11ago 2020
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: RUBIOLO CHIANTI CLASSICO GAGLIOLE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Rubiolo 2018 in breve (foto 1)
da uve sangiovese 100%, è il rosso più rappresentativo dell’Azienda. Le vinificazioni delle uve dei singoli vigneti avvengono separatamente. Dopo la pigiatura le macerazioni sono mirate a non estrarre troppi tannini per garantire al Rubiolo ottima bevibilità. Alla degustazione il colore è rosso rubino. Al naso si apre con profumi delicati, note di agrumi, sentori di ciliegia, di prugna, cenni balsamici che diventano più evidenti mentre il vino si evolve nel calice nel corso della degustazione. Sorso largo, morbido, ma con lunghezza finale. In bocca vi è un sostanziale equilibrio tra alcolicità, acidità e tannini così che il vino risulta perfettamente armonico, ossia ben proporzionato nelle sue parti che portano il sorso a fine bocca, ed è ripulente, detergente, lascia cioè il palato pulito. Accompagna piatti a carne saporiti così come il cacciucco oltre a salumi, formaggi.

========================================================

 

Il podere di Gagliole, si trova in Castellina in Chianti, nella zona del Chianti Classico in provincia di Siena. Come ci spiega l’enologo dell'Azienda Giulio Carmassi in un incontro su piattaforma Zoom organizzato dall’agenzia di comunicazione Thurner PR di Firenze, il podere ha una lunga storia considerato che è citato in un documento redatto nel 994 d.C. dove si attesta che il figlio del re longobardo Berengario regalò la tenuta alla moglie.

 

Venendo ai nostri giorni , compiendo un gran balzo dal Medioevo all’età contemporanea, negli anni ottanta gli attuali proprietari Monika e Thomas Bär si conoscono a Castellina in Chianti ed è subito amore.

 

Nel 1990 acquistano il podere Gagliole e nel 1993 danno il via alla produzione delle prime bottiglie di Gagliole Igt. L’Azienda negli anni cresce e nel 2003 viene commercializzo il Rubiolo Chianti Classico Docg. Nel frattempo si ampliano l’estensione vitata e la gamma delle etichette prodotte.

 

Nel 2011 è acquisita la Tenuta La Valletta di Panzano in Chianti, un’azienda autonoma, dove viene costruita la nuova cantina. Qui sono trasferiti gli uffici e tutto il logistico dell’Azienda.

 

Nel 2014 sono conseguiti altri vigneti su Panzano e oggi dei 5 ettari inziali si è arrivati a 12 ettari, mentre a Castellina vi sono 8 ettari (foto 2 una vista parziale dei vigneti di Castellina in Chianti) più altri 3 ettari a Badia Passignano per un totale di circa 22 ettari che entro breve diventeranno 24 ettari. Per quanto riguarda l’aspetto produttivo si è passati dalle 300 bottiglie del 1993 alle attuali 100 mila bottiglie.
Dal 2016 è cominciata la conversione al biologico: dall’annata 2019 i vini saranno imbottigliati con la certificazione biologica.

 

Rubiolo Chianti Classico Docg 2018
Rubiolo, da uve sangiovese 100%, è il rosso più rappresentativo dell’Azienda ed è prodotto utilizzando uve di diversi vigneti con caratteristiche differenti dislocati sia a Castellina, sia a Panzano. I terreni di Castellina sono calcareo argillosi, sassosi, e ciò garantisce un ottimo drenaggio, che porta talvolta a stress idrici nei periodi maggiormente caldi e siccitosi. Sono terreni che danno vini larghi, morbidi, con profumi netti, soprattutto di frutta, e mineralità, vocati alla produzione di Sangiovese. I vigneti radicano ad altitudini che vanno da 350 a 420 metri.

 

A Panzano vi è una importante presenza di galestro che dà vini con acidità più alta e conferisce maggiore stabilità agli antociani così che il colore è segnatamente intenso.
I vigneti sono posti da 450 a 510 metri di altitudine.

 

Per produrre Rubiolo si impiegano le uve di 5 ettari di vigneto a Castellina, 3 ettari a Panzano cui si aggiunge il vino di piccoli produttori della zona che rappresenta il 20 per cento dell’intera produzione che è pari a 55 mila bottiglie.

 

Il clima del Chianti Classico è continentale con inverni freddi che però negli ultimi anni si sono mitigati ed estati molto calde con temperature che arrivano a 36-37 gradi e la media delle piogge è di 100 ml l’anno. Il 2018 è stata una buona annata con un inverno tra i più freddi degli ultimi anni, con conseguente ritardo di germogliamento, cui hanno fatto seguito abbondanti piogge a maggio. L’estate è stata calda, ma non caldissima, con pioggia a fine agosto e con vendemmia che si è protratta dal 25-26 di settembre sino alla seconda metà di ottobre.

 

La vinificazione
Le vinificazioni delle uve dei vari vigneti avvengono separatamente. Dopo la pigiatura le macerazioni sono mirate a non estrarre troppi tannini per garantire al Rubiolo ottima bevibilità.
Il vino svolge la fermentazione malolattica (che trasforma l’aspro acido malico nel più morbido acido lattico) in acciaio anziché in legno così da avere il totale controllo delle temperature; durante la fermentazione viene effettuata la movimentazione delle fecce anche di quelle fini prodotte dalle degradazione delle pareti cellulari dei lieviti, che apportano morbidezza al vino. Segue l’affinamento che storicamente ha luogo in legno piccolo da terzo a sesto passaggio e troncoconico. La particolarità del 2018 è che metà del vino ha affinato in cemento non vetrificato, e la restante in legno piccolo usato, primariamente barrique e qualche tonneau. Dopo 10 mesi, è stato creato il blend quindi l’affinamento è proseguito in bottiglia a partire dallo scorso febbraio.

 

Note gustative
Alla degustazione il colore è rosso rubino tipico del Sangiovese.

 

Al naso si apre con profumi delicati, note di agrumi, quindi sentori di ciliegia, di prugna, tenui cenni balsamici che diventano più evidenti mentre il vino si evolve nel calice nel corso della degustazione. Si avverte una leggera riduzione iniziale, non è cioè un vino di impatto, non c’è esplosione di profumi ma nel calice il vino si apre e gioca sui dettagli, sulla finezza e rivela la propria eleganza. In bocca sorso largo, morbido, ma con lunghezza finale, e questa verticalità è l’apporto che dà Panzano.

 

In bocca vi è un sostanziale equilibrio tra alcolicità, acidità e tannini molto composti così che il vino risulta perfettamente armonico, ossia ben proporzionato nelle sue parti che portano il sorso a fine bocca, ed è ripulente, detergente, lascia cioè il palato pulito.

 

Abbinamenti

A quali cibi abbinarlo? Per usare un termine utilizzato da Giulio Carmassi, è un vino “plastico” capace cioè di accompagnare a carne saporita così come il cacciucco oltre a salumi, formaggi…

 

Conclusioni
La cantina rispetta il vigneto, ne valorizza il frutto grazie alle vinificazioni e agli affinamenti diversificati mirati, alla formazione di cuvée calibrate frutto di una conoscenza profonda del terroir, inteso come insieme in cui interagiscono agenti ambientali, pedologici, microclimatici, umani…
Ed è nella valutazione di questi aspetti dei vini prodotti dai vari vigneti che emerge lo stile della cuvée dove l’acidità, l’alcolicità di Panzano è equilibrata dai vini più morbidi e profumati di Castellina. E per valorizzarli al meglio i primi sono affinati in legno per ammorbidirne i tannini, i secondi prevalentemente in cemento che permette di esaltare le caratteristiche proprie del sangiovese grazie a un’evoluzione lenta.
Il lavoro di cantina è evidente, vigoroso, ma non cede mai al vezzo perché è precipuamente rispettoso della materia prima. E questa è la narrazione di Rubiolo 2018.

 

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
IL BUONO IN TAVOLA: IN SANT’EUSTORGIO I PRODOTTI AGRICOLI LOMBARDI
Il Buono in TavolaBuono in Tavola, da martedì 16 Gennaio ritorna a Milano all’ombra della Basilica di Sant’Eustorgio con il meglio della produzione agricola lombarda a chilometro “vero”.  Tra le n... Leggi di più
DEBUTTI MILANESI: LA PIZZA IN TEGLIA ROMANA DI PIZZOTTELLA
In effetti è proprio la prima volta che a Milano si inaugura un locale dedicato solo all’autentica pizza in teglia romana, ossia Pizzottella, ed è proprio il caso di dire: “Era ora”!   Com’è pos... Leggi di più
EL GRAN BURGHER DE MILÀN, NEL MENÙ DE LE BICICLETTE
E adesso chi glielo dice alla famosa catena americana degli archi d'oro che ha preso d'assalto tutto il mondo con il suo famoso burgher? Si, perché a Le Biciclette - che sembra un angolo del newyorchese Red Rooster sui ... Leggi di più
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione  Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Fra... Leggi di più
CHAMPAGNE E GELATO, APRE A MILANO IL CONCEPT STORE CERDINI & QUENARDEL
Può sembrare un accostamento insolito quello tra le bollicine francesi il gelato e i Macaron, eppure la Maison de Champagne J. Henri Quenardel, fondata a Ludes nel 1906, da molti anni proprio insieme con la famiglia Cerd... Leggi di più
BIG PEAT IN EDIZIONE LIMITATA PER IL NATALE 2015
Il Premium Islay Vatted Malt Scotch Whisky Big Peat, della Douglas Laing & Co., lancia sul mercato italiano la sua edizione limitata per le Festività Natalizie del 2015. Imbottigliato alla gradazione piena di 53,8 % vol... Leggi di più
FAUSTO MELOTTI: QUANDO LA MUSICA DIVENTA SCULTURA
Al castello di Miradolo l’11 novembre apre la grande mostra “Fausto Melotti. Quando la musica diventa scultura”, organizzata dalla Fondazione Cosso. Artista poliedrico, considerato uno dei protagonisti ... Leggi di più
ABRUZZO PASSERINA SUPERIORE DOP FERZO 2016
L’Abruzzo enologico trova in Codice Citra  la realtà vitivinicola più rappresentativa. Fondata nel 1973 riunisce nove cantine sociali. Da pochi anni il Consorzio ha lanciato Ferzo, una nuova linea costituita da pic... Leggi di più
A UN PASSO DAL CIELO (W LA MAFIA). ORA A MILANO
A un passo dal cielo è il terzo spettacolo della rassegna PALCO OFF: un'occasione per incontrare la Sicilia negli spettacoli, negli incontri e nelle degustazioni di cibi e vini nei giorni 27, 28, 29 gennaio 2017   Aldo... Leggi di più
TARASSACO: POTENTE DEPURATIVO, AMICO DEL FEGATO
Il tarassaco è chiamato anche dente di leone, soffione o insalata matta: si tratta di una pianta erbacea che cresce spontaneamente nei prati dalla primavera e per molti mesi dell’anno, e che difficilmente viene coltivata... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.