30mag 2021
ANNATA 2019 E RISERVA 2018 I CHIANTI CLASSICO DI CASTELLO DI QUERCETO
Articolo di: CityLightsNews

La verticalità e la freschezza sono la cifra dei Chianti Classico 2019 e Chianti Classico Riserva 2018 creati da Alessandro François all’interno del parco vitato aziendale: 65 ettari sulle più alte colline di Greve in Chianti, a 400-500 metri slm.
Entrambi i vini - presentati in queste settimane sul mercato - sono espressione di una cuvée altamente territoriale dove il Sangiovese lascia un piccolo spazio anche ad altri vitigni classici della zona come Canaiolo e Colorino.
 
Stessa filosofia di produzione, stessi vigneti, ma diversi tempi di affinamento in cantina e due annate complementari: leggermente tardiva la 2019 e appena anticipata la 2018. Nel 2019 infatti, dopo una primavera piuttosto piovosa, si è raggiunto un giusto bilanciamento tra la calura estiva e piogge regolari, con una raccolta ritardata di due settimane che ha permesso alle uve di esprimersi al meglio. L’anno precedente, il 2018, è stato invece precoce: già dalla seconda metà di marzo ha visto temperature sopra la media e quindi un rapido germogliamento – da lì, le piogge di maggio hanno poi lasciato spazio ad un'estate equilibrata, seguita da un settembre soleggiato che ha avuto il compito di accompagnare le uve a perfetta maturazione. 
 
Dopo un’accurata selezione in vigna, il viaggio delle uve prosegue in cantina con circa 2 settimane di fermentazione e macerazione in vasche d'acciaio a temperatura controllata e poi con la maturazione in botti: 6 mesi per il Chianti Classico, 12 mesi per la Riserva. E se il Chianti Classico scalpita con il suo bel frutto nel bicchiere, nel caso della Riserva il maggior affinamento offre al sorso un vino più adulto e speziato.
 
A disegnare entrambi è Alessandro François, che sin dagli anni ’70 governa con visione e mano ferma la tenuta di Castello di Querceto. Un mosaico di terroir da cui Alessandro François ha tratto negli anni una collezione di etichette dalla netta personalità e, per ottenere vini ancora più eleganti, da alcune vendemmie il produttore ha attivato un attento labor limae in direzione di un’espressività ancora più precisa e fragrante, un lavoro di cesello ora riproposto anche visivamente nel logo aziendale, in rilievo sul fronte della bottiglia.
 

 
Castello di Querceto è stata tra le aziende fondatrici del Consorzio del Vino Chianti Classico nel 1924 ed è pertanto una delle realtà più storiche della denominazione. La tenuta, con il suo agriturismo e il lussureggiante parco del Castello, si trova nella Toscana centro-settentrionale, in una piccola valle sulle alte colline nel comune di Greve in Chianti. Qui i vini della famiglia François prendono forma in circa 65 ettari di vigneti. Le viti crescono su terreni composti prevalentemente da scisti policromi che risalgono al periodo cretaceo – eocenico. La denominazione Chianti Classico è da sempre portabandiera dell’azienda e viene declinata in tutte le sue sfumature: dall’annata alla Riserva, fino a due esempi di cru Gran Selezione, Il Picchio e La Corte. Non mancano poi diversi cru IGT frutto degli studi di zonazione di Alessandro François.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
LA NUOVA PARTNERSHIP TRA BOTTEGA E LINDT CONIUGA IL PROSECCO ALLE PRALINE
Bottega, cantina e distilleria di Bibano di Godega (TV), e LINDT & SPRÜNGLI Duty Free hanno lanciato una nuova partnership per promuovere le vendite congiunte dei loro prodotti bestseller nel settore Travel Retail. Le d... Leggi di più
PIZZOCCHERI IN SALSA OLANDESE AL GORGONZOLA
CANTINA DI CARPI E SORBARA: QUANDO IL LAMBRUSCO È MANTOVANO
Il Lambrusco Mantovano. La Cantina di Carpi e Sorbara  nasce nel 2012 ma non appare dal nulla. Rappresenta, infatti, l’unione di due realtà storiche locali ossia la Cantina di Carpi, fondata nel 1902 e la Cantina d... Leggi di più
GUIDA ESSENZIALE AI VINI D’ITALIA 2021
Sarà Daniele Cernilli, alias Doctor Wine, ad inaugurare la stagione della presentazione delle guide enogastronomiche. Cernilli, infatti, ha fatto sapere che la sua “Guida essenziale ai vini d’Italia 2021&rdq... Leggi di più
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
IL MERCATO IL BUONO IN TAVOLA | DA OGGI TUTTI I MARTEDÌ A S.EUSTORGIO
Il Buono a Tavola: ogni  martedì il meglio  della produzione agricola lombarda all’ombra di Sant’Eustorgio. Tra le novità di quest’anno dalla provincia di Lodi formaggi e salumi di bufala. Filiera compl... Leggi di più
ANCHE LE COLOMBE HANNO UNA REGINA | PREMIATA A MILANO LA MIGLIORE
Nell’ambito della mostra mercato di dolci pasquali La Primavera è Dolce, di cui le due prime edizioni hanno avuto luogo a Saint-Vincent (AO), è nato il Premio Regina Colomba. Il creatore è Stanislao Porzio, già pat... Leggi di più
PRESENTATO IL VIDEO DELLA PROSSIMA MILANO FOOD WEEK: LA NONA EDIZIONE DAL 7 AL 13 MAGGIO
Cuochi, blogger e giornalisti diventano attori per promuovere l’edizione 2018 della manifestazione organizzata da Lievita con il patrocinio del Comune di Milano, è stato infatti presentato a Milano, nella Sala Pres... Leggi di più
ALLA TENUTA TRAVAGLINO PER L’ULTIMO APPUNTAMENTO CON CANTINE APERTE
Domenica 11 dicembre a Calvignano alla Tenuta Travaglino per l’ultimo appuntamento con Cantine Aperte. Natale è alle porte e la Tenuta Travaglino apre le porte della sua cantina per accogliere gli amanti del buon bere e... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE DEI VINI BADIA DI MORRONA
Filippo Gaslini Alberti rappresenta la terza generazione della famiglia Gaslini nella conduzione dell’Azienda Badia di Morrona, in provincia di Pisa. Da titolare ci ha presentato tre etichette in un incontro su pia... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.