23dic 2022
PINOT NERO ARISTOS CANTINA VALLE ISARCO, VINO COOL CLIMATE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Armin Gratl e Hannes Munter, rispettivamente direttore generale, e agronomo - enologo della Cantina Valle Isarco hanno presentato, in un incontro su piattaforma Zoom organizzato dall’agenzia di comunicazione Vino à la carte moderato dalla giornalista Francesca Negri, il Pinot Nero Aritos l’ultimo nato, e unico rosso, della linea Aristos che è la selezione top di gamma aziendale.

 

 

La Cantina Valle Isarco

 

La Cantina, come spiega Amin Grati, è una Cooperativa fondata nel 1961, con sede a Chiusa in Valle Isarco. I viticoltori conferenti sono distribuiti in una zona vitivinicola di undici comuni che si sviluppa per 40 chilometri lungo la Valle tra Bolzano e Bressanone.

 

Più precisamente fanno parte della Cooperativa 135 famiglie che coltivano complessivamente 150 ettari di vigneto. Il focus della produzione della Cantina sono i vini bianchi, mountain wines che bene rappresentano l’area viticola più a nord d’Italia, con altitudini di 300 metri vicino a Bolzano, ma soprattutto comprese tra i 500 e i 1000 metri s.l.m. con più della metà dei vigneti a oltre 750 metri altitudine.

Dieci le etichette di vino bianco Aristos mentre i rossi rappresentano solo il 3% della produzione complessiva della maison che attualmente, con un fatturato di 7.6 milioni di euro, commercializza circa un milione di bottiglie delle quali l’85% destinato al consumo nazionale (il mercato altoatesino ne assorbe quasi il 50%), mentre il restante 15% è esportato in 22 stati.

 


Una nuova avventura

 

In questo contesto il Pinot Nero rappresenta una nuova avventura, lungamente progettata prima di metterla in cantiere. La cantina voleva cioè arricchire la propria collezione con un vino rosso importante, adatto anche all’export, e il Pinot Nero corrispondeva pienamente a tale profilo.

Però non un generico Pinot Nero, ma coerente con l’area di produzione, ossia fredda, cool climate, perché collocata a nord e a elevate altitudini scostandolo così dal modello borgognone che in qualche modo è il punto di riferimento della maggior parte delle produzioni, anche altoatesine. Non doveva cioè nascere opulento e potente, quanto piuttosto elegante e verticale. E così dopo 5-6 anni di sperimentazioni, con la vendemmia 2020 si è ottenuto il vino che rispondeva pienamente alle caratteristiche desiderate, proprio nell’anno in cui l’enologo Riccardo Cottarella  ha iniziato la collaborazione con la cantina e che pertanto ha potuto dare il suo contributo finale alla realizzazione del Pinot Nero Aristos.

Realizzazione resa possibile anche dai cambiamenti climatici in quanto solo 40 ani fa sarebbe stato impossibile da realizzare per le temperature all’epoca troppo rigide.

 

 

Pinot Nero Aristos

 

Il vino nasce da due vigne di venti e di venticinque anni di un’unica proprietà poste a 500 e a 600 metri di altitudine con esposizione sud, sud-est e con pendenza del 55%. E Hannes Munter è molto chiaro quando descrive il vino pensato e realizzato. La premessa è che il Pinot Nero si dimostra una “primadonna” sia nel vigneto in qualità di vitigno, sia in cantina come vino, in quanto esige molte attenzioni. Ciò detto l’intenzione di Munter, in sintonia con la Cantina, era di ottenere un vino che non fosse “sovramaturo”, ma fresco, di grande bevibilità, elegante, armonico con impatto fruttato: “l’idea era di avere il grappolo in bocca”.

 

E il risultato è stato di grande soddisfazione. Le due parcelle sono coltivate con due differenti cloni di pinot nero che richiedono vinificazioni diversificate. Per un clone la fermentazione ha luogo in tonneau aperto mentre per l’altro, che tende a sapori di sovramaturazione, ossia “marmellatosi”, è stata svolta una macerazione di due giorni a freddo, vale a dire a zero gradi, cui è seguita la fermentazione a grappolo itero, ossia con i raspi, in acciaio per non esaltare le note “marmellatose”, bensì valorizzare le caratteristiche organolettiche sintoniche con le peculiarità climatiche della Valle. Il vino ottenuto dall’assemblaggio di quello dei due cloni matura per 18 mesi in tonneau sur lie, quindi affina per sei mesi in bottiglia.


Note gustative
Colore rosso rubino scarico, trasparente.
Al naso è fruttato con ricordi di amarene, frutti di bosco, in particolare e lampone oltre a note speziate e di liquirizia.
In bocca è complesso, con ingresso fruttato, in piena corrispondenza con il quadro olfattivo. E’ complesso, verticale, quasi croccante, con tannino levigato e freschezza che allunga il sorso e fornisce eleganza.

Abbinamenti

E’ un vino versatile da servire sia con carni di sapore non eccessivamente intenso e con pesci di scoglio in guazzetto. Da provare anche con branzino in salsa al vino rosso.
2000 bottiglie prodotte. Prezzo scaffale HORECA 29 euro

 

 

Conclusioni

 

Il profilo organolettico porta a definirlo mountain wine, diverso da quelli che conosciamo dell’Altro Adige, e più in generale dalle produzioni che nascono sul modello borgognone. Le analogie geografiche-climatiche, se si volessero cercare, dovrebbero indirizzarsi verso zone quali Alsazia, Svizzera, Germania che condividono alcuni aspetti ambientali. Apprezziamo di questo vino complessità coniugata alla bevibilità, l’immediatezza. È da apprezzare sia degustato senza accompagnamenti da stappare con amici wine lover, sia come vino gastronomico.

 

Nella foto 2 un momento dell'incontro: da sinistra a destra  Hannes Munter e Armin Gratl

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
“1000 MIGLIA CHARITY 2021” PER LA RICERCA UN’ASTA CALVISIUS CAVIAR
C’è tempo fino a mezzanotte di lunedì 28 per fare del bene e, contestualmente, conquistare una preziosità gastronomica che sarà ancora più pregiata per come sarà utilizzato il ricavato della vendita all’asta.... Leggi di più
LE DONNE DEL VINO A COLLISIONI 2018: “BIODIVERSITÀ E VIGNETI STORICI”
A Barolo una degustazione di 8 produttrici che ha coinvolto un pannel internazionale di importatori, giornalisti e wine educator del Progetto Vino. Le Donne del Vino sono tornate a Barolo, per Collisioni 2018, con una n... Leggi di più
VITISOM. STARE DALLA PARTE GIUSTA: VITICOLTURA SOSTENIBILE
Soluzioni innovative in grado di ottimizzare tempi e risorse e di garantire rispetto dell’ambiente come alleati nella lotta ai cambiamenti climatici. Un futuro non troppo lontano, tanto che l’Italia punta ad ... Leggi di più
CHALLENGE DEI FORMAGGI DI MALGA | IL VINCITORE | L’ASTA DEI FORMAGGI
A FORMANDI, la rassegna di formaggi di Malga della montagna friulana, tenutasi lo scorso dicembre nel comune di Sutrio, in Carnia, hanno partecipato 24 malghe della Carnia. Per l’occasione son state degustate il me... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: PINOT BIANCO BRUT NATURE MIRABELLA
Alessandro Schiavi, enologo di Mirabella, cantina spumantistica franciacortina, ci ha presentato, in un incontro su piattaforma zoom organizzato dal proprio ufficio stampa, Pinot Bianco Brut Nature (foto 1), raro esempio... Leggi di più
CARBONARA CON TUORLO CREMOSO AL TARTUFO E GAMBERI
JOŠKO GRAVNER: IL VINO IN ANFORA DAL COLLIO ALLA GEORGIA
Sabato 29 agosto a Mezzocorona (Trento) Joško Gravner (foto 1)dialogherà con il coordinatore nazionale di Slow Wine Fabio Giavedoni. La Georgia, repubblica caucasica dalle imponenti catene montuose, crocevia di c... Leggi di più
BAR BOON BAND A GORILLA GALLERY
Nello Spazio Atelier di Corso Como 5 a Milano la BBB suonerà in occasione degli eventi Gorilla Gallery organizzati da Lush per il lancio della nuova campagna https://www.facebook.com/events/486039961734712/
Gorilla is ho... Leggi di più
“THE FAMILY, RISTORATORI UNITI PER TE”, PORTA A CASA GLI INGREDIENTI PER PREPARARE QUALSIASI PIATTO
Quando apriranno i ristoranti a Milano? Una domanda da risposta difficile, visto che qui il covid-19 è ancora in giro e tra alti e bassi, non sembra che abbia tanta voglia di andarsene. E, così, il decisore politico &nda... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I VINI ALTOATESINI (1/2)
I prodotti dell'Alto Adige sono a tutti noti per l’elevato profilo qualitativo e la genuinità. Alcuni di questi sono contraddistinti dai marchi di qualità europei che permettono ai consumatori di risalirne all&rsqu... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.