11feb 2019
IO GIURATO ALLA PROVA DEL CUOCO. I RETROSCENA IN ESCLUSIVA/2
Articolo di: Clara Mennella

Dalla nostra collaboratrice Clara Mennella, inviata a La prova del cuoco, il programma dedicato alla cucina di Rai 1.

 

Dopo il racconto sull’organizzazione e la preparazione dello studio e dei partecipanti, ecco cosa succede durante la sfida finale ne La prova del cuoco, il momento più importante del programma, quello che occupa l’ultima mezz’ora prima dell’inizio del Tg1. Basti dire questo per capire che non si può sforare nemmeno di un nanosecondo e che si deve passare la linea alle 13,27 esatte perché possa andare in onda la pubblicità, seguita dal telegiornale.


Tolti questi minuti e quelli necessari per l’ingresso e le presentazioni ne rimangono circa 20 per la preparazione e l’impiattamento di ben due portate… sarà tutto crudo e finto? No! Io i cibi li ho assaggiati e sono cucinati quasi sempre alla perfezione: l’abilità sta nello scegliere i tipi di cottura più veloci possibili, quindi bollitura della pasta che riesce velocemente grazie alle piastre a induzione che sono molto potenti, fritture, scottature e molti ingredienti complementari lasciati crudi. Altro trucco è quello di ridurre tutto in pezzetti piccoli, quindi via libera a dadolate, straccetti, bocconcini ecc.

 

La sfida si svolge fra due concorrenti a settimana che non sono professionisti ma appassionati di cucina, selezionati fra le candidature arrivate da casa, affiancati ognuno da un cuoco che cambia quotidianamente e ruota fra un elenco di nomi che sono presenze abituali di tutta la stagione; le due coppie sono le famose squadre del Peperone Verde e del Pomodoro Rosso.
Quello che da casa non si nota è che tutte le incombenze pericolose sono tassativamente riservate ai professionisti, quindi sono esclusivamente loro che useranno i coltelli più grandi, maneggeranno i fuochi e i forni, proprio perché si fa tutto per davvero e la velocità aumenta i rischi. I due concorrenti si daranno da fare con gli impasti, il lavaggio dei vegetali, le sbattiture e le mantecature.


Per decidere quali piatti preparare con gli ingredienti messi giornalmente a disposizione si avranno invece delle “dritte” prima di andare in onda ma non si saprà con certezza quale kit verrà loro affidato, la suspence è quindi garantita! Veniamo alla giuria, come è noto è composta da tre figure; uno chef di livello, di solito stellato, un esperto della materia, giornalista, scrittore, critico gastronomico ma anche blogger di provata esperienza e infine da un personaggio del mondo dello spettacolo che, a differenza degli altri due, cambia ogni giorno.

 

La giuria assiste alla preparazione a pochi metri di distanza, osserva e interviene con domande o osservazioni, e qui sta un po’ la difficoltà e cioè riuscire a sintonizzarsi sui tempi velocissimi della diretta, intervenendo senza aspettare che venga data la parola ed essere sintetici ed efficaci. Insomma si deve fare un po’ quello che fanno i cuochi: correre, rispettare i tempi ed essere concentratissimi! Quando scatta il countdown i piatti arrivano sul banco della giuria che assaggia un boccone in gran velocità, per questo i giurati devono avere una capacità professionale allenata: a questo punto scatta il voto, senza grandi consultazioni.


Tutto è molto reale e dallo stile decisamente diverso dai tanti programmi di cucina che sono venuti in seguito; qui non ci si dilunga in silenzi studiati per creare suspence ad hoc, non si esprimono lunghi giudizi e critiche personali, non si umiliano i partecipanti o si esaltano in maniera esagerata i vincitori, insomma non si costruiscono eroi.

 

Può piacere o meno ma la cifra del programma è nella serenità della sfida amichevole, così come era stato pensato da Antonella Clerici che lo ha condotto dal 2000 al giugno 2018, sostituita per il periodo dal 2008 al 2010 da Elisa Isoardi che ora ha raccolto definitivamente il testimone. Al suo fianco Ivan Bacchi, un volto televisivo simpatico che insieme ad Elisa forma una coppia che sta conquistando puntata dopo puntata un pubblico trasversale, formato da cuochi, casalinghe, nonne, bambini. E, per la prima volta, tanti giovani spettatori.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

Articoli Simili
I più letti del mese
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più
TARTARE AL MISO SENZA UOVA
MILANO-BOLOGNA: DUE CITTÀ DUE PRIMATI... DA GUINNESS
Due città, Milano e Bologna. Due contesti diversi, l’Adunata degli Alpini nel primo caso, gli eventi di FICO nell’altro. La mortadella sotto la Madonnina, la sfoglia di pasta all’ombra delle Due Torri. ... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
"L'ESEMPIO È LA PIÙ ALTA FORMA DI INSEGNAMENTO"
Se è vero che il futuro dipende da ognuno di noi, allora il futuro è già. 
L’unico modo per intravederne le mosse è di fare un passo indietro. 
Nel caso della cucina, un passo indietro fino alle radici dei nostri s... Leggi di più
TORNA "AVOCADO WEEK" A EAST MARKET DINER QUATTRO GIORNI NON STOP...
Torna "Avocado Week", da East Market Diner quattro giorni non stop dedicati al frutto esotico. Al via un nuovo appuntamento con Avocado Week, dal 28 al 31 marzo da East Market Diner a Lambrate. Dopo il successo delle pr... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.