20mag 2018
OSTERIA ZELATA, UN RIFERIMENTO FUORI PORTA
Articolo di: Fabiano Guatteri

Locale accogliente, dove si respira l’atmosfera di una volta considerato che come Ristorante La Zelata c’era da decenni, sia pur con un buio recente passato, oggi interrotto dalla nuova gestione che ha assunto il nome di Osteria Zelata (foto 1) per marcare il cambiamento avvenuto. L’ambiente è accogliente, ospitale, e si respira quell’atmosfera che solo certi locali di fuori porta riescono a evocare, capaci di mettere a proprio agio il cliente (nella foto 2 parte della sala), grazie anche al servizio inappuntabile.

 

Leggendo la carta i piatti della tradizione sono presenti in ogni portata ed è, se si vuole, ricomponente poter gustare specialità lombarde, anche se la curiosità per il nuovo non si esaurisce mai. E non intendono farla esaurire i due giovani chef Matteo Simonato e Mattia Abussi che oltre ai piatti classici, sia pur attualizzati, propongono una serie di preparazioni contemporanee, non disdegnando l’uso della tecnologia. Come dire, qui ce n’è per tutti, per chi vuole il risotto all’ossobuco (utilizzando Carnaroli Riserva San Massimo) per chi è tentato di provare l’insolita lasagnetta ai gamberi di fiume e asparagi. Per la cottura di alcuni tagli di carne si utilizzano le basse temperature come nel caso del ganascino di manzo.

 

Abbiamo degustato un menu che comprendeva piatti della tradizione e innovativi.

 

Gli chef hanno mostrato la loro creatività nonché capacità di modellare la materia anche con il Cannoli di luccio mantecato con porro e nocciole (foto 3) dove i sapori di frutta secca e pesce si mantengono separati così da coglierli al meglio: i cannoli sono croccanti e al tempo stesso friabili e cedevoli.
Il secondo assaggio è stato un “divertissement” degli chef, Patata Rattá con spuma di zafferano e robiola , crema di asparagi verdi pancetta croccante e acetosella (foto 4): un piccolo saggio dove in un appetizer si uniscono tecniche e sapori abbinati con naturalezza.

 

Il Fritto dell’osteria (foto 5) sa di tradizione: i mondeghili morbidi, la crocchetta di taleggio fondente e il supplì di verdura e salsiccia riproducono i sapori della memoria. Il Piccolo panzarotto ripieno di erborinato di capra e salame  con salsa di pomodorini arancioni e pesto di foglie di ravanello (foto 6) è ben eseguito, ma ci ha emozionato meno delle portate proposte, come se venisse da un’altra cucina. Il Risotto con crema di piselli menta, basilico e ‘nduja (foto 7) è ben legato, cremoso, molto convincente, dal sapore piacevolmente intenso ma al tempo stesso rotondo. La già citata Lasagnetta di gamberi di fiume (foto 8) è un piatto goloso, stuzzicante e al tempo stesso leggero, senza salse che appesantiscano mentre gli asparagi del ripieno conferiscono freschezza e piacevoli note erbacee. I più golosi provino la Pancia di maiale cotta a bassa temperatura servita con verdure stagionali (foto 9): la pancia è come si vorrebbe che fosse, ossia sapida, umami, fondente, con le parti magre più tenaci, ma pur sempre tenera. La pasticceria è della casa.Carta dei vini piccola, ma mirata dove non manca qualche referenza del vicino Oltrepò.

 

Per concludere, l’ambiente, il servizio, la qualità delle materie prime, la mano sicura dei cuochi fanno dell’Osteria Zelata una sosta raccomandabile.

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

Indirizzo : Piazza della Chiesa 13 Zelata, Bereguardo
Telefono : 0382.928819
Articoli Simili
I più letti del mese
APERITIVO IN CONCERTO AL TEATRO MANZONI IL 15 GENNAIO
Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la trentaduesima edizione della rassegna musicale “Aperitivo in Concerto” 2016-2017 ospitata al Teatro Manzon... Leggi di più
EAST LOMBARDY ATTERRA NELL’ISOLA DI ITALY LOVES FOOD
L’Aeroporto di Milano Bergamo, terzo scalo italiano con un movimento di oltre 11 milioni di passeggeri nel 2016 e un trend costantemente positivo, continua a migliorare la qualità dell’offerta retail & food. A meno di u... Leggi di più
MOSNEL IMBANDISCE I VIGNETI: SABATO 10 GIUGNO E DOMENICA 11 GIUGNO 2017!
Mosnel è circondata da 39 ettari di vigneti condotti con agricoltura biologica: un parco incontaminato dove è possibile passeggiare, andare in bicicletta, fare nordic walking e anche… picnic. In particolare sabat... Leggi di più
Corti Abbadesse: la campagna a Milano
LeCorti Abbadesse non è solo un negozio, e neppure soltanto un luogo di ristoro, ma uno spazio che racchiude entrambe le dimensioni. Ogni giorno alle Corti Abbadesse arrivano prodotti freschi creati e raccolti nelle und... Leggi di più
GAGGIA MILANO PARTNER DI PRÉT-À-PARLER
Gaggia Milano partner di Prét-à-Parler: quando le petit déjeuner  incontra il classico espresso italiano. Prét-à-Parler è ben più di una scuola di lingue: è un insieme di iniziative volte a coinvolgere le persone che de... Leggi di più
BELVEDERE VODKA ‘VODKA PRODUCER OF THE YEAR’ PER IL SECONDO ANNO
Belvedere Vodka ‘Vodka Producer of the Year’ per il secondo anno all’International Spirits Challenge 2016   Belvedere Vodka, prima luxury vodka al mondo, ha vinto il titolo di ‘Vodka Producer of the Year’ per il seco... Leggi di più
PUNTATA DEDICATA ALLA RICERCA DELLE RADICI ATTRAVERSO L'ARTE
La dodicesima puntata di ArtBox, in onda mercoledì 14 giugno alle 20.45 su Sky Arte HD, è dedicata alla ricerca delle origini e delle radici attraverso l'arte. Una ricerca che portò Kandinskij tra le popolazioni indigen... Leggi di più
AMMASSO 2013 BARONE MONTALTO ROSSO TERRE SICILIANE IGT
Barone Montalto è un’azienda nata nel 2000 in provincia di Trapani con l’ obiettivo di far conoscere l’inconfondibile autenticità dei vini siciliani ricorrendo anche alla tecnologia in cantina, ma per valorizzarne l’anim... Leggi di più
VITAE 2019, LA GUIDA VINI CON LA V MAIUSCOLA
L’Associazione Italiana Sommelier ( AIS ), ha presentato in anteprima a Milano la sua Guida Vini 2019: Vitae (ne abbiamo parlato qui).   All’hotel Westin Palace la giornata è iniziata in fermento: presente ... Leggi di più
CANALETTO E BELLOTTO | DUE ARTISTI A CONFRONTO
Al genio pittorico e all’intelligenza creativa di due grandi artisti del Settecento europeo: Antonio Canal, detto “il Canaletto” (Venezia 1697-1768) e suo nipote Bernardo Bellotto (Venezia 1722-Varsavia 1780) le Gallerie... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.