11ott 2022
CANTINA RIBOLI A MILANO. A CONDURRE LA DEGUSTAZIONE LUCA GARDINI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Potrebbe definirsi autodidattico l’approccio di Roberto Riboli alla produzione vinicola.  E' un giovane  sicuramente coraggioso, perché cominciare a vinificare dopo una formazione enologica scolastica, universitaria o guidati da un professionista è una cosa, farlo solo per passione è tutt’altra storia. Ma facciamo un passo indietro. La famiglia Riboli, Marco il padre, nel 2000 acquista una casa in campagna nell’Astigiano che comprende un terreno di sei ettari dei quali uno vitato a moscato, e una parcella con nove filari di barbera. Nel 2009 un figlio di Marco Riboli, Roberto, mosso da passione, decide di dedicarsi interamente al vino rendendo produttiva l’uva di famiglia. Così in quello stesso anno le uve barbera sono vendemmiate e vinificate da Roberto, senza esperienza e  senza avvalersi di alcun consulente, guidato unicamente dai suoi studi da autodidatta e anche, riteniamo, dalle sue intuizioni.

 

La prima bottiglia di Barbera d’Asti DOCG viene imbottigliata nel 2013 denominata Mappale 61, ossia con le coordinate geografiche del vigneto. L’affiancamento di un enologo fa compire un salto qualitativo alla Cantina Riboli così da ottenere vini di alto profilo come la Barbera d’Asti Superiore Nove Filari che richiama alla memoria la vigna originaria. È poi la volta della Barbera d’Asti Superiore Mappale 41. Ma non sono solo Barbera i vini Riboli, in quanto si affiancano il Moscato d’Asti Fantasia e i Metodo Classico Blanc de Blancs e Blanc de Noirs.

 

La cantina ha ormai i “numeri” per farsi conoscere a un pubblico più ampio.
“Ritenevamo fosse i arrivato il momento di presentarci ufficialmente e dare modo a un pubblico sempre più vasto di avvicinarsi e di degustare i nostri prodotti”, dichiara Roberto Riboli. “Siamo felici, molto, di poter raccontare la nostra storia, breve al momento, ma ricca di soddisfazioni che stiamo riscontrando da chi ci viene a trovare in Cantina a da chi acquista direttamente sul nostro sito”.

 

Per farsi conoscere, presentando la propria produzione alla stampa, la Cantina si è rivolta a Luca Gardini, sommelier di fama internazionale, già primo sommelier al mondo dell’WorldWide Sommelier Assocoation che ha esercitato la professione in ristoranti quali Enoteca Pinchiorri di Firenze e Cracco a Milano.

 

Scelta giusta, ma insidiosa in quanto Gardini, romagnolo, personaggio notoriamente istrionico, non esita a stroncare un vino se ritiene che non abbia i requisiti qualitativi. Ma la sicurezza del proprio operato non ha dato dubbi a Roberto che pertanto a Milano, presso la prestigiosa terrazza Copernico S32, dopo una presentazione del padre,  ha raccontato il proprio progetto. A descrivere due sue Barbera, a interpretarle, ci ha pensato magistralmente Luca Gardini (nella foto 2 dalla sinistra Roberto Riboli e Luca Gardini), davvero  incoraggiante che le ha definite decisamente compiute e ne ha elogiato le caratteristiche. La Barbera d’Asti DOCG 2014, molto composta, ha la freschezza della sua annata; complessa senza essere troppo concentrata è di grande bevibilità; la Barbera d’Asti DOCG 2015, dotata di buona acidità ben integrata con il tannino,  rispetto alla 2014, un  possiede maggior spessore aromatico. Lunga la persistenza.

 

Le Barbera così come gli altri vini della Cantina sono acquistabili anche nell’e-shop aziendale cliccando qui

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.