27lug 2020
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE DEI VINI BADIA DI MORRONA
Articolo di: Fabiano Guatteri

Filippo Gaslini Alberti rappresenta la terza generazione della famiglia Gaslini nella conduzione dell’Azienda Badia di Morrona, in provincia di Pisa. Da titolare ci ha presentato tre etichette in un incontro su piattaforma Zoom organizzato dall’Agenzia di Comunicazione Maddalena Mazzeschi. Ha partecipato all’incontro Adolfo Benvenuti enologo interno dell’Azienda che ha approfondito gli aspetti tecnici.

 

Prima di entrare nel merito della degustazione, Filippo Gaslini Alberti ha tracciato sinteticamente la storia aziendale spiegando che le prime notizie di Badia di Morrona risalgono al 1089 quando già esisteva l’abbazia attorno alla quale fu successivamente costruito il convento. Nei secoli successivi la proprietà si sviluppò sino ad arrivare a Cecina, ossia fino al mare. Nel 1482 divenne la residenza estiva del Vescovo di Volterra che, arrivato con i suoi armati, mandò via l’abate e vi si stabilì. Alla fine dell’Ottocento la chiesa vendette la Badia, che per una serie di vicissitudini venne divisa in due parti uguali, per poi essere riunificata nel 1983 dall’attuale proprietà (che già possedeva una metà dal 1939) disponendo così di 200 ettari di terreno. Da lì prese il via un processo di espansione e un percorso verso l’enologia di qualità seguito ancora oggi dall’azienda, nel frattempo cresciuta non solo per estensione di terreno ma anche per settori di attività. Attualmente dispone di 600 ettari dei quali 110 a vigneto, 40 a uliveto con frantoio aziendale, cui si sommano altre attività.

 

I vini in degustazione

 

Tre le etichette in degustazione: Vivaja, una novità assoluta, e le nuove annate di I Sodi del Paretaio e di Vigna Alta (foto 1).

 

 

Vivaja

 

Vivaja Toscana IGT Rosato (foto 2), vino chiesto da Adolfo Benvenuti, l’enologo, per rispondere a più sollecitazioni avanzate dal mercato, è vinificato unicamente con uve sangiovese. L’Azienda ha deciso di produrlo anche grazie all’ottima vendemmia del 2019, molto favorevole sia qualitativamente, sia quantitativamente e pertanto ha scelto di sacrificare parte della produzione di Sangiovese.

 

Vivaja nasce dalle uve di uno dei 3,5 ettari del vigneto Poggi, posto a 150 metri di altitudine con esposizione a sud, messo a dimora nel 2004 in terreni molto ricchi di fossili. La raccolta avviene prima della maturazione completa, ossia anticipando di una ventina di giorni la vendemmia del sangiovese destinato alla vinificazione in rosso, per cui di uve con ph e acidità da bacca bianca. I grappoli sono mesi in cassette di 15-16 kg per evitare che si schiaccino. Senza diraspamenti, sono pressati con un’ora di sosta in pressa, il tempo necessario per colorare quanto basta il mosto. Segue una vinificazione in bianco: in due giorni il mosto si decanta e si lascia fermentare a 15-16 °C in vasche di acciaio. Il vino ottenuto non svolge la fermentazione malolattica (che trasforma l’aspro acido malico nel più morbido acido lattico) in quanto le caratteristiche di Vivaja devono essere freschezza, acidità e sapidità. Il vino è affinato in acciaio ed è stato imbottigliato il 20 marzo. E’ un rosato pensato per essere bevuto entro uno o due anni di affinamento nel vetro.

Bottiglie annue prodotte: 8-9000. Nel negozio della cantina 6-7 euro la bottiglia.

 

Note gustative


Colore rosato chiaro, in linea con le tendenze attuali.

Al naso si coglie la ricchezza del corredo aromatico, con note evidenti di frutta matura, frutta rossa, prugna, ciliegia.

In bocca l’acidità è bene espressa e integrata così come la sapidità, ed entrambe danno lunghezza al sorso in modo da conferire al vino buona persistenza.

 

Abbinamenti

 

Da provare come aperitivo, o per accompagnare salumi, formaggi di media stagionatura, ma è con il pesce che esprime la propria versatilità, dall’orata al forno alle zuppe di scoglio.

 

I Sodi del Paretaio

 

I Sodi del Paretaio Chianti DOCG 2019 (foto 3) è il vino aziendale più conosciuto; è prodotto da oltre 20 anni e ben rappresenta l’esprit dell’azienda. E’ un Chianti “generico” prodotto con il 90% di sangiovese e il restante 10% di merlot e di syrah. Le uve sono raccolte separatamente in epoche diverse a cominciare dal merlot per finire con il sangiovese, e separate sono le vinificazioni. E’ un rosso che vuole essere di immediata piacevolezza, non troppo carico e pertanto la fermentazione viene svolta in acciaio a temperatura controllata con macerazioni brevi così da conferire un bel frutto, un bel colore, ma non una struttura eccessiva e notevoli concentrazioni. Pertanto la macerazione si protrae per non oltre 5-6 giorni, dopo di che il vino svolge la fermentazione malolattica in acciaio. A fine anno la massa è assemblata ed è affinata in cemento vetrificato che si rivela un ottimo materiale per i vini che non devono necessariamente affinare in legno; un vino rosso che fa solo acciaio rischia di diventare un po’ crudo, non avere una buona maturazione, invece se affinato in cemento, dopo 4-5 mesi evolve perché il cemento non è completamente inerte e permette una micro ossigenazione che fa evolvere il vino.

 

La trama tannica è molto ben integrata anche grazie all’annata favorevole che ha permesso di produrre vini con il tannino pronto subito. Va detto che la bevibilità piacevole e immediata rivela la tendenza del gusto attuale: si cercano vini “facili”, ma non banali: non devono pertanto essere troppo ricchi in quanto un calice deve invitare a quello successivo. I vini complessi, concentrati, sono sempre di più prodotti di nicchia, ossia per un numero ristretto di consumatori. Bottiglie annue prodotte 250-270 mila. Nel negozio della cantina 6-7 euro la bottiglia.

 

Note gustative

 

Colore rosso rubino limpido.

Al naso sentori di vinificazione, profumi di frutta matura rossa, con note floreali e, a differenza di Vivaja, presenza di ricordi vegetativi, di macchia mediterranea.

In bocca si coglie la giovinezza, ma al tempo stesso i tannini insolitamente morbidi per un vino rosso di pochi mesi. L’acidità è ben espressa, conferisce una piacevole tensione e persistenza. E’ un vino “ripulente”, da consumare giovane.

 

Abbiamenti

 

Si abbina a formaggi stagionati, a carni alla griglia ma anche a pesci saporiti come le triglie in umido.

 

Vigna Alta 2017
Vigna Alta Terre di Pisa Sangiovese DOC (foto 4) nato negli anni novanta, periodo dei Supertuscan, dei tagli bordolesi, dei legni piccoli, è prodotto unicamente con uve sangiovese così da essere l’espressione massima del territorio: è il cru aziendale. A conferma del nome, nasce dalla vigna più alta, posta a 220 metri sul livello del mare, reimpiantata in due fasi, nel 2004 e nel 2006. Ha un’esposizione sud e le piante si autogestiscono a livello fisiologico. Il terreno è di medio impasto con presenza di argilla, di sabbia e di scheletro e ne deriva una buona sapidità.

 

La vigna nel 2017 ha visto dimezzato il raccolto rispetto agli anni precedenti per disidratazione da siccità. La vendemmia è stata anticipata perché le uve si stavano arricchendo notevolmente di tenore zuccherino. In cantina la macerazione è durata circa 15-18 giorni, con fermentazione in acciaio inox a temperatura controllate di 24-25 °C, quindi ha svolto la fermentazione malolattica in acciaio. Il vino è stato travasato in botti di rovere francese da 25 ettolitri dove ha sostato per 24 mesi, poi è passato in cemento per 3-4 mesi in modo da smorzarne la parte legnosa, per dare più rotondità in bocca e per prepararlo all’affinamento in bottiglia. Vigna Alta 2017 è stato imbottigliato in gennaio e non è ancora in commercio. Come detto nasce da un’annata molto calda, e il lavoro in cantina ha saputo ammorbidire i tannini che erano segnatamente ruvidi: una lunga permanenza in bottiglia potrà solo giovare al vino.

 

Da due anni ha assunto la denominazione Terre di Pisa Sangiovese DOC, mentre precedentemente era etichettato Sangiovese Toscana IGT. La denominazione è nata nel 2011, ma solo nel 2018 si è costituito il Consorzio. In questa DOC, ancora poco conosciuta, l’azienda produce e produrrà solo vini da vitigni del territorio, e tra questi, prossimamente il Vermentino. Bottiglie annue prodotte 8-9000 mila. Nel negozio della cantina 30 euro la bottiglia.

 

Note gustative

 

Colore rubino granato.

Profumo intenso, complesso, avvolgente, con caratteristiche già avvertite negli altri vini, ma più accentuate: la frutta è più confettura, si avvertono note balsamiche e leggermente speziate.

Gusto. Il vino ha un ingresso fluido, i tannini presenti senza essere spigolosi lo frenano in centro bocca, ma poi il sorso prosegue con una nota sapida che lo definisce mentre il legno fa da sfondo e non è mai invadente: il ruolo di protagonista è svolto unicamente dal vino che si rivela persistente. Per quanto non sia ancora in commercio, già rivela tutto il suo potenziale, la piena maturità in divenire, il carattere guerriero.

 

Abbinamenti
Da degustare senza abbinamenti oppure con formaggi lungamente stagionati, carni saporite ma anche con pesci in salsa al vino rosso.

 

Conclusioni
La considerazione che vorremmo sempre fare: la cantina valorizza il lavoro del vigneto e ne rappresenta il continuum in totale sintonia. Questo non significa lasciare che il vino si faccia da solo, ma saper lavorare sui tempi di macerazione e di affinamento, sull’impiego dei giusti vasi vinari senza forzature. I legni, quando presenti, non offendono il vino, piuttosto lo modellano con lavoro di pialla, mai di accetta. Sono pertanto vini che bene esprimono al meglio la propria identità territoriale e Vigna Alta è l’esempio assoluto.

Nella foto 5 Filippo Gaslini Alberti in primo piano durante una fase della degustazione.

1

2

3

4

5

Indirizzo : Via del Chianti 6 Terricciola
Telefono : +39 0587.658505
Articoli Simili
I più letti del mese
PECK –UOVA DI PASQUA 2018 | LE NUOVE CREAZIONI DI GALILEO REPOSO
Una Pasqua luminosa e colorata quella firmata Peck per il 2018.
 Galileo Reposo, pastry-chef della maison, quest’anno ha lavorato il cioccolato giocando su luce e colori, dando vita a tre raffinati e golosi capolav... Leggi di più
LIVE WINE 2018 | IL SALONE INTERNAZIONALE DEL VINO ARTIGIANALE
LIVE WINE. Il Salone Internazionale del Vino Artigianale alla sua quarta edizione. Sabato 3, Domenica 4 e Lunedì 5 Marzo torna l’evento più importante dell’anno dedicato alle produzioni vitivinicole artigiana... Leggi di più
SI È CHIUSA LA VENTESIMA EDIZIONE DI SUMMA
Domenica 9 aprile circa 1.400 visitatori internazionali hanno preso parte al ventennale di Summa, la kermesse organizzata da Alois Lageder a Casòn Hirshprunn e Tòr Loewengang (Magrè, BZ)   Presenti oltre 500 ospiti al ... Leggi di più
PIER52, RISTORANTE PER OGNI STAGIONE
Aggiornamento 12 febbraio 2016 San Valentino “Sapore di sale, sapore di mare” cantava Gino Paoli e chissà quante storie d'amore sono nate sulle note della sua canzone! Del resto anche a tavola - stando alle cronache di... Leggi di più
AL VIA I NUOVI CORSI DELL’ACCADEMIA GUALTIERO MARCHESI
Ritornano anche per il nuovo anno scolastico i corsi dell’Accademia milanese  del Maestro Gualtiero Marchesi, con un ricco calendario e tante novità.  I corsi per gourmet, una proposta unica per appassionati e ama... Leggi di più
“PIZZA IN BRERA” DA BIOESSERÌ CON LELLO RAVAGNAN DEL GRIGORIS
Una imperdibile degustazione del piatto più emblematico della cucina italiana. Bioesserì Brera, ristorante biologico nel centro di Milano, ospita lunedì 11 dicembre Lello Ravagnan del Grigoris di Mestre (Ve). Alla prima ... Leggi di più
A SAN VALENTINO DILLO CON UN VINO... O CON UN DRINK
I vini di San Valentino: Moscato di Trani Di Filippo Una cena romantica conclusa con un vino altrettanto romantico per il suo colore dorato, la freschezza del bouquet e la dolcezza del gusto?. E’ quanto di meglio... Leggi di più
AUTOCHTONA 2017 14° FORUM DEI VINI AUTOCTONI: I TRE LAGREIN
Tasting Lagrein 2017: tre i premi assegnati: uno per ognuna delle tipologie più tipiche del Lagrein di Alto Adige. Fresco quando rosato, scuro e corposo adatto a buon invecchiamento oppure fruttato e pieno: il Lagrein ha... Leggi di più
HA APERTO IL CAFFÈ PASTICCERIA ROSCIOLI IN PIAZZA BENEDETTO CAIROLI A ROMA
Il distretto gourmet nel cuore di Roma si allarga e spazia nella pasticceria e nella caffetteria. Alessandro e Pierluigi Roscioli hanno rilevato la storica Pasticceria Bernasconi e hanno creato la loro personale versione... Leggi di più
I RISTORANTI ADERENTI AL PROGETTO LOL CONTRO LO SPRECO... I PRIMI 10
Il progetto LoL- “LeftOver Lovers” voluto e promosso da De-Lab, di cui abbiamo scritto qui e qui, si sta avvicinando alla fase operativa. I ristoranti salentini che hanno aderito al progetto di sensibilizzazi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.