27ott 2020
PERCHÉ IL DCPM CON LE CHIUSURE IMPOSTE È INIQUO
Articolo di: Fabiano Guatteri

La nostra testata si occupa di food & bevarage e non di altro. Ciò per dire che questo articolo è scritto a titolo personale e non vuole rappresentare la linea del giornale.

 

La scorsa primavera il lockdown fu totale o quasi. Non ci furono rilevanti contestazioni, anche perché si aveva la coscienza che era il solo modo se non di fermare, quantomeno di rallentare la pandemia, abbassare l’rt, ossia l’indice di contagio. L’Italia, per una volta, è stata esemplare, un modello da seguire, nonostante le perplessità inziali e le immunità di gregge vagheggiate altrove.

 

Milano, ma suppongo anche altre città, era deserta, poche persone sui mezzi pubblici, poche automobili, strade vuote e il virus, visto che cammina grazie alle nostre gambe, non circolava più, o sempre di meno: non aveva gambe per camminare, l’ rt crollò e i reparti di terapia intensiva solo poco prima sovraffollati cominciarono a chiudere.

 

Con le riaperture tardo primaverili (molte imprese non riaprirono, e tra queste alcuni ristoranti) molte realtà investirono per porre la propria utenza in sicurezza, tutti avevamo voglia di ripresa, chi addirittura sentendosi in regola con le nuove norme assumeva personale. L’economia, però, lo sappiamo, era ancora in sofferenza perché i numeri, in quasi tutte le attività, non erano quelli dell’anno prima. Con l’autunno la pandemia è tornata a preoccupare e a prescindere dalle valutazioni che si possono esprimere, a prescindere dai contagi, i malati in terapia intensiva hanno ripreso a crescere e questo è un dato di fatto. Una fonte sanitaria ha recentemente spiegato che se si tolgono medici dai reparti perché il numero dei malati da Covid cresce, si muore di altre malattie come quelle cardiache, e di tutte quelle che spesso richiedono interventi urgenti e tempestivi che con il Covid che impera non si possono garantire. Successe la primavera scorsa, mentre ora è già morto qualcuno in fila al pronto soccorso.

 

A prescindere dai comportamenti tenuti nell’estate, veniamo a oggi. Con il decreto si è voluto evitare un lockdown totale, ma per alcuni la chiusura è arrivata. La Milano diurna non è cambiata, traffico, mezzi affollati, tanta gente affaccendata e suppongo sia così in numerose città. Ma alcuni settori sono chiusi o “semiaperti” come i bar e i ristoranti che con la chiusura alle 18 (se si voleva togliere la movida notturna c’erano altri mezzi), viene meno la parte produttiva della giornata, quella rispettivamente degli aperitivi e delle cene: in altre parole con l’orario così ridotto non si campa.

 

Ma non solo questi, perché anche i cinema, i teatri, le palestre, nonostante si siano adeguati a sempre più rigidi e talvolta onerosi protocolli di sicurezza, hanno dovuto chiudere anche se non c’era nessuna rilevanza che fossero luoghi di contagio. Invece i centri commerciali, i tantissimi negozi e posti di lavoro che non rientrano nell’indispensabilità dell’industria, del commercio e dei servizi, al contrario degli alimentari e della sanità, sono rimasti aperti. Sono rimasti aperti nonostante che questi sì siano luoghi di contagio e pertanto i mezzi pubblici sono sempre affollati, altro luogo certo di contagio.

 

E tutto ciò cosa significa, che c’è stato un simillockdown che ha posto discriminazioni e come hanno sostento numerosi virologi, lasciando aperti i luoghi di contagio (e chiudendo altri che non sono tali), i sacrifici di chi ha dovuto chiudere parzialmente o totalmente serviranno a poco.

 

Per cui se i bar e i ristoranti falliranno, se le palestre non riapriranno, se il mondo dello spettacolo è alla fame, qual è il vantaggio che possa giustificare tutto questo? Tutto questo per cosa? Non si evince. Ciò spiega le manifestazioni di piazza per protestate, e mi riferisco unicamente a quelle delle parti in causa. Ciò per dire che uno sforzo estremo e breve l’avremmo accettato con maggiore serenità perché avrebbe dato risultati mentre lo stato attuale dell’arte lascia innescati troppi focolai. Come i centri commerciali aperti la domenica dove il distanziamento “all’italiana” con le mascherine scadute e con il naso scoperto farà il resto. Ciò mi porta a ritenere che questo decreto sia iniquo.

1

Photo Credits

Photo 1 :  Jeyaratnam Caniceus da Pixabay 
Articoli Simili
I più letti del mese
PASQUA E PASQUETTA 2018: LE PROPOSTE DELLA RISTORAZIONE IN ITALIA
Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi, così recita il famoso detto, ma quali sono le proposte della ristorazione per ingolosire i clienti durante le festività in arrivo? Se lo è chiesto TheFork, sito e app per Android ... Leggi di più
AL MUDEC JEAN-MICHEL BASQUIAT, L’ARTISTA AMERICANO SCOMPARSO A 27 ANNI
In mostra al Mudec  (Museo delle Culture dal 28 ottobre al 26 febbraio quasi cento opere di Jean-Michel Basquiat che ne descrivono la breve ma intensa carriera. Le opere del writer e pittore statunitense, scomparso il 1... Leggi di più
RUMBLE: IL GRANDE SPIRITO DEL ROCK
La grande storia del rock e delle sue radici nativo americane è protagonista al cinema con le I Wonder Stories. Presenta il film in sala Andrea Morandi. In anteprima a Sala Biografilm  in versione originale sottotitolata... Leggi di più
THE FOODIES BROS. E SIMONE RUGIATI: L’ARTE CULINARIA ITALIANA
THE FOODIES BROS. e Simone Rugiati reinterpretano la tradizionale arte culinaria italiana.   Dall’amore per il cibo e le buone tradizioni nasce un marchio che è garanzia di qualità, frutto dell’incontro tra gli esperti... Leggi di più
METTI UNA CENA CON ANGELA VELENOSI SORSEGGIANDO IL SUO “VERSO SERA”
E, improvvisamente, una donna bella, brillante, dinamica, di successo, blocca il racconto della sua impetuosa cavalcata nel mondo del vino perché il ricordo di un messaggio del padre nella segreteria telefonica gli togli... Leggi di più
AL TEATRO7 CON PASSIONE CUCINA 2 SERATE DEDICATE ALLA SEMPLICITÀ
Teatro7: Passione Cucina due serate dedicate alla semplicità della cucina regionale.   La cucina semplice è quella più immediata, sincera, e proprio per la sua semplicità, non ammette errori, correzioni con salse copre... Leggi di più
I DOLCI NATALIZI 2015: MARCELLO MARTINANGELI PROPONE I TRONCHETTI

Per il Natale 2015, Marcello Martinangeli delle Dolci Tradizioni propone 3 versioni di tronchetti, o "buche" in francese, dolci tipicamente natalizi: Marrons glacé Base di frolla, mousse ai marroni, cuore di mousse al... Leggi di più
REALTÀ IMPRENDITORIALI DI SUCCESSO: MONDODELVINO SPA A PRIOCCA (CN)
L’azienda è una delle più certificate in Italia, probabilmente la prima per attestati nel settore vinicolo, che non si ottengono per caso, ma sono il frutto di un percorso fortemente voluto e perseguito con impegno... Leggi di più
LA MOUSSE DI KNAM AL TRIS DAY | UNA STORIA TRENTENNALE
Chissà se in quel lontano 1987 il giovane Ernst Knam mentre realizzava la sua prima mousse ai tre cioccolati al Terrace del Dorchester di Londra intuì che sarebbe divenuta il suo dolce simbolo. Era diversa da quella che ... Leggi di più
LE NOVITA’ DEL NATALE 2019: LA PRALINA AL PANETTONE DI DAVIDE COMASCHI
La nuova pralina in edizione limitata di Davide Comaschi, il panettone racchiuso in uno scrigno di cioccolato è la novità del Natale 2019 che si aggiunge alle altre 10 praline della Galaxy Collection (foto 1).   Si chi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.