13lug 2022
BOVERI LUIGI E LE EDIZIONI LIMITATE DI TIMORASSO E DI BARBERA
Articolo di: Fabiano Guatteri

Luigi Boveri, patron della cantina Boveri Luigi,  ha presentato in occasione di un press lunch al ristorante Ceresio 7  di Milano due etichette in edizione limitata prodotte per commemorare il trentennale della cantina (foto 1).

 

Va però detto che il vino era prodotto anche prima, ma sfuso. È che nel 1992 l’azienda con altri produttori, decise di imbottigliare in quanto era l’unica strada da seguire per dar visibilità e vita ai propri brand. E in merito Luigi Boveri spiega che quando scelse di imbottigliare, gli fu subito chiaro che da quel momento “ci avrebbe messo la faccia”, ossia l’etichetta, che prima non c’era. In tal modo instaurò con il consumatore una sorta di patto di fiducia. In questo contesto nacque la cantina per imbottigliare. Attualmente l’azienda dispone di 28 ettari vitati dei quali metà di proprietà e i restanti in affitto. I due vini più qualificanti sono la Barbera e il Timorasso. I vitigni sono messi a dimora in base alla composizione del suolo.


La terra marnosa calcarea, cosiddetta bianca, è vocata per la produzione dei vini bianchi. Il terreno argilloso calcareo, detto terra forte o terra scura è, invece, adatto ai vini rossi.
La terra bianca conferisce maggiore finezza, eleganza, mineralità ed esalta l’acidità; la terra scura, per contro comunica potenza, pienezza, ampiezza.

 

Il Timorasso è stato riscoperto circa 30 anni ed è un vino longevo. Che abbia caratteristiche da vino rosso, così da essere talvolta definito Barolo bianco, è dimostrato scientificamente in quanto il 70% dei geni che costituiscono la catena del suo DNA è di vini rossi.
Il Timorasso è stato messo a dimora in terra bianca poco fertile per limitare la produzione, la vegetazione e per concentrare il vino.

 

Ma veniamo alle etichette per celebrare i primi trent’anni della cantina ossia Filari di Timorasso Colli Tortonesi Doc 2015 e Vignalunga Barbera Colli Tortonesi Doc 2015, rappresentative di altrettanti cru. La 2015 è stata un’annata straordinaria, l’uva raccolta era di bellezza e di qualità inarrivabili. Unicamente per la produzione di questi due vini sono state acquistate botti di legno. Per il Timorasso è stato scelto legno di acacia mentre per la Barbera di rovere.

 

I vini in degustazione


Assieme alle etichette celebrative sono state proposte altre due annate di Timorasso, ossia la 2019 e la 2016 (foto 2 e 3).

 

Filari di Timorasso Colli Tortonesi Doc 2019
Per quanto giovane, degustandolo se ne evidenzia la compiutezza. E’ un vino pronto, e lascia intuire come evolverà nel tempo ed è in tal senso promettente. Si coglie il côté fruttato, la frutta tropicale, l’ananas, le note floreali, vaghi ricordi di ginestra e nuance agrumate oltre alla piacevole salinità che lo definisce.

 

Filari di Timorasso Colli Tortonesi Doc 2016
Espressione di un’annata felice in qualche modo quasi perfetta. Il corredo aromatico riprende quello del 2019 enfatizzandolo, con più spinte, ampie e marcate note balsamiche e minerali in fase sia olfattiva, sia gustativa. In bocca è pieno, sicuro, con tocco arrogante.

 

Filari di Timorasso Colli Tortonesi Doc 2015 Edizione Limitata
Il 50 % è elevato in barrique nuove, e in tonneau di secondo passaggio per 12 mesi. Affina in bottiglia dal settembre 2016. Possiede colore giallo paglierino dorato, l’impatto olfattivo è pieno e variegato con ricordi di fiori gialli, sentori agrumati, macchia mediterranea e note minerali. In bocca emerge la salda struttura, e conserva una freschezza non verde, matura, che allunga piacevolmente il sorso e fornisce eleganza al vino insieme con le note minerali ben espresse.


Vignalunga Barbera Colli Tortonesi Doc 2015 Edizione Limitata
Vignalunga è una vigna quai centenaria. Il vino è elevato in barrique per 24 mesi, quindi dal 2017 affina in bottiglia. Possiede colore rosso rubino profondo. I profumi sono fruttati, vago accenno di prugna, ma soprattutto di piccoli frutti come la ciliegia, l’amarena, la mora, il ribes nero e fondo speziato. In bocca è pieno, avvolgente, fresco quanto basta, si riconoscono sentori fruttati già percepiti in fase olfattiva mentre il legno fa da sfondo senza offuscare il ruolo protagonista della Barbera. Acidità, alcolicità, tannini in equilibrio e sorso lungo con ricordi sapidi quasi salini.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
NUOVI ORIZZONTI PER POKE HOUSE: CHIUDE UN ROUND SERIE B DA €20 MILIONI
Poke House, ( ne abbiamo parlato qui ) il brand leader del poke in Europa, annuncia il perfezionamento di un round di finanziamento serie B da €20 milioni guidato da Eulero Capital, con il sostegno di FG2 Capital e ... Leggi di più
I GIOIELLI ITTICI DELL’ALASKA IN VETRINA A IDENTITÀ GOLOSE
I gioielli ittici dell’Alaska in vetrina alla XIII edizione di Identità Golose a Milano, dal 4 al 6 marzo, al MiCo, l’eccellenza della pesca del Pacifico in un elegante e raffinato menù realizzato dallo chef Alessio Taff... Leggi di più
ALTO FERMENTO E LA BIRRA IN OSTERIA | OSTERIA DI PORTA CICCA
La birra artigianale in Italia vanta un’ampia platea di estimatori attenti ai vari stili e a ogni sfumatura aromatica. In questo contesto trova spazio Alto Fermento  progetto che ha per mission la promozione delle ... Leggi di più
 CAPODANNO CINESE A MILANO, L’APPUNTAMENTO DA NON PERDERE
Il Capodanno cinese è ormai entrato, possiamo dire nella “toponomastica” dei festeggiamenti italiani, specialmente a Milano dove, il 25 gennaio, è diventato un appuntamento sempre più popolare, visto che tutt... Leggi di più
IL “PÂTÉ”, E NON “PATÈ”, LINGOTTO DA TAGLIARE. LA RICETTA FRANCESE
ETERNO FEMMINILE | UN FILM DI NATALIA BERISTAIN
Al Cinemino. Uscita: l’8 Marzo in occasione della giornata della donna.   Rosario (nome che in spagnolo è femminile) Castellanos non sembra una donna del suo tempo. Da studentessa universitaria introversa diventa ... Leggi di più
CRISTINA BIOLLO L’ARTISTA DEL VEGETARIANO
Abbiamo incontrato Cristina Biollo (foto 1) in occasione dell’inaugurazione del suo negozio milanese per il format Artisti del Vegetariano (foto 2). I prodotti esposti, ovviamente vegetariani, hanno un aspetto molt... Leggi di più
LA LIMITED EDITION SANPELLEGRINO FIRMATA TOILETPAPER
Tempo d’estate tempo più che mai di bibite, e tra queste le più celebrate Aranciata, Aranciata Amara e Chinò Sanpellegrino. Bevande più che mai attuali proposte ora in limited edition con packaging curato da TOILET... Leggi di più
QUASI 40 VARIETÀ DI OSTRICHE A CASA CON I LOVE OSTRICA
L’Italia è un paese tra i più ricchi di risorse enogastronomiche e questo ci rende molto felici di essere italiani e in Italia risiedere. Però come italini non nutriamo un grande interesse per le ostriche. Sino a n... Leggi di più
MASSIMO BOTTURA E ALAIN DUCASSE PER IL NUOVO REFETTORIO DI NAPOLI
Massimo Bottura (foto 1 a destra) ha appena inaugurato a Napoli “Social Tables Made in Cloister”, un altro pezzo del progetto di Food for Soul, l’associazione no profit creata dallo chef insieme alla mo... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.