviolo, si pensa subito alle... Leggi di più
GLI ULTIMI ACQUISTI PER SAN VALENTINO
SAN VALENTINO E' QUI   FIVE ROSES 74° ANNIVERSARIO ROSATO IGT 2017 Per San Valentino non può mancare il primo vino rosato imbottigliato in Italia. E, cioè, il famoso Five Roses – già romantico per il nome con c... Leggi di più
IL NUOVO APPUNTAMENTO ALLA FIERA DI BOLZANO CON LAGREIN EXPERIENCE
Alla Fiera di Bolzano  gli appuntamenti enologici si infittiscono. Dopo Autocthona, 14-16 ottobre (foto 1)  e Vinea Tirolensis, 17 ottobre,  il 18 ottobre esordirà Lagrein Experience. Si tratta di una rassegna dedicata a... Leggi di più
PAROSÉ 2012 LE BOLLICINE CHE FANNO PENDANT CON I COLORI DELL'AUTUNNO
Mosnel Parosé 2012 Ecco le bollicine che fanno pendant con i colori dell'autunno. Note purissime di ribes e fiori di montagna, accese dalla freschezza del mandarino e della melagrana, con una vena speziata a far da sfond... Leggi di più
GOUMARTE2018 IL TRITTICO DA NON PERDERE; GLI APPUNTAMENTI CON GLI CHEF
A GourmArte2018, il trittico da non perdere.   Maestro del Gusto - Barone Pizzini Ha visto lontano  Barone Pizzini, cantina in Franciacorta. Il merito di avere creduto nella produzione bio (20 anni quest’anno) è ... Leggi di più
SODA, CARNOSA, CROCCANTE: LUCREZIA LA NUOVA OSTRICA ITALIANA
È nata “Lucrezia” un’ostrica tutta italiana, più precisamente emiliano-romagnola. L’esordio milanese ha avuto luogo presso il ristorante A’Riccione Terrazza 12 dove la nuova ostrica è stata ... Leggi di più
IL PALIO DELL’AGNOLOTTO: QUAL È L’AGNOLOTTO PIÙ BUONO DELL’OLTREPÒ?
Torna Il Palio dell’Agnolotto  la sfida benefica per incoronare il migliore agnolotto dell’Oltrepò Pavese: il 28 aprile alla Tenuta Calcababbio (località Calcababbio, Pietra Dé Giorgi, Pavia) 13 Ristoranti pa... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.