20feb 2021
APPUNTI DI VIAGGIO: L’OLTREPÒ PAVESE, IL MIO CAVALLO E IL SALAME A VARZI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Dafnis è il mio cavallo. Insieme abbiamo fatto molte esperienze sia nei maneggi di città sia in campagna. Adesso non è più un giovanotto, ma quando lo era saltava gli ostacoli con allegria e ai concorsi non mi ha mai deluso; se me la doveva fare, si esprimeva nelle prove del giorno prima, magari bloccandosi di fronte a un ostacolo, ma in gara mai. Per un certo periodo lo portavo con me in vacanza da Giancarlo e Roberta, in un piccolo maneggio vicino alla mia casetta nell’Oltrepò. Il posto mi piaceva molto, a cominciare dal nome, La Fuga. Si trovava, o meglio si trova, a due passi da Varzi e oggi è diventato un agriturismo. La mattina mi svegliavo verso le sette per fare una passeggiata con lui mentre il sole non era ancora caldissimo, perché già verso le nove diventava insopportabile.

 

Arrivavo in auto e lui, che riconosceva il rumore del motore era già con la testa fuori dal box e le orecchie ritte. La sua altezza era esaltata dalla vicinanza degli altri cavalli che erano da passeggiata (monta americana). È un Hannover, al garrese è alto 173 cm e non è poco. Gli mettevo la capezza, allacciavo la longhina e lo portavo fuori; lui mi seguiva fiducioso come un cagnolone. Lo pulivo, gli svuotavo gli zoccoli, lo strigliavo, lo spazzolavo, gli mettevo il morso, la sella, le stinchiere, la cuffietta per proteggergli le orecchie da eventuali insetti, poi lo montavo e andavamo a spasso. Il maneggio aveva uno spazio anche per lavorare. A volte lo lavoravo una ventina di minuti, e poi andavamo verso lo Staffora, affluente del Po. L’andatura era al passo, soprattutto nella boscaglia, ma quando uscivamo dalla macchia ci concedevamo una galoppata. Mi piaceva sentirmi nella natura là dove le automobili non potevano arrivare. Ma mi piaceva ancor di più essere con lui, Dafnis.

 

Tornati al maneggio, lo svestivo, gli facevo la doccia con la canna dell’acqua, lo asciugavo e poi lo lasciavo libero in una paddock che era di fatto un frutteto. Lo lasciavo circa un’ora poi quando il caldo mi sembrava eccessivo per lui, entravo e fingevo di cogliere qualche frutto dai rami; Dafnis allora mi veniva vicino e mi toccava con il muso la schiena. Allora prendevo una prugna e la snocciolavo; lui mi si parava davanti e con le labbra me la prendeva dalle mani. Se gli voltavo le spalle per andare a cercare un frutto su un altro albero, mi seguiva perché sapeva che lo raccoglievo per lui. Poi lo portavo al fresco della scuderia dove rimaneva sino a tardo pomeriggio; allora, quando non faceva più molto caldo, lo prendevo e lo lasciavo libero nel paddock sino all’ora di rincasare. Quella era la quotidianità, ma a volte si organizzavano passeggiate. Partivamo presto la mattina e quando il sole era alto eravamo ormai nel fresco dei boschi. Un giorno la meta era una casetta di legno con un fosso vicino e un’ampia spianata delimitata da una siepe che delimitava un ampio rettangolo. Era a cinque ore di cavallo da Varzi, la strada era in buona parte in salita. Quando arrivammo sistemammo i cavalli che avevano tanta erba verdissima da brucare e preparammo la brace su cui organizzammo un barbecue.

 

Le bottiglie di vino erano nel fresco del fosso. Mangiammo, bevemmo, e dopo una piccola siesta, rivestimmo i cavalli e cominciammo il percorso di ritorno, seguendo una strada diversa da quella della mattina. Quando il terreno lo concedeva andavamo al galoppo per poi riprendere il passo. Arrivammo alla Fuga verso le 7 di sera; sistemammo i cavalli, bevemmo acqua, poi Giancarlo scese in cantina e tornò con un salame che per le incrostazioni, il profumo e la consistenza doveva avere parecchi mesi. Del resto eravamo in agosto e il mio amico all’epoca insaccava i salami in dicembre. Aprì anche una bottiglia di vino, perché con il salame l’acqua non si abbina. Assaggiando la prima fetta sentii tutto quello che mi aspetterei da questo salume, ma che raramente trovo: la sapidità piena, ricordi di vino, o meglio del sapore che il vino unito nell’impasto conferisce ai salumi, aromi di pepe, sentori vagamente agliacei, ricordi di tartufi, di funghi, di foglie secche, consistenza soda, ma non dura. Insomma non capita tutti i giorni di poter assaggiare un salame così. Qualche fetta e un bicchiere di vino rosso ci rimisero in forze. Poi salutai Dafnis, lo ringraziai, gli diedi qualche carota e un appuntamento per la mattina successiva.
 

Da
Fabiano Guatteri
Prelibatezze
Fabbri Editore

1

Photo Credits

Photo 1 : Couleur da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
NATALE 2019: I 50 PANETTONI ARTIGIANALI, LUXURY E DI TENDENZA
Le feste natalizie celebrano sempre più i panettoni artigianali di tendenza: farciti, alla frutta, con creme e liquori, la scelta è di anno in anno sempre più ampia e per tutti i palati, anche per gli amanti del lievitat... Leggi di più
INSOLITUS OSSIA HOM, QUOTA, HORA, GIOCHI ENOLOGICI DELL’ABBAZIA DI NOVACELLA
Insolitus è il nome del nuovo progetto dell’Abbazia di Novacella che ha dato vita a tre vini nati da sperimentazioni sia su vitigni, sia su tecniche enologiche. Sono stati recentemente presentati a una platea di gi... Leggi di più
LA FINESTRA SUL CORTILE | SCORCI DI COLLEZIONI PRIVATE ALLA GAM
 Si potrà visitare fino al 26 febbraio 2017 la mostra “La finestra sul cortile” che si snoda all’interno della GAM, Galleria d'Arte Moderna, e che mette a confronto il tema del collezionismo privato attraverso un dialogo... Leggi di più
COLOMBE E UOVA POSTPASQUALI
Avviso ai più inossidabili “carnivori". Da lunedì 22 è aperta la caccia alla “carne” a buon prezzo. Passata Pasqua, potrebbe essere possibile che qualche locale che non è riuscito a smaltire tutta la &l... Leggi di più
CIRCO LUCE, IL CIRCO IN UNA SCATOLA, ANZI DUE: IL 6 MAGGIO A MILANO
Circo Luce. “Saltando da un lato all’altro della scena, Giuanin inizia il viaggio della sua fantasia spiluccando grappoli di chicchi d'uva così grandi da far impallidire il più ingordo lillipuzziano, mangiando torte mult... Leggi di più
TORINO FILM FESTIVAL: VIAGGIO NELLA CITTÀ DEL CINEMA
Cinefilo, giovane, sperimentale, il Torino Film Festival è da 34 anni l'occasione migliore per conoscere la produzione internazionale più all'avanguardia, i film indipendenti e d'essai, e quelli dei paesi extraeuropei ch... Leggi di più
WALTER DI GEMMA: AVERE IL SENSO DELLO STATO IN UNO STATO CHE FA SENSO
Walter Di Gemma, cantautore e cabarettista milanese che abbiamo  inervistato qui, presenterà il suo nuovo cd “CIELI E PIUME” |  domenica 20 maggio – ore 16 presso il Teatro Oscar. Lo spettacolo “... Leggi di più
NOLO FRINGE FESTIVAL
Dall'8 al 13 settembre il quartiere milanese di NoLo sarà animato dallaseconda edizione del NoLo Fringe Festival, la rassegna di arti performativeche porta il teatro nei luoghi dove non lo si aspetta: bar, locali, parchi... Leggi di più
TALKIN’GUCCINI - DI AMORE,DI MORTE E ALTRE SCIOCCHEZZE
Tieffe Teatro Milano con il sostegno di Regione Lombardia – Progetto NEXT 2015 inserito nel progetto Area M, al Teatro Menotti  presenta TALKIN’ GUCCINI di amore, di morte e altre sciocchezze racconto teatra... Leggi di più
CENA BENEFICA AL PRINCIPE DI SAVOIA PREPARATA DA 10 GRANDI CHEF
La primavera, a Milano, arriva anche con un Charity Dinner, quello a favore dei progetti che Azione contro la Fame ha in essere in oltre 50 paesi in tutto il mondo, e tutti finalizzati alla lotta contro la malnutrizione.... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.