03lug 2022
BECONCINI: TREBBIANO MACERATO, TEMPRANILLO, SANGIOVESE MADE IN TUSCANY
Articolo di: Fabiano Guatteri

L’azienda Beconcini nasce a San Miniato da una famiglia di mezzadri. Il nonno di Leonardo Beconcini, l’attuale proprietario, nel 1954 acquista il terreno che ha sempre lavorato, dando così vita alla cantina. Il padre successivamente la specializza in vigneto. Dagli anni novanta Leonardo, coadiuvato dalla moglie Eva Bellagamba, inizia a prendere in mano le redini dell’azienda, e negli anni successivi mette a punto il progetto attuale.

 

Il territorio
Leonardo ed Eva (foto 1) hanno presentano la loro azienda in un incontro con la stampa organizzato dall’agenzia di comunicazione PR Comunicare il Vino  al ristorante illiberty Milano. Nell’occasione sono state presentate alcune etichette tra cui due da uve tempranillo, vitigno storicamente presente nel vigneto. Ma prima di entrare nel merito dei suoi vini, Leonardo ha tenuto a sottolineare l’importanza che riveste la geolocalizzazione dell’azienda, in quanto strettamente legata alla produzione vitivinicola. San Miniato è un luogo di confine, e si trova in un crocevia di tre province, Lucca, Firenze e Siena e in fase alterne nella storia è passata da una provincia all’altra. Ha quindi ha avuto influenze da diversi territori. Per cui vi sono: il sangiovese, re indiscusso; il tempranillo come presenza storica, e anche la produzione tradizionale del Chianti, in quanto San Miniato è parte storica del Chianti Fiorentino perché quando nacque il Consorzio era in provincia di Firenze. La gamma produttiva dell’azienda riassume la storia del territorio. In merito al tempranillo, questo era presente già quando il nonno lavorava come mezzadro, senza però sapere che uva fosse. È stato Leonardo in collaborazione con l’Università Agraria di Milano e con l’Istituto Sperimentale di Selvicoltura di Arezzo ad accertarne il dna scoprendo così che si trattava di tempranillo verosimilmente messo a dimora nel Settecento portato come seme da pellegrini spagnoli.

 

I vini in degustazione (foto 2)

 

VEA Trebbiano Macerato Toscana IGT (foto 3)
Il vino è prodotto interamente con uve trebbiano e la vinificazione ha luogo in vasche di cemento con macerazione del mosto sulle bucce per 40 giorni. Matura in cemento 4 mesi, quindi è elevato in barrique per 3 mesi. Affina 4 mesi in bottiglia.

 

Note gustative
Il colore è giallo intenso con riflessi dorati. Profumi di frutta fresca, cotta e sciroppata, con ricordi di albicocca e di pesca e sfumature agrumate e di miele. In bocca è di grande soddisfazione, intenso, rotondo, morbido, con spiccata salinità e lunghezza

 

 

IXE Tempranillo Campi Nuovi Toscana IGT (foto 4)
Nasce nel 2009 con l’obbiettivo di produrre un vino che rappresentasse la fusione dei due aspetti del territorio, per cui le spezie e il frutto del tempranillo e l’austerità, la mineralità, la freschezza della terra toscana.
La X, pronuncia toscana IXE che ha dato nome al vino, era la lettera con cui venivano contrassegnate le piante di tempranillo prima di conoscerne il nome.
Dalla denominazione riportata in etichetta si evince che non nasce da viti a piede franco, e dopo una selezione massale su un vecchio vigneto che oggi ha superato 100 anni, sono stati messi a dimora questi vigneti che hanno un’età media di 15 anni. Le uve sono raccolte perfettamente mature, meglio un giorno prima che dopo, proprio per “trattenere le briglie”, come specifica Leonardo Beconcini, di un’uva che tende alla concentrazione. La vinificazione, con lieviti indigeni e macerazione del mosto sulle bucce, si protrae per 30 giorni, quindi il vino matura metà in cemento vivo, metà in tonneau per 15 mesi. Dopo l’assemblaggio il vino affina in bottiglia per 6 mesi.

 

Note gustative
Colore rosso profondo con riflessi bluasto-violacei.
Al naso frutta matura estiva rossa e nera come prugna, ciliegia, more di rovo cui si uniscono note balsamiche di eucalipto, spezie tra queste il pepe, mineralità olfattiva.
In bocca è caldo, vigoroso, tannino maturo, piacevole freschezza che allunga il sorso.

 

 

Reciso Toscana Sangiovese IGT 2017 (foto 5)
È stato il primo vino a essere prodotto, nel 1995, ed è l’etichetta più rappresentativa dell’azienda. Vi sono state evoluzioni nel vigneto, ma non è stato mai cambiato lo stile produttivo.
Reciso è l’espressione massima del sangiovese locale e nasce da un singolo vigneto esposto a sud est su terra argillosa pliocenica, leggermente povera. Qui il sangiovese raggiunge una maggiore maturazione rispetto alle terre limitrofe. Inoltre è praticata l’interruzione linfatica, una tecnica di produzione che consiste nell’interrompere gli scambi pianta-grappolo facendo surmaturare quest’ultimo prima di essere raccolto migliorandone così il colore, le caratteristiche aromatiche oltre che alcoliche. Reciso mutua il proprio nome da questa tecnica. La macerazione del mosto sulle bucce in vasche di cemento ha una durata di 5 settimane, quindi è elevato in botti di rovere di Slavonia per 24 mesi.

 

Note gustative
Rosso rubino con sfumature granate, Al naso è fruttato con ricordi di prugna e di ciliegie mature appena raccolte ancora calde di sole, cui si uniscono more, ribes nero, violetta, sentori balsamici mediterranei e di cuoio. In bocca rivela notevole struttura, ancora frutta, in particolare prugna, con trama tannica evidente, ma non graffiante e nuance vanigliate e amaricanti.

 

 

Vigna Le Nicchie Tempranillo Vigna Prephilloxera Toscana IGT 2016 (foto 6)
Unicamente da uve tempranillo sottoposte ad appassimento per 4 settimane. Dopo la pigiatura il mosto macera sulle bucce con lieviti indigeni per 6 settimane. Il vino è poi elevato in botti piccole di rovere francese per 24 mesi e infine affina in bottiglia.

 

Note gustative
Colore rosso intenso con riflessi granati che virano al violaceo.
Profumo di frutta rossa matura, anche in confettura, quindi di piccoli frutti, inoltre si riconoscono fiori esiccati, in particolare la viola. Ricordi di spezie, di cuoio e di liquirizia.
In bocca è caldo, morbido, avvolgente, cremoso, con tannini soffici e finale molto lungo.

 

 

Caratello Vin Santo de Chianti DOC 2009 (foto 7)
Nasce da un uvaggio che comprende malvasia bianca e nera, trebbiano e colombana di viti ultraquarantenni. Le uve, dopo la raccolta, sono fatte appassire 5 mesi; la fermentazione avviene in barrique di rovere e carati di castagno completamente sigillati e negli stessi il vino matura per 6 anni.

 

Note gustative
Colore con ampio spettro aromatico che comprende tonalità giallo, oro, ambrato, rosso tenue chiaro. Al naso è un tripudio di fiori e di frutta, con ricordi di miele e di mandorle. In bocca è elegante e lungo, dolcezza pulita, non stucchevole, componenti ben integrate e ottimo equilibrio tra dolcezza e acidità

 

1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
FAÌVE ROSÉ BRUT, NINO FRANCO. L’ESTATE È ROSA
Faìve è la definizione dialettale di faville , le piccole fiammelle di fuoco che si staccano da un grande falò e danzano nel cielo. Faìve è il nome del Rosé Brut di casa Nino Franco: Merlot, Cabernet Franc, metodo Charma... Leggi di più
ESPERIENZA LAZIALE 50° FISAR 1972-2022 E VILLA SIMONE
Il patron Piero Costantini era menzionato nella pubblicazione di Luigi Veronelli vignaioli storici di cui ho una copia gentilmente inviatami da Luigi, firmata.   Ormai una rarità, il Cannellino è un vino “in via ... Leggi di più
UNA, DIECI BOTTIGLIE PER PAPÀ: VINI, LIQUORI, DISTILLATI
Sì, anche il papà ha la propria festa. Non è festeggiata come quella della mamma, è come dire, "facoltativa" perché se ci si dimentica non succede nulla. Ma il papà, se festeggiato, è ovviamente contento e magari di nasc... Leggi di più
EAST MARKET, TORNA DOMENICA 17 MERCATINO VINTAGE CON FOOD MARKET
Al via domenica 17 febbraio un nuovo appuntamento con East Market, il mercatino vintage milanese dedicato a privati e professionisti, dove tutti possono comprare, vendere e scambiare. 300 selezionati espositori da tutta ... Leggi di più
KLANBARRIQUE: GENESI DI UNA CANTINA DI… BIRRA!
Il Birrificio Italiano è uno dei birrifici storici del panorama artigianale italiano, fondato da Agostino Arioli, il fratello e altri soci nel lontano (per il giovane movimento italiano) 1996. Tanti altri birrifici, in q... Leggi di più
FESTIVAL DELLE BIRRETTE: A MARE CULTURALE URBANO
A mare culturale urbano,  a Milano, dal 22 al 24 marzo 2019 torna il  Festival delle birrette: tre giorni, a ingresso libero, all’insegna di ottima birra artigianale e un programma speciale dedicato a Milano capita... Leggi di più
UNA QUESTIONE DI GOLA: "GOLA GOLA" FESTIVAL A PIACENZA
Piacenza non è solo la città romana fondata per contrastare la discesa in Italia di Annibale nel 218 a. C., non è solo la città medioevale con 100 chiese, 100 palazzi e 100 castelli in provincia. Piacenza è crocevia di a... Leggi di più
FOODLAB, L’AZIENDA ITALIANA CHE AFFUMICA I SALMONI, E NON SOLO
Percorrendo la millenaria Via Emilia (una di quelle arterie pensate e realizzate dal grande ingegno romano, in questo caso il console Marco Emilio Lepido, 2200 anni fa) vuol dire fare un viaggio in una sequenza di frutte... Leggi di più
ALLA MILANO WINE WEEK PROCLAMATI I WINEHUNTER AWARD PLATINUM 2019
Proclamati a Milano i nomi dei 25 vincitori di The WineHunter Award Platinum 2019 della categoria Wines e Old Vintage Collection Ante 2011.   The WineHunter Award è il premio di eccellenza ed alta qualità assegnato ann... Leggi di più
TIMORASSO DERTHONA GRUE POMODOLCE 2016
Il Piemonte, per certi versi anche la Toscana, evoca grandi vini rossi. I bianchi però non mancano e oltre a quelli famosi come l’Asti o l’Alta Langa, ve ne sono altri noti ai wine lover, ma non ai più.   T... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.