02gen 2023
FIRA, IL VINO VERONESE IGT SARTORI DALLA PARTE DELLE DONNE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Sartori di Verona è una realtà vitivinicola di Negrar, nella Valpolicella Classica fondata nel 1898, che si sviluppa su 25 ettari di vigneto. Ma oltre ai vini propri della zona di appartenenza, la produzione aziendale spazia in una più ampia area veneta grazie ai conferitori dislocati nelle aree Valpolicella Doc, Soave, Soave Classico, Lugana, Custoza e Bardolino. Ma Sartori non è solo una cantina, ma una famiglia, un’azienda, una comunità di viticoltori e un territorio. Ed è questa particolarità a dare notevole forza alla spinta produttiva. Senza entrare nel merito vorremmo solo ricordare che il concetto di terroir si basa, tra l’altro, sulla presenza di una comunità operante in uno spazio geografico delimitato, e non di un singolo attore.


Lo scorso autunno l’azienda ha presentato due nuovi vini, ossia Fira Bianco Veronese IGT e Fira Rosso Veronese IGT. La denominazione Fira non è, come si potrebbe supporre, nome di fantasia, ma si riferisce a Zaffira, chiamata Fira, sorella maggiore di Pietro Sartori, fondatore della Maison.

I vini ne mutuano il nome non solo per vincolo di parentela, ma soprattutto perché fu una donna che decise di lavorare e di essere indipendente, scelta non facile soprattutto se si considera l’epoca in cui visse. E l’indipendenza economica, si sa, è il primo passo del percorso di emancipazione femminile, oltre a essere fondamentale nella lotta alla violenza sulle donne. E questi vini vanno in tal senso. La casa di Negrar, infatti, come spiega Luca Sartori, pronipote di Pietro, è dalla parte delle donne. Ha infatti recentemente ospitato la mostra itinerante “Come eri vestita” dell’associazione Isolina e…  nata per affrontare il fenomeno dei femminicidi. Il nome della mostra ricalca la prima domanda che viene fatta a una donna che si reca a denunciare una violenza subita.

 

Inoltre parte dei proventi raccolti dalle vendite di Fira, è devoluta a D.i.Re. Donne in Rete Contro la Violenza,  associazione che supporta le organizzazioni nelle azioni di sostegno delle donne. Promuove l’attivazione di politiche e la diffusione di buone pratiche per la prevenzione e il contrasto alla violenza di genere.

 

I due vini Fira sono accomunati dall’etichetta in quanto entrambe riportano un volto di donna, ossia di Fira, sormontato da frutti e fiori alimentati da un innaffiatoio perché, come spiega Luca SartoriProprio come i fiori e i frutti che crescono rigogliosi sul capo di Fira, il cui fantasioso ritratto è in etichetta, così anche il pensiero di una nuova vita possibile può maturare solo se nutrito dalla fiducia e da un appoggio concreto”, con riferimento all’impegno dell’Azienda a favore del D.I.Re. e più in generale delle donne che subiscono violenza.

 

 

I vini

 

Fira Bianco veronese IGT

Anima il vino un blend di uve garganega completato da chardonnay e sauvignon vendemmiate leggermente in ritardo e lasciate riposare in fruttaio per una decina di giorni per intensificare profumi e sapori. Seguono la spremitura soffice, la fermentazione a temperatura controllata, quindi il vino ottenuto è prima elevato per 2 mesi in botte grande di rovere, poi affinato per altrettanto tempo in bottiglia.

 

Note gustative
Colore giallo paglierino con riflessi dorati.
Al naso ricordi fruttati di pesca bianca, albicocca, sfumature agrumate e tocchi di fiori bianchi.
In bocca l’impatto è morbido, cremoso al tempo stesso fresco, e si riconoscono nuance agrumate già percepite in fase olfattiva, con vaghi ricordi di melissa, di nepitella oltre a sensazioni minerali.

 

Abbinamenti
Sushi, testaroli alle cappesante, sogliola al vino bianco

 

 

Fira Rosso veronese IGT
Le uve corvina, merlot, cabernet sauvignon, sono raccolte leggermente sovra mature, e poste ad appassire per 25 giorni in fruttai per concentrarne le sostanze zuccherine e aromatiche. Dopo la pigiatura ha luogo la fermentazione-macerazione del mosto sulle bucce dopodiché il vino è elevato in botte grande per sei mesi e successivamente affinato in bottiglia per 3 mesi.

 

Note gustative
Nel calice riflette core rosso rubino.
Profumo di piccoli frutti rossi e neri, oltre a ricordi florali di rosa e leggera speziatura, e vaghe sfumature di incenso.
In bocca l’ingresso è rotondo, con note fresche bene integrate alla trama tanica levigata. Ancora frutta, ciliegia, mirtillo e lungo finale.

 

Abbinamenti
Carni rosse non elaborate, carni bianche anche in intingolo.

 

 

Conclusioni

Di Fira si è voluto riprodurne la forza vibrante, vivace. Conseguentemente questi vini mostrano la freschezza, se si vuole giovanile, in sintonia con le tendenze del mercato. Inoltre le note aromatiche di Fira Bianco sono ben dosate, mai troppo intense o inopportune, così da non togliere, ma semmai rafforzare, l’eleganza che mineralità e freschezza gli conferiscono. In Fira Rosso apprezziamo la complessità senza che il sorso risulti concentrato, al contrario è immediato, piacevolmente succoso.

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
“1000 MIGLIA CHARITY 2021” PER LA RICERCA UN’ASTA CALVISIUS CAVIAR
C’è tempo fino a mezzanotte di lunedì 28 per fare del bene e, contestualmente, conquistare una preziosità gastronomica che sarà ancora più pregiata per come sarà utilizzato il ricavato della vendita all’asta.... Leggi di più
LE DONNE DEL VINO A COLLISIONI 2018: “BIODIVERSITÀ E VIGNETI STORICI”
A Barolo una degustazione di 8 produttrici che ha coinvolto un pannel internazionale di importatori, giornalisti e wine educator del Progetto Vino. Le Donne del Vino sono tornate a Barolo, per Collisioni 2018, con una n... Leggi di più
VITISOM. STARE DALLA PARTE GIUSTA: VITICOLTURA SOSTENIBILE
Soluzioni innovative in grado di ottimizzare tempi e risorse e di garantire rispetto dell’ambiente come alleati nella lotta ai cambiamenti climatici. Un futuro non troppo lontano, tanto che l’Italia punta ad ... Leggi di più
CHALLENGE DEI FORMAGGI DI MALGA | IL VINCITORE | L’ASTA DEI FORMAGGI
A FORMANDI, la rassegna di formaggi di Malga della montagna friulana, tenutasi lo scorso dicembre nel comune di Sutrio, in Carnia, hanno partecipato 24 malghe della Carnia. Per l’occasione son state degustate il me... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: PINOT BIANCO BRUT NATURE MIRABELLA
Alessandro Schiavi, enologo di Mirabella, cantina spumantistica franciacortina, ci ha presentato, in un incontro su piattaforma zoom organizzato dal proprio ufficio stampa, Pinot Bianco Brut Nature (foto 1), raro esempio... Leggi di più
CARBONARA CON TUORLO CREMOSO AL TARTUFO E GAMBERI
JOŠKO GRAVNER: IL VINO IN ANFORA DAL COLLIO ALLA GEORGIA
Sabato 29 agosto a Mezzocorona (Trento) Joško Gravner (foto 1)dialogherà con il coordinatore nazionale di Slow Wine Fabio Giavedoni. La Georgia, repubblica caucasica dalle imponenti catene montuose, crocevia di c... Leggi di più
BAR BOON BAND A GORILLA GALLERY
Nello Spazio Atelier di Corso Como 5 a Milano la BBB suonerà in occasione degli eventi Gorilla Gallery organizzati da Lush per il lancio della nuova campagna https://www.facebook.com/events/486039961734712/
Gorilla is ho... Leggi di più
“THE FAMILY, RISTORATORI UNITI PER TE”, PORTA A CASA GLI INGREDIENTI PER PREPARARE QUALSIASI PIATTO
Quando apriranno i ristoranti a Milano? Una domanda da risposta difficile, visto che qui il covid-19 è ancora in giro e tra alti e bassi, non sembra che abbia tanta voglia di andarsene. E, così, il decisore politico &nda... Leggi di più
EUROPA, DOVE LA QUALITÀ È DI CASA | I VINI ALTOATESINI (1/2)
I prodotti dell'Alto Adige sono a tutti noti per l’elevato profilo qualitativo e la genuinità. Alcuni di questi sono contraddistinti dai marchi di qualità europei che permettono ai consumatori di risalirne all&rsqu... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.