28dic 2016
ANDREA CUOMO, CESSATE IL CUOCO UNA RICETTA PER SOPRAVVIVERE ALLA…
Articolo di: Fabiano Guatteri

Cessate il cuoco, una ricetta per sopravvivere alla bolla dell’alta gastronomia (che presto scoppierà), è un libricino di cinquanta pagine che si rivolge al mondo della gastronomia dove ci sono protagonisti, interpreti e spettatori ciascuno con un proprio ruolo. L’autore, il giornalista Andrea Cuomo, lo sferza, evidenziandone i limiti, definendolo come  “ … la bolla del cibo, tanto fumo e poco arrosto”.  Cuomo usa come arma della critica l’ironia, per cui non la scure, ma piuttosto il fioretto che colpisce di punta, non di taglio, arrivando a toccare il punto nevralgico con precisione chirurgica. Un libro così diretto, senza mediazioni, senza piaggerie non poteva passare inosservato; le considerazioni dell’autore, anche autoironiche, mai acide, sono irreprensibili. Quello che fa Cuomo non è puntare i riflettori sul profilo nobile dei personaggi che, con diversi ruoli, popolano il mondo della gastronomia, ma sul profilo più complessivo da cui emergono provincialismo, volgarità diventata stile comportamentale, cialtroneria, furberie, invidie e asti, vittimismo nelle sconfitte, arroganza nelle vittorie. L’autore nota anche la grande distanza tra gli chef più noti ed esclusivi e il pubblico televisivo che li segue. Gli appassionati di sport, di musica, di spettacoli cinematografici possono arrivare ai personaggi o alle opere che ammirano con relativa facilità, acquistando un biglietto o guardando la televisione. Ma gli chef, invece, sono famosi sulla fiducia, perché i loro piatti non li prova nessuno: i loro ristoranti sono infatti inaccessibili agli appassionati non facoltosi, ossia ai più. Protagonisti di questo libro sono pure i critici gastronomi, le cui valutazioni sono spesso addolcite dall’oste che riconosciutili pratica sconti quando non offre l’intero pasto così da far risparmiare al gastronomo non solo quattrini, ma anche critiche. Del resto Cuomo nota come nel mondo della gastronomia non esistano stroncature: coltellate alle spalle sì, ma alla luce del sole tanti elogi e abbracci. Non esistono stroncature perché chi non vale, ed è questa la spiegazione invalsa, non merita spazi… ma se qualcuno muove critiche a un mostro sacro finisce impallinato, espulso dall’organismo come un corpo estraneo. Ci sono anche i blogger, a popolare il libro, pure quelli talvolta pagati per utilizzare determinati prodotti nelle loro ricette così da trasformare la cronaca in pubblicità, senza chiamarla tale. Non risparmia le guide e i loro ispettori, anche se alla fine i loro punteggi sono “l’unica bussola decentemente funzionante per distinguere il buonissimo dal buono e il buono dal resto”.

E il mondo del vino non manca di miserie. Il Grande Circo Gourmet, come lo definisce Cuomo, è “la mandria transumante dell’enogastronomia” che è composta da chef, giornalisti, produttori, uffici stampa, e qui l’autore si dilunga tratteggiando alcune tipologie come il professionista del buffet, l’imbucato, il dispensatore di biglietti da visita e via elencando. Cuomo con Cessate il cuoco ha saputo scrivere un libretto che segnala fatti, senza troppe interpretazioni. E per essere più chiaro, quando serve, non risparmia nomi e cognomi.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
BADIA DI MORRONA, I SODI DEL PARETAIO 2017
La famiglia Alberti produce vini Chianti dal 1939 e dispone di circa 110 ettari dei quali la metà sono coltivati a sangiovese. Tra i Chianti prodotti uno giovane, che si avvicina di più al vino quotidiano beverino e fres... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
AL MERCATINO "IL BUONO IN TAVOLA" PER SCOPRIRE I PRODUTTORI (1/2)
Aggiornamento 1 aprile 2019 Questo mese Il Buono in Tavola sarà presente per 5 martedì: il 2, il 9, il 16, il 23 e il 30 Aprile dalle 8:30 alle 14:30. Tra i jolly che caratterizzano l’edizione 2019, martedì fa il ... Leggi di più
SETTEMBRE GASTRONOMICO DI PARMA 2021
Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, la filiera del latte e quella del pomodoro possiamo dire che sono dominanti e non può essere diversamente, siamo a Parma, anzi nella Città Creativa della Gastronomia Unesco. Ma q... Leggi di più
SPAGHETTI AL LARDO CON CALAMARI, POLPO E COLATURA DI ALICI
PRESO LADRO DI MERENDINE | ERA UN SERIAL KINDER
E’ stato preso il flagranza di reato D.G. noto ladro di merendine, conosciuto anche come serial Kinder.   Questa volta non si tratta di un romanzo, né l’autore dell’arresto è il commissario Montalbano... Leggi di più
ASPARAGI ALLE UOVA IN CEREGHIN E FORMAGGIO GRANA
L’OSTERIA DEL TRENO TRA RICORDI DEL PASSATO E PRESIDI SLOW FOOD
Sono capitata all’Osteria del Treno per caso. A Milano per impegni personali, hotel in piazza della Repubblica, non ho voglia di buttarmi nella movida festaiola del giovedì sera milanese.   Fa freddo, quasi nevic... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.