05dic 2020
CANTINA LAVIS: UN PATRIMONIO VITIVINICOLO COLLETTIVO AD ALTA VOCAZIONE TERRITORIALE ( 2/2 )
Articolo di: Laura Biffi

I vini prodotti da Cantina Lavis (abbiamo presentato la Cantina qui) sono il frutto di selezioni di aree vitate e del massimo livello di differenziazione, che porta in primo piano e rende onore al lavoro svolto dall’uomo e alla sua interpretazione del territorio in cui vive. All’interno dei singoli territori si è cercata la migliore espressione di specifiche zone, all’interno di ogni zona si è perseguita la valorizzazione delle singole varietà viticole. Questo è il fattore comune a tutta la produzione, cui poi si aggiungono ulteriori specificità in ognuna delle singole gamme.

 

 

Gli studi e le ricerche del “Progetto Qualità” legato alla zonazione hanno permesso agli agronomi ed agli enologi di Cantina Lavis di isolare e identificare alcune vigne di eccellenza che sono alla base di Ritratto e Maso Franch, punte di diamante della Cantina stessa e dei cinque monovitigni delle linea Selezioni.

 

 

Ritratto ( foto 2 )
E’ una cuvée frutto di un blend di Teroldego, Lagrein e Merlot delle migliori vigne, nata nel 1991 e prodotta unicamente nelle grandi annate. Il rosso icona di Cantina Lavis è la summa del “Progetto Qualità”, la sintesi di esperienza, studio, impegno e del meticoloso lavoro di ricerca in vigna ed in cantina.
Ritratto è un vino dal colore rosso rubino brillante e profondo. All’olfatto presenta piacevoli sentori di mora, lampone, prugna e viola appassita. Al palato, un frutto avvolgente, una notevole morbidezza e una nota tannica molto gradevole.

 

 

Maso Franch ( foto 3 )
È la novità di Cantina Lavis lanciata nel 2019. Un bianco emozionante formato dai vitigni Incrocio Manzoni e Chardonnay che nasce alle porte della Valle di Cembra e porta nel bicchiere l’intensità dell’ambiente incontaminato dal quale proviene. Il vigneto a conduzione biologica, si trova in un luogo unico all’interno di un bosco ceduo, un ambiente in cui la vite trova la situazione ideale per crescere e vivere in equilibrio vegetativo e produttivo. Il momento della vendemmia è stabilito attraverso l’assaggio degli acini in vigna. Solamente quando fragranza e salinità si uniscono a sensazioni mature e dolci, l’uva viene raccolta manualmente in piccoli contenitori. Maso Franch ha un colore brillante, giallo dorato con riflessi verdi. Al naso presenta una palette olfattiva che spazia dalla frutta bianca ed agrumi a delle piacevoli note minerali. Al palato è un vino ampio ed avvolgente che alterna sentori agrumati, minerali come la pietra focaia e un gradevole fumé.

 

 

Le Selezioni 
Si tratta di cinque vini unici che esprimono diverse declinazioni del saper fare della Cantina capitalizzato in 70 anni di appassionata ricerca dell’eccellenza. Cinque gemme preziose, che si traducono in altrettante personalità racchiuse in bottiglia, ciascuna capace di trasmettere sensazioni ed emozioni caratteristiche:

 

Diaol (foto 4) è uno Chardonnay di grande personalità, nasce da pregiate viti coltivate ad altitudini comprese tra i 270 e i 300 m. s.l.m sulle colline Avisiane in terreni ricchi di argilla e sedimenti dolomitici. Di colore giallo dorato presenta un profilo olfattivo intenso con profumi di susina gialla e pesca che si alternano a delle piacevoli note minerali. Alla beva regala grandi sensazioni armoniche passando dalla tensione alla croccantezza con un finale ricco e persistente.

 

Clinga (foto 5) un Gewürztraminer delicatamente aromatico, con sentori di rosa canina, agrumi e zenzero. Al gusto è molto elegante ed esprime sfumature di fiori gialli e miele di acacia.

 

Vich (foto 6), il Sauvignon esuberante, con sentori di uva spina, mango e frutta esotica. La struttura è armonica e ben salda, nel finale il frutto esotico e la menta verde ne lasciano un gradevole ricordo. Il tempo sarà il compagno ideale in un’evoluzione sicuramente complessa e minerale.

 

Greggi (foto 7), il Lagrein solido dal sapore del territorio, di colore rubino concentrato, quasi nero. Fragrante al naso, con aromi di mirtilli, cassis, amarena e leggeri sentori d’inchiostro in sottofondo. Al palato è equilibrato e ricco, di buona struttura e con un finale avvolgente.

 

Codros (foto 8), l’austerità e solidità del Cabernet Sauvignon, esprime la migliore interpretazione delle colture di Lavis e Pressano, zone classiche per questo vitigno. DaI colore rubino intenso, all’olfatto si presenta complesso con ricordi balsamici e spezie, seguite da mirtilli e cardamomo. Al palato è ampio e con tannini setosi.

1

2

3

4

5

6

7

8

Articoli Simili
I più letti del mese
TRA BOBBIO E CASTELL’ARQUATO, LA POMPEI DEL NORD | TRA BALENE E VINO
Bobbio di cultura, Castell’Arquato la Pompei del Nord, e ovunque il buon vino. Castell’Arquato, la Pompei del Nord, dove sono stariritrovati reperti fossili di Alee e rinoceronti, ed è terra di buon vino.   ... Leggi di più
TÀSCARO, A MILANO È UN ATTO D’AMORE
Sandra ha realizzato Tàscaro per lei e suo padre, ma ancheper raccontare la sua regione d'origine e soprattutto la cucina veneziana, per ricordare la nonna paterna Edera che oggi è comunque con lei in tutte le piccole ed... Leggi di più
GIOVEDÌ 13 LUGLIO: ROSMARINO FREGENE-FISH SOUND SYSTEM
Don Pasta e Pasquale Torrente straordinariamente insieme per una serata – spettacolo sulla spiaggia di Rosmarino Fregene
Vinili vs Padelle... 
Alici vs Polpi...Otranto vs Cetara a Fregene.. 

Giovedì 13 luglio, DON... Leggi di più
ACCIUGHE DEL MAR CANTABRICO SALATE SOTT’OLIO
RIBOTTA VIGNA DU BERTIN CARLOFORTE, LA STORIA DI UNA TERRA
E’ quasi mezzogiorno, il terreno pietroso e argilloso è stato preparato per la vigna con un lavoro faticoso per la quantità di massi mischiati superficialmente e in profondità.Ora la vigna pettinata, figura come un... Leggi di più
LE FOTO DEI PIÙ BEI GIARDINI DEL MONDO NEL QUADRILATERO DELLA MODA
Si possono ammirare ancora per qualche giorno le belle grandi foto di Gardenology la mostra fotografica en plein air dei più bei giardini italiani e internazionali che ha anticipato Orticola (di cui abbiamo scritto qui) ... Leggi di più
IL PANETTONE: DA UN’ ANTICA LEGGENDA AL LUSSO CONTEMPORANEO
La leggenda narra che durante un Natale sul finire del 1400 nel Castello Sforzesco di Milano, il Duca Ludovico Maria Sforza detto “Il Moro” intrattenesse insieme alla consorte Beatrice d’Este i suoi osp... Leggi di più
IL JAZZ A MARE CULTURALE URBANO IN NOVEMBRE E DICEMBRE
A mare culturale urbano, in via Giuseppe Gabetti 15 a Milano, in zona 7 vicino allo stadio San Siro, prosegue un'articolata e ricca proposta dedicata alla musica jazz, grazie alla preziosa collaborazione con Novara Jazz ... Leggi di più
ANTEPRIMA GUIDA VINI D’ITALIA 2021 GAMBERO ROSSO A MILANO
Sicuramente un segnale che stuzzica la voglia di ripartire, il tour wine tasting di Gambero Rosso “Anteprima Guida Vini d’Italia 2021” che debutta anche a Milano, il 14 settembre, con il coinvolgimento ... Leggi di più
BOB IL SAPERE DEL BERE MISCELATO: LA DRINK LIST
Aggiornamento febbraio 2021   Empathy è la nuova drink list di Bob che rappresenta una svolta più intima e ancor più sofisticata, (forse generata dalla attuale situazione attuale che sta cambiando così tanto le abitudi... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.