02nov 2021
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
Articolo di: Stefania Turato

È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio

Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021
Si inizia così da Casali di Emilia Wine.
Quindi, son 5 anni su lieviti tra un sorso e l’altro. Scandiano conosce questa uva bianca dagli anni ‘70
La clessidra dice che non c’ è mai una cosa ferma per cui nel tempo Ca’ Besina evolve in una maniera incredibilmente sorprendente.
Naso croccantissimo, vivace le sue freschezze e sapidità
Poi, il lambrusco l’ hanno chiamato Lambruscone. E’ il Lambrusco Classico dell’Emilia dop creato assegnandogli una connotazione di ampiezza e gratitudine. Ti senti a casa o tra l’abbraccio confortante e rassicurante di una forza ricercata.
Di Lambrusco l’Italia è regina. Ricordiamo quanti calici son stati poggiati sulle nostre tavole e han fatto sempre rivivere una beva piacevolissima con una temperatura di servizio tra 10 e 14 °C
Il vino della convivialità per eccellenza, per colore, per piacere, per sempre.
Migliolungo invece ha vinto miglior etichetta al concorso Vinitaly Design International Packaging che si è tenuto in Special Edition a Verona, di nuovo, nei locali aperti per l’occasione e racchiude in bottiglia 21 tipologia di lambrusco antichi.
Per Migliolungo dunque il Premio Etichetta d’Oro, tra 175 etichette divise in 12 categorie. Followers e bloggers avranno l’esclusiva opportunità di far brillare il premio sui social.
All’Istituto Agrario Zanelli si sta tenendo questa magnifica collaborazione per una produzione ricercata.
Rosa e noce moscata l’avvolgente profumo nel calice.

Migliolungo è un inno alla biodiversità, un vino unico al mondo che racchiude 21 varietà di Lambrusco “dimenticati” e vigneti storici della provincia reggiana. Il Migliolungo è un progetto di salvaguardia di varietà antiche grazie anche all’attiva collaborazione con l’Istituto Tecnico Agrario A. Zanelli.
Le vendite di Migliolungo contribuiscono al finanziamento dell’Istituto Tecnico Agrario Zanelli per l’educazione e la ricerca.

Pra di bosso il primo lambrusco a essere messo in bottiglia fatto di 3 varietà di uve che lo compongono: 1 piccola parte Malbo Gentile 10%, Lambrusco Maestri 30% Lambrusco Salamino 60%

Con la sua originalità segna il confine o meglio l’inizio. Delineata da una siepe di bosso, finisce una storia e ne inizia un’altra e rappresenta lo Storico Lambrusco Reggiano secco dop
L’uva selezionata viene dalle colline di Scandiano e dei comuni di collina limitrofi, ricchi di argilla ma al tempo stesso della cosiddetta “vena di gesso” tipica ad esempio dei comuni di Vezzano sul Crostolo, Albinea e Scandiano
Come si fa? La Vinificazione di questo vino viene effettuato dopo la diraspa-pigiatura e successiva macerazione delle uve di quasi dieci giorni. La fermentazione avviene in vasche di acciaio a temperatura controllata e rifermentazione in autoclave (Metodo Charmat) per 15 giorni a 16°C
Un dato tecnico che a noi piace sempre sottolineare per gli amanti dell’abbinamento a tavola sono i 3 grammi zucchero residuo. La bocca asciutta e vivacemente profumata richiama aperitivi appetitosi se non un calice per tutte le occasioni di incontro del sugo al cinghiale con la tagliatella.
Marco Fasoli, Direttore di Emilia WInes, ci racconta con accesa passione e sincera soddisfazione la vivace valorizzazione per la storica azienda del territorio dell’Emilia che ha subito prodotto un codice etico aziendale prima ancora di organizzare la sua rete vendita.
https://casalivini.it/ Sfogliate il catalogo ricco cliccando qui.
Siam partiti dal primo metodo classico Emilia perché le radici son profonde e vale sempre la pena ricordare che la tradizione insegna e il futuro poggia proprio su basi solide della tradizione. In un tempo veloce occorre avere il pensiero veloce ma i piedi a terra.
Quel pensiero veloce ha permesso di creare proprio al ristorante tra altri pensieri, abbozzando sulla tavola un patch della collina come un ispirato vignettista , creando l’ etichetta nuova bottiglia di Migliolungo.
A noi di Good-mood è risultato efficace anche Nudo. Questo Metodo Classico bianco è nudo con una volatile evoluta ha conquistato il nostro palato per la ricerca di abbinamento e versatilità
Riusciamo a rendere nobili questi vini interpretando la qualità del posto con una cooperativa che guarda al suo territorio e con un mantra: “se fai un vino, fallo perché abbia senso non per il mercato. A volte dire di no che è la cosa più bella della vita”.
Per fortuna al vino non si dice mai di no.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.