29set 2022
PETEÇ, FLÔR, PO’ FOLC AGANIS, TRE ESPRESSIONI DI UN TERRITORIO VOCATO
Articolo di: Fabiano Guatteri

I fratelli Simone, Fabio e Alessio Cecchetto alla guida della cantina trevigiana Ca’ di Rajo, hanno acquisito un’azienda agricola dismessa da anni che è presto divenuta la centralità di un nuovo progetto.

 

Si chiama Aganis, denominazione nata mutuando il nome di figure femminili presenti nella narrazione carnica, che abitano attorno ai corsi d’acqua. E l’acqua scorre vicino ai ventidue ettari di vigneto della tenuta, portata dal fiume Cornor. L’azienda dispone inoltre di quindici ettari di bosco, fonte di biodiversità riprodotta simbolicamente nelle etichette con disegni di caprioli e di altri animali selvatici tra filari e fiori.

 

Aganis si trova a Treppo Grande, in provincia di Udine, ai piedi della Alpi Giulie e a ridosso dei Colli Orientali del Friuli. I terreni in cui radicano i vigneti sono sedimenti calcarei e strati di marna e arenaria ad alto contenuto di calcio, costituiti da fossili che si depositarono prima che la regione emergesse dall’acqua; tale terreno morbido, viene chiamato localmente ponca. La cantina è particolarmente attenta alle varietà autoctone come Refosco e Friulano, senza però rinunciare alla produzione di vini da vitigni alloctoni. La collezione comprende due spumanti, una Ribolla Gialla e un Pinot Nero Rosé, e vini fermi locali quali, oltre ai già ricordati Friulano, Refosco, anche Malvasia e Ribolla, tutti con nomi dialettali friulani. A questi si affiancano i vini internazionali vale a dire Merlot, Cabernet Sauvignon, Sauvignon e Chardonnay.

 

 

I vini in degustazione

 

Abbiamo degustato tre referenze: Ribolla Spumante Peteç (chiacchiera); Malvasia Flôr (fiore) e Refosco dal Peduncolo Rosso Po’ Folc (poi il fulmine) (foto 1).

 

 

Peteç Ribolla Gialla Spumante Brut Friuli DOC (foto 2)

 

Le uve ribolla sono pressate sofficemente. La presa di spuma avviene in autoclave e si protrae per 15-20 giorni (charmat lungo).

 

Note gustative
Il colore è giallo paglierino limpido con riverberi verdi, percorso da bollicine sottili che esprimono esuberanza.
Al naso si aprono delicati sentori floreali, cui si uniscono tenui note fruttate, ricordi di mela renetta, di mango, di pesca e sfumature agrumate.
In bocca è cremoso, morbido, secco, con freschezza che fornisce tensione al sorso; sfumature agrumate, e note sapide; persistenza.

 

Abbinamenti
Ostriche gratinate, tempura.

 

 

Flôr Malvasia Colli Orientali del Friuli DOC (foto 3)

 

Le uve malvasia sono pressate sofficemente e la fermentazione si svolge con lieviti selezionati a 15-17 °C. Il 20% del vino ottenuto viene elevato in barrique. Dopo l’assemblaggio Flôr affina in bottiglia.

 

Note gustative
Nel calice riflette colo giallo paglierino caldo.
Al naso si riconoscono note floreali, fiori bianchi; evolvendo nel calice si apre a sentori fruttati, ricordi di susina gialla, pasta di nocciole e lievi note di spezie con vaghi accenni di macis e, a tratti, di zafferano.
In bocca l’impatto è morbido, avvolgente, suadente, rotondo ma senza sviluppi orizzontali, senza dilatarsi: mantiene, cioè, in bocca una direzione molto centrale che sul finale volge alla salinità. Verticalità, freschezza, salinità conferiscono eleganza al sorso.

 

Abbinamenti
Risotto alle cappesante, storione in salsa al vino bianco.

 


Po’ Folc Refosco dal Peduncolo Rosso Colli Orientali del Friuli DOC (foto 4)

 

Prodotto con le omonime uve, dopo la pressatura soffice il mosto macera sulle bucce per 15-20 giorni; la fermentazione con lieviti selezionati si svolge a 20-24 °C. Il 20% del vino ottenuto è elevato in barrique per 4 mesi.

 

Note gustative
Colore rosso rubino che vira al violaceo.
Profumo fruttato con ricordi di frutti rossi estivi, piccoli frutti quali more e mirtillo nero cui si uniscono sensazioni erbacee che si arricchiscono di note balsamiche di macchia mediterranea.
In bocca è suadente, si riconoscono i frutti già percepiti in fase olfattiva, cui si unisce una sensazione boisé che ricorda il nocciolo di ciliegia. È dotato di trama tannica morbida, di agile freschezza che allunga il sorso e, insieme all’alcolicità ben integrata, garantisce piena bevibilità, in sintonia con le attuali tendenze.

 

Abbinamenti
Ravioli di wagyu, umido di petto di faraona ai funghi.

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
I TAKOYAKI DI TAKOCHU: UN SAPORE INSOLITO DAL GIAPPONE SUI NAVIGLI
Sempre più città dell'appetito, si perché dopo moda e design, Milano continua ad essere la meta preferita dove assaggiare cibo proveniente da qualunque latitudine e a qualunque ora.Ieri c'è stato l'assaggio-anteprima al ... Leggi di più
LE ECCELLENZE AGRO-ALIMENTARI PARTENOPEE A MILANO
Dall’1 al 6 dicembre Milano sarà conquistata dalle eccellenze tipiche agro-alimentari della provincia di Napoli, grazie all'iniziativa promossa dalla Camera di Commercio di Napoli presieduta da Ciro Fiola e da S.I.... Leggi di più
FRITTATA IN STILE GIAPPONESE TAMAGOYAKI FARCITA AL BRIE E SCALOGNO
IL FESTIVAL: IL MONDO DEL RAVIOLO A EATALY SMERALDO
A Eataly Smeraldo torna il Festival più "cosmopolita" di sempre! L'ultimo weekend di gennaio, il festival "Il mondo in un raviolo" Quando si parla di pasta ripiena e, più nello specifico, di raviolo, si pensa subito alle... Leggi di più
GLI ULTIMI ACQUISTI PER SAN VALENTINO
SAN VALENTINO E' QUI   FIVE ROSES 74° ANNIVERSARIO ROSATO IGT 2017 Per San Valentino non può mancare il primo vino rosato imbottigliato in Italia. E, cioè, il famoso Five Roses – già romantico per il nome con c... Leggi di più
IL NUOVO APPUNTAMENTO ALLA FIERA DI BOLZANO CON LAGREIN EXPERIENCE
Alla Fiera di Bolzano  gli appuntamenti enologici si infittiscono. Dopo Autocthona, 14-16 ottobre (foto 1)  e Vinea Tirolensis, 17 ottobre,  il 18 ottobre esordirà Lagrein Experience. Si tratta di una rassegna dedicata a... Leggi di più
PAROSÉ 2012 LE BOLLICINE CHE FANNO PENDANT CON I COLORI DELL'AUTUNNO
Mosnel Parosé 2012 Ecco le bollicine che fanno pendant con i colori dell'autunno. Note purissime di ribes e fiori di montagna, accese dalla freschezza del mandarino e della melagrana, con una vena speziata a far da sfond... Leggi di più
GOUMARTE2018 IL TRITTICO DA NON PERDERE; GLI APPUNTAMENTI CON GLI CHEF
A GourmArte2018, il trittico da non perdere.   Maestro del Gusto - Barone Pizzini Ha visto lontano  Barone Pizzini, cantina in Franciacorta. Il merito di avere creduto nella produzione bio (20 anni quest’anno) è ... Leggi di più
SODA, CARNOSA, CROCCANTE: LUCREZIA LA NUOVA OSTRICA ITALIANA
È nata “Lucrezia” un’ostrica tutta italiana, più precisamente emiliano-romagnola. L’esordio milanese ha avuto luogo presso il ristorante A’Riccione Terrazza 12 dove la nuova ostrica è stata ... Leggi di più
IL PALIO DELL’AGNOLOTTO: QUAL È L’AGNOLOTTO PIÙ BUONO DELL’OLTREPÒ?
Torna Il Palio dell’Agnolotto  la sfida benefica per incoronare il migliore agnolotto dell’Oltrepò Pavese: il 28 aprile alla Tenuta Calcababbio (località Calcababbio, Pietra Dé Giorgi, Pavia) 13 Ristoranti pa... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.