31dic 2016
IL PORRO, L’ASPARAGO DEI POVERI CHE PIACEVA A NERONE
Articolo di: Arabella Pezza

Il porro è originario del Medio Oriente: era apprezzato dagli Egizi che lo adoperavano per nutrire gli schiavi. In seguito venne citato da numerosi autori antichi e anche da Plinio il Vecchio: l’imperatore Nerone era soprannominato il ‘porrofago’ perché consumava grandi quantità di porri, convinto così di curarsi la voce. Esistono varietà di porro sia estive, sia invernali; tra quelle invernali il celebre Lungo Gigante d’Inverno, che – a dispetto del nome e dell’aspetto robusto – è particolarmente tenero e gradevole; il Gigante d’Italia, molto voluminoso, dal sapore dolce e gustoso; il Mostruoso di Carentan, che resiste molto bene a neve e gelo e ha la caratteristica di essere profumato, appetitoso e ben digeribile. Il porro in cucina è molto versatile: come erba aromatica sostituisce cipolla e scalogno in svariate preparazioni (in Europa era chiamato “l’asparago dei poveri”); si aggiunge in zuppe e stufati, nelle salse e nelle creme e si consuma anche crudo nelle insalate.

 

 

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile:

 

Proteine: 2,1 g

Lipidi: 0,1 g

Carboidrati: 5,2 g

Fibre totali: 2,9 g

 

Valore energetico: 30 kcal

 

Il porro contiene vitamine C e B6 ed è una buona fonte di fibre, calcio, potassio e ferro; si trova da novembre a febbraio.

 

 

 

 

Il segreto

 

Prima di consumare il porro è molto importante imparare a pulirlo con cura: si adopera solo il bulbo, ossia la parte bianca, mentre è necessario eliminare le foglie verdi più dure e tenaci. per renderlo maggiormente morbido e digeribile basta affettarlo e lasciarlo a mollo in acqua fredda e succo di limone per circa mezz’ora, prima di consumarlo.

 

 

 

1

Photo Credits

Photo 1 : https://pixabay.com/it/users/bazinga1k980-421871/
Articoli Simili
I più letti del mese
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
BADIA DI MORRONA, I SODI DEL PARETAIO 2017
La famiglia Alberti produce vini Chianti dal 1939 e dispone di circa 110 ettari dei quali la metà sono coltivati a sangiovese. Tra i Chianti prodotti uno giovane, che si avvicina di più al vino quotidiano beverino e fres... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
AL MERCATINO "IL BUONO IN TAVOLA" PER SCOPRIRE I PRODUTTORI (1/2)
Aggiornamento 1 aprile 2019 Questo mese Il Buono in Tavola sarà presente per 5 martedì: il 2, il 9, il 16, il 23 e il 30 Aprile dalle 8:30 alle 14:30. Tra i jolly che caratterizzano l’edizione 2019, martedì fa il ... Leggi di più
SETTEMBRE GASTRONOMICO DI PARMA 2021
Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, la filiera del latte e quella del pomodoro possiamo dire che sono dominanti e non può essere diversamente, siamo a Parma, anzi nella Città Creativa della Gastronomia Unesco. Ma q... Leggi di più
SPAGHETTI AL LARDO CON CALAMARI, POLPO E COLATURA DI ALICI
ASPARAGI ALLE UOVA IN CEREGHIN E FORMAGGIO GRANA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.